L’ipocrisia sui barconi, l’incompetenza di Renzi

Siamo nelle mani di quest’uomo. Matteo Renzi, presidente del Consiglio, ospite di Lucia Annunziata a In Mezz’ora, su Raitre il 22 febbraio.   (ANSA) – MILANO, 20 MAG – Il marocchino di 22 anni arrestato dalla Digos di Milano a Gaggiano (Milano) per l’attentato del museo del Bardo di Tunisi si chiama Touil Abdelmajid, ed era già stato identificato nel febbraio 2015 a Porto Empedocle dopo essere arrivato con un barcone con altre 90 persone.  

  

Due cose (egoiste) sulla pensione e chi non la avrà

Due cose, solo due. Sulle pensioni e sul grande casino che si è scatenato dopo la sentenza della Consulta. Due cose umanamente scorrette, più che politicamente. Due cose molto egoiste. Ma d’altronde chi ha detto che l’egoismo è una brutta bestia? Lo dice la morale, specialmente quella cattolica. Ma la storia dell’uomo ci racconta come spesso l’egoismo sia stato il propellente di grandi conquiste per tutti, magari involontariamente (sul tema c’è un bel libro: In difesa dell’egoismo, di Barbara Di Salvo). Ecco allora quello che voglio dirvi, faccio in fretta così mi sento meno in colpa: non me ne frega niente […]

  

I disadattati che tengono in ostaggio le piazze

In Italia la libertà di parola costa 8500 agenti di polizia. Un piccolo esercito personale. Necessario per poter fare politica senza tornare a casa con le ossa rotte. Mi riferisco allo scazzo scoppiato tra Matteo Salvini e Angelino Alfano e ai dati forniti dal ministero dell’Interno. Da febbraio a oggi sono tante le forze dell’ordine impegnate durante le manifestazioni e i comizi del leader della Lega. Un’enormità. Un plotone di agenti che, comunque, non è riuscita a impedire disordini, tafferugli e persino feriti. Ora, si può discutere a lungo del programma di Salvini, delle sue provocazioni e delle sue sparate. […]

  

L’orribile “fascismo” degli antifascisti

“Correggere”. Un parola che già mette i brividi. Se poi la “correzione” – la rieducazione – riguarda un bambino di quattro anni le tinte diventano ancora più fosche. Partiamo dal principio. Repubblica di oggi racconta, con un certo compiacimento, una storia delirante. A Cantù un bambino di quattro anni si presenta all’asilo salutando tutti, maestre e compagni, con il braccio teso. I responsabili della scuola materna convocano i genitori del microbalilla, i quali – senza indugi – ammettono di avergli insegnato il saluto fascista: “Vogliamo dargli un’educazione rigorosa”. Non pago il padre arrotola la manica della camicia (non è dato […]

  

Gli ipocriti che solo ora denunciano i black bloc

Ora sono tutti cattivi. Tutti incazzati. Tutti decisionisti. Tutti per il pugno di ferro con i violenti. Per Pisapia i black bloc oggi sono degli “idioti”. E incredibilmente è lo stesso Pisapia che coccola da anni i centri sociali, non un altro. Per Angelino Alfano sono addirittura degli “imbecilli”. Ed è lo stesso Angelino Alfano che ha legato le mani alla polizia con delle regole di ingaggio altrettanto “imbecilli”, non un altro. Venerdì primo maggio, festa dei lavoratori, primo giorno di Expo, non è stato solo il giorno della vergogna. È stato anche il giorno dell’ipocrisia. Il giorno in cui […]

  

Il blog di Francesco Maria Del Vigo © 2017