Saviano e gli intellettuali (anti)democratici

Ohhhh. Ci mancava un appello… Era un po’ che ne attendevamo uno con estrema apprensione. Quando un intellettuale – o sedicente tale – è in crisi di identità e preda della sua vanità, di solito, mette il suo nome in calce a un appello. Per far vedere di esistere. Firmo dunque sono. Celeberrimo, dalle nostre parti, lo schifoso appello contro il commissario Luigi Calabresi. Oggi su La Repubblica compare l’ennesimo appello. Indovinate un po’ con chi se la prendono lorsignori? Coi populisti. Leggiamo l’incipit perché è stranamente sincero: “Come la Brexit, la vittoria di Donald Trump ancora una volta ci […]

  

I trumpiani del giorno dopo

C’è da scommetterci: l’effetto più clamoroso e imprevisto della già imprevista vittoria di Donald Trump riguarderà i parrucchieri. I convertiti dell’ultimo minuto, non sapendo più come dimostrare di avere qualcosa in comune al tycoon, inizieranno a pittarsi la testa di giallo. I primi effetti hanno già superato la soglia del ridicolo. Il premier Matteo Renzi, non sapendo più che pesci prendere, dopo l’elezione di The Donald ha fatto immediatamente rimuovere la bandiera dell’Unione Europea dal suo ufficio. Sostituita con una sfilza di Tricolori. Pare che il suggerimento glielo abbia dato il consigliere Jim Messina. non certo il guru Filippo Sensi, […]

  

Trump e la scoperta dell’America

Funziona così per tutte le cose. Puoi essere il più bravo scrittore del mondo, o il miglior stilista dell’universo ma finché non finisci sulle prime pagine dei giornali statunitensi, finché non hai successo in America, non conti un accidenti. E questa regola aurea – che in verità è di un materiale molto più scadente e di personale autoproduzione – vale per tutto. Ora che Donald Trump – l’impresentabile!, il capitalista!, il donnaiolo!, il maschilista!, l’arricchito!, il razzista!, lo scorrettissimo battutista! – ha stravinto le elezioni americane anche gli intellettuali più chic e fighetti, quelli sempre alla moda, di colpo fingono […]

  

Il blog di Francesco Maria Del Vigo © 2017