Riascoltandola, questa vecchia canzone di De Andrè, mi è parsa a suo modo adatta, in certi particolari quasi sartoriale, all’arrivo della Costa Concordia a Genova e a tutto il circo che si è acceso attorno al relitto della tragedia.