A Corona 13 anni, a Schettino 26

Lo so, vi ho già ammorbato non più tardi di cinque mesi fa con Fabrizio Corona. Ma vale la pena tornare sull’argomento, dato che è – ancora una volta – cronaca di giornata. La Cassazione ha deciso che l’ex agente fotografico non ha diritto allo sconto di pena che gli era stato concesso dal gip del Tribunale di Milano In poche parole: la condanna che deve espiare è di 13 anni e due mesi e non più di nove anni. Ora, Corona è (sarebbe meglio dire era) uno sbruffone insopportabile, un tamarro incontenibile e un delinquente impenitente che ha collezionato […]

  

Ma così siamo il bancomat dei terroristi

Sono libere. Sono vive. È una buona notizia e, ora più che mai, ne abbiamo bisogno. Ma ci sono tanti “ma”. E non si possono tacere. Il primo è che se loro stanno bene, in compenso, il nostro stato non gode di altrettanta buona salute. Il governo infatti avrebbe pagato dodici milioni di euro di riscatto per Greta e Vanessa. Un conto salatissimo in un Paese che, per legge, congela i beni dei parenti di chi è stato sequestrato. Ma qui i parenti, si fa per dire, sono lo Stato, siamo noi. Ed è noto che per lo Stato non […]

  

Caro Renzi, anche a destra leggiamo

No, questa Renzi non la doveva dire. Questo cliché triste, da sinistra in crisi di identità poteva risparmiarselo. Capisco il gusto per la battuta e la necessità di uscire da una brutta situazione buttando tutto in vacca. Ma il giovin battutista fiorentinto, solitamente, ha boutade molto più felici in faretra. Invece oggi non ce l’ha proprio fatta. Contestualizziamo. Oggi si chiude il semestre italiano di presidenza dell’Unione Europeo. Ah perché era iniziato?, direte voi. Infatti non se ne è accorto nessuno. Vi ricordate cosa dicevano, politici e opinionisti, prima dell’inizio di questa scampagnata a Bruxelles? Una grande e storica opportunità […]

  

La “merda” radical chic sbarca da Eataly

“Real shit”. Purtroppo per i lettori ha una sola traduzione: vera merda. E la vende – tecnicamente -Eataly, il supermercato di lusso fondato da Oscar Farinetti, il geniale imprenditore di rigoroso culto renziano. O forse è Matteo ad essere di credo farinettiano, fatto sta che Oscar ormai è il gran custode della cucina democratica. Spieghiamoci meglio: nel grande magazzino vengono vendute un sacco di prelibatezze, un capodanno di gusti per le nostre pance. Ma tra le scatole e i barattoli in esposizione c’è una latta particolarmente originale. Un prodotto geniale e un po’ situazionista, non privo di ironia. “Real shit”, […]

  

Il blog di Francesco Maria Del Vigo © 2017