Il vaffa di Grillo ai grillini e i 5 badanti

Clic. In un attimo. Sotto un’inflessibile pioggia novembrina. Con una Liguria ancora allertata per il maltempo. Clic, un colpo di indice sul mouse e il Movimento 5 Stelle si è afflosciato. Grillo molla. Non ce la fa più. È stanco, anzi “stanchino”, come scrive sul suo blog. Cinque anni dopo la fondazione (era il 4 ottobre del 2009) Grillo depone le armi, passa la palla, di fatto dà l’estrema unzione a un Movimento la cui parabola astrale sembra calare inevitabilmente. I sondaggi non sorridono più ai grillini, Renzi gli ha succhiato la polpa dell’antipolitica e li ha fatti invecchiare precocemente. […]

  

La decrescita infelice del M5S

Alla fine, la decrescita è  infelice anche per loro. Loro che si bardavano da alfieri delle teorie di Serge Latouche. Gli piacerà anche la decrescita economica, ma per ora l’unica inversione di tendenza al loro orizzonte è quella elettorale. E non gli piace per niente. Le consultazioni di domenica scorsa sono state un selfie dal quale il grillismo è uscito piuttosto malconcio. Tra Emilia Romagna e Calabria i pentastellati hanno perso all’incirca 400mila voti  rispetto alle europee. Anche se Grillo, come il più rodato politico democristiano, si è affrettato dal suo blog a fare il gioco delle tre carte per […]

  

La libertà di criticare. Anche Napolitano

In Italia funziona così: se sei di sinistra insulti chi ti pare ed è un fiorire di pacche sulle spalle. Se sei di destra e te la prendi con un presidente della Repubblica di sinistra (non può essere altrimenti, ché di destra non ce ne sono mai stati) sei un energumeno socialmente pericoloso e ti meriti una condanna a sei mesi (con pesa sospesa, per fortuna, ma l’avvertimento è cristallino). Certo, direte voi, c’è di mezzo il vilipendio al presidente della Repubblica, mentre non esiste nessun reato per le prese per il culo – o gli insulti – nei confronti […]

  

A Tor Sapienza i grillini perdono la verginità

Le Cinque Stelle non precipitano, ma lentamente tramontano, svaniscono tra le nubi della politica. I sondaggi descrivono un partito forte (rimane sempre la seconda forza del Paese) ma in lenta e costante erosione. È finita, almeno al momento, la spinta propulsiva. I grillini, disossati dal renzismo, sputtanati dalle deliranti amministrazioni di Livorno e Parma, contaminati dal disamoramento del leader, non saltano più. Sono già fuori moda, fuori tempo, vecchi. Hanno perso il ritmo, la sintonia, con la pancia del Paese. La luna di miele si è liquefatta e loro, da megafono della rabbia popolare, si sono trasformati in bersaglio. Bruciati […]

  

Il topless di Veronica Maya può costarci 60 euro

Attenti al canone. Il canone morde. Il canone abbaia. Il canone è rabbioso. Il canone non è un animale da compagnia ma da guardia e vigila su una proprietà pubblica che si è trasformata in privata. Non è un cucciolo di quelli  che piacciono tanto in rete, è una bestia. Ora, fatte queste premesse, spiegatemi per quale diavolo (eufemismo) di motivo io dovrei pagare questa odiosa tassa pur non avendo un televisore. Adesso, lo so che quelli che non hanno una tv in casa destano sempre qualche sospetto e sono in odor di pericoloso radicalchicchismo. Non è il mio caso, […]

  

Il blog di Francesco Maria Del Vigo © 2017