Lo aveva promesso, ora Grillo deve mollare

E adesso Grillo cosa fa? Smentisce Grillo? Perché Beppe era stato chiaro e nitido: se non vinco le Europee mollo tutto. E ora deve mollare, non c’è margine di manovra. In rete i soliti maligni stanno già inondandolo d’insulti e provocazioni, lo stanno ripagando con la sua stessa moneta. Lui, quello che verifica, controlla e cerca di inchiodare tutti alle promesse fatte, ora si è inchiodato da solo. Coerenza, ora si gioca tutto attorno a questa parola.  Eccola la frase incriminata: “La situazione è questa: o li cacciamo democraticamente noi a maggio, oppure arriveranno altri che lo faranno diversamente.O vinciamo, o stavolta […]

  

Berlinguer non ti voglio bene

Sul precipizio del silenzio elettorale un nuovo tema ha fatto irruzione sulla scena politica: Enrico Berlinguer. Attualissimo, oserei dire. Il leader comunista morto nel 1984 è stato riesumato per raccattare qualche voto e la salma se la stanno contendo Matteo Renzi e Beppe Grillo. Il compagno Berlinguer. Ma è un bene che sia successo, perché così scivola il sipario su due forze politiche e due leader, quelli in testa ai sondaggi, che sostengono di essere i fondatori della nuova Italia. E poi litigano sulla tomba di una cariatide del comunismo, per accaparrarsene l’eredità. Per carità se i cespiti includono la […]

  

Fottiamocene dello spread

Non ho alcuna simpatia per Grillo. Se vi è capitato di leggere quello che ho scritto in questi anni su questo sito e in questi mesi su questo blog ve ne siete accorti. Ho iniziato a occuparmi del fenomeno grillino ancor prima che nascesse il Movimento 5 Stelle e, con fasi alterne, non ho più smesso. Ho pure scritto un ebook sul primo successo elettorale dei pentastellati, quello dell’elezione di Pizzarotti, per intenderci. Ne ho ricavato qualche soddisfazione, un po’di insulti e minacce su Facebook, l’antipatia di qualche papavero grillino e una querela. Poco male. Fa parte del lavoro. Non […]

  

Non trasformate Uber in un baluardo liberale

Uber è una figata. Ma non trasformiamolo in un presidio di libertà e democrazia, per favore. In questi giorni a Milano e di riflesso un po’ sui giornali di tutto il Paese infiamma la polemica sulle berlinone nere che si chiamano con una app per smartphone. Per farla brevissima: i tassisti non vogliono tra le palle la concorrenza, secondo loro sleale, degli scagnozzi di Uber, la società californiana che si è inventata questo geniale servizio. Perché, al di là delle opinioni personali e dei tecnicismi burocratici, l’idea di mettere in contatto tramite un’applicazione autisti e passeggeri, fornendo un servizio di […]

  

Italia, Repubblica a responsabilità limitata

Facciamo un gioco. Facciamo finta che in un Paese qualunque del mondo un presidente del Consiglio sia stato costretto alle dimissioni. Dimissionato, disarcionato, scalzato. Dite un po’ come vi pare. Questo signore aveva preso un sacco di voti alle elezioni. Certo poi c’erano state le inchieste giudiziarie, una campagna mediatica a base di letame, gli smottamenti all’interno della sua compagine politica (tutti fenomeni spontanei? Pare di no) e logicamente un’erosione del sostegno popolare. Ma lui, questo signore, le elezioni le aveva vinte e aveva tutto il diritto, nel bene o nel male, di arrivare alla fine del proprio mandato. Poi ci avrebbero […]

  

Genny ‘a carogna e lo Stato umiliato

Nome: Gennaro. Qualifica: capo ultrà della curva Sud del San Paolo. Soprannome: Genny ‘a Carogna. Nomen omen. Signori sappiatelo: è stato lui per un minuto, forse un’ora, il presidente della Repubblica italiana. Non chiamatela Coppa Italia, semmai Accoppa l’Italia. Lui, quello a cavalcioni della palizzata dell’Olimpico, quello che dirigeva l’orchestra. Quello della trattativa. Non la fantomatica trattativa Stato-Mafia, la trattativa Stato-Ultras. Tutto fuorché segreta. Perché non c’è stato neppure il pudore dell’omertà e dell’occultazione. Tutto in diretta sulle reti Rai. Lui, quello con la maglietta che inneggiava a Speziale, l’assassino di Raciti, ispettore di polizia ucciso negli scontri tra i […]

  

Il blog di Francesco Maria Del Vigo © 2017