Italia razzista? “Vergognatevi”.

salvini1IMG_0318

Attacco razzista e xenofobo nei confronti di Daisy, l’atleta italiana di colore? Macché, sono solo balle spaziali. Costruite ad arte per sferrare l’ennesimo attacco politico contro Matteo Salvini. Perseguitato e accusato. Come se fosse stato lui, in persona, con le sue stesse mani, a lanciare con forza l’uovo contro la giovane atleta di origine africana. È stata proprio lei, Daisy, a parlare di razzismo. Senza pensarci due volte. Senza esitare. “Mi hanno colpita perché sono una ragazza di colore. Perché sono africana. Mi hanno scambiato per una prostituta…” Ha dichiarato alle decine di giornalisti accorsi per intervistare “l’ennesima vittima di […]

  

Salvini nel mirino della sinistra

IMG_0313

È colpa di Salvini. Si, è sempre colpa sua. A prescindere. Qualsiasi cosa accada nel nostro Paese (di brutto, si intende) è da attribuire al ministro dell’Interno. Basta poco per far partire la macchina del fango. Delle accuse, le peggiori. A lui, e al suo elettorato, tacciato di “razzismo“. Perché, se un operaio di colore, che vive in Italia da venti, dico VENTI anni, viene colpito alle spalle da un “proiettile” di gomma mentre è al lavoro, la colpa è di Salvini! “È lui che lo ha armato. Sono state le sue parole, le parole del ministro. Si, proprio le […]

  

La crociata contro i furbetti

furbetti-cartellino-835

Le impronte digitali per i dipendenti pubblici al posto del badge? Giusto! Perché scandalizzarsi. Anzi, suggerirei al ministro Bongiorno il “braccialetto elettronico”! È l’unico modo per evitare che, dopo aver timbrato con il polpastrello, i dipendenti si dileguino. Spariscano. Magari per fare la spesa al supermercato o, addirittura, svolgere un secondo lavoro. Questa potrebbe essere la vera e unica soluzione per sconfiggere una volta per tutte il problema.   Nonostante i controlli serrati e gli “occhi” attenti e vigili delle telecamere della guardia di finanza puntate negli androni di molti comuni italiani, c’è ancora chi non si rassegna all’idea di dover […]

  

Altro che tagli, si aumentano il vitalizio!

IMG_0086

È proprio vero: non c’è limite all’indecenza. Soprattutto per i consiglieri regionali (d’oro) della Calabria. Sapete cosa hanno combinato questa volta? Si sono aumentati il vitalizio. Si, proprio così! Altro che tagli e restrizioni. In Calabria queste parole sono davvero sconosciute. I sacrifici valgono solo per i cittadini, guai a chiederli alla casta. Ai politici. L’aumento è dell’1,1%. Beh, poco direte voi. E invece no! Perché come scrive su IlGiornale.it Pietro Bellantoni, questo aumento costerà alle casse della regione circa 120 mila euro in più all’anno. Soldi che si aggiungono ai circa 10 milioni – DIECIMILIONI – già spesi annualmente […]

  

Centri a-sociali

IMG_0078

Cosa avranno mai di sociale i centri sociali? “Na beata minchia!!” Direbbe l’ormai celeberrimo Cetto Laqualunque. Attività socioculturale, zero. A detta di chi ne ha visitati tanti. Io mi sono astenuto, finora, dal farlo. Mi è bastato vederli in azione per le strade e le piazze delle nostre città. Quando arrivano si presentano come facinorosi, violenti e distruttivi. Una buona parte di loro, senza tema di smentita, proviene dalla “buona borghesia” italiana: papà e mamma professionisti, magari di sinistra, magari post sessantottini, magari disattenti nell’unico compito che dovrebbe preoccupare un genitore: l’educazione dei propri figli. Si, perché sono maleducati e […]

  

L’Albania? Per gli italiani è la nuova America

IMG_0057MIGRANTI: IL RICORDO DEL MAXI ESODO IN PUGLIA, 'FU MIRACOLO'

L’Italia è sulla via del fallimento, ad un passo dal baratro. La prova? È sotto gli occhi di tutti! La mala politica, la malasanità, la malagiustizia, la corruzione. Questi sono solo un piccolo esempio. Il fallimento del Bel Paese si legge, soprattutto, negli occhi dei milioni di italiani che sono stati costretti a fare le valigie e fuggire. Scappare via, in cerca di un futuro migliore. Felice, sereno. Giovani e meno giovani, studenti ed imprenditori, pensionati e semplici lavoratori. Come Massimo, in Italia un cuoco come tanti, pagato male e precario, in Albania, invece, è uno chef molto apprezzato e […]

  

Ancora tasse. Lo Stato ci spreme come gli agrumi

IMG_0035IMG_0044

Ora ci fanno pagare anche i sacchetti per la frutta e la verdura. Si, avete capito bene, proprio quelli che utilizziamo per le mele, le banane, i carciofi, le cipolle, le carote… Quei sacchetti ci verranno addebitati sulla spesa di ogni giorno. Incredibile, ma vero. Dal primo gennaio tutto cambia e nulla cambia: le tasse aumenteranno e i poveri rimarranno poveri. D’altronde, cosa potevamo aspettarci da questo governo appena sciolto se non la fregatura?  In Italia troppe cose non vanno per il verso giusto. Troppi cittadini Italiani sono stati abbandonati. Rita ne è un esempio, è costretta a vivere con […]

  

Parla il re degli immigrati

riace-sindaco

Il sindaco dei sindaci finalmente parla. A modo suo naturalmente. Lo fa a TeleMia, nella televisione amica. Parla sì, ma senza essere interrotto perché altrimenti “mi alzo e me ne vado”. (E così, alla fine, ha fatto). Stiamo parlando di Mimmo Lucano, il re dell’accoglienza. Retribuita. Si, perché a Riace, in provincia di Reggio Calabria, nel paese dei balocchi, nell’isola felice, nella città degli immigrati, “senza soldi non si cantano messe”. Senza soldi “l’accoglienza” vacilla e gli immigrati scalpitano. Ma lui si giustifica: “La colpa è dello Stato. Noi abbiamo bisogno dei soldi per portare avanti il nostro progetto.” Ha […]

  

Il rom stupratore? “Un bravo ragazzo!”

A98803BC-CD72-44F8-A0B2-B921C05B7B42C213A0DD-0C9B-4E84-B0ED-D360A57654E3

Per il fratello di Mario Seferovic, meglio conosciuto come Alessio il Sinto, il rom ventunenne arrestato con l’accusa di aver ammanettato e stuprato due ragazze romane di 14 anni, è tutta un invenzione. L’ennesima campagna denigratoria contro i rom. “Lui non le ha violentate. Sono solo bugie. Non è vero!” Afferma il fratello ai microfoni di Dalla Vostra Parte. Dello stesso parere anche la cognata, che lo difende: “Mario è un bravo ragazzo. Stava sempre a casa, non usciva mai. Andava a fare la spesa, mangiava e dormiva. Si sono inventati tutto, Mario non è uno stupratore. Mario è bravo!”  […]

  

Quando lo Stato ti abbandona

7F1E7CA3-2FD5-435F-96C9-94A9B3D0F8A2

Angela non sa più come fare. È disperata! Fra qualche settimana dovrà lasciare la sua casa di Monreale, Palermo. Verrà sbattuta fuori, in mezzo alla strada insieme ai suoi due figli Emanuele e Federico. Da quando l’INPS ha sospeso la pensione di invalidità del figlio autistico, Angela, non ha più potuto pagare l’affitto di casa e ora lo sfratto è dietro la porta. Pronto ad essere notificato da un ufficiale giudiziario. Senza alcuna pietà. Lei si sente una donna fallita. È preoccupata per il suo futuro. Per il futuro dei suoi due bambini. Da sei anni è sola. Suo marito […]

  

Il Rinoceronte © 2018