Italia: più tecnologia ed innovazione

Un paese cresce e funziona solo se è competitivo ed è efficiente se confrontato con gli altri paesi. E’ un concetto apparentemente molto banale ma che spesso viene dimenticato. Alla base della competitività di un paese esattamente come succede per un’azienda c’è la capacità di saper innovare. Chi innova vince, chi non lo fa perde. Anche in natura del resto chi si adatta sopravvive. Essere competitivi vuol dire ottimizzare le risorse, spendere il meno possibile per raggiungere un risultato passando dalla via più breve. Credo che su questo tutti concordiamo ed è proprio da qui che dobbiamo ripartire. La rinuncia […]

  

I dirigenti pubblici secondo Matteo

I media fingono di non rendersi conto di un aspetto gravissimo che è emerso dal discorso in Senato. Al di là, dei buonissimi intenti tra cui lo sblocco dei debiti della PA, il focus sul mondo scuola, giustizia, lavoro e chi più ne ha più ne metta, mi ha colpito l’intento di creare una nuova classe di dirigenti pubblici “mobili” che al momento sono irremovibili senza giusta causa per via dei contratti di dirigente in essere tutelati dall’Art 18. Avevo già sfiorato l’argomento dopo le prime indiscrezioni sul Job Act e ne avevo già evidenziato la pericolosità. Tutto sommato credevo fosse […]

  

Caro Renzi, noi non siamo raccomandati.

Non è superfluo commentare la squadra di governo. Ho scritto qualche giorno fa come sarebbero andate a finire le cose. Del resto era da stupidi pensare che ci fossero colpi di scena. Tutto come da copione, con nevrotica passione entra in scena la “captatio benevolentiae” renziana annunciando le quote rosa al 50% e la riduzione a 16 Ministri. Quando è così di solito c’è sempre la fregatura.  C’è l’affare Barca, che ci ha confermato chi sta manovrando Matteo. Su Facebook l’ho definito il Conte Zio.  Ovviamente c’è un bel posticino per la fedelissima Boschi alle riforme, le cui competenze non […]

  

La squadra di Renzi darà ragione a Marcello Foa

Se non lo avete ancora fatto vi chiedo di leggere con attenzione l’ultimo post del blog di Marcello Foa “Perché non possiamo fidarci di Renzi”. Marcello ha fotografato esattamente Matteo Renzi, facendo una similitudine con Obama davvero esaustiva. Dalle indiscrezioni di queste ore è già evidente l’intento di Renzi ovvero quello di dare avvio ad una nuova fase in cui, a fronte di un’apparente opera di rottamazione, si propongono gli stessi personaggi o alter ego usa e getta che sono tipicamente al servizio dell’Europa e delle lobbies internazionali. Come coreografia compaiono e scompaiono i soliti ignoti come Prodi e compagnia […]

  

Che voglia di scendere in campo!

Non nascondo che ci sono certi momenti in cui provo un grande sconforto e rabbia guardando chi sta disintegrando il nostro paese. Poi grazie al lavoro che assorbe il tuo tempo da mattina presto fino a sera tardi, tra l’entusiasmo e la gioia di vedere crescere l’azienda e le nuove iniziative e start up finisci per distrarti un po’ da quello che sta succedendo attorno a te. O meglio lo vedi, ma con un pizzico di ipocrisia fingi con te stesso di non comprenderlo fino in fondo per sostituire la tranquillità all’angoscia per le sorti future del paese. Peccato però che […]

  

Il job act è come la corazzata Potemkin

Allo stato attuale è ancora una bozza però, se devo dirla tutta, non promette bene, proprio per nulla. Come imprenditore sono preoccupato da così tanta demagogia e dilettantismo allo stato puro. Andiamo con ordine sui vari punti menzionati. Aumento delle imposte per rendite di carattere finanziario. Questa è la classica proposta imbroglio che, se apparentemente vuole colpire le entità finanziarie del paese (che molto spesso risiedono all’estero), in realtà colpisce i pochi risparmi investiti in titoli del piccolo risparmiatore, pensionato o lavoratore dipendente. Eliminazione della figura del dirigente a tempo indeterminato nel settore pubblico. Il motivo ufficiale è quello di […]

  

Fiat: vattene e sii felice!

Sede legale in Olanda e sede fiscale in Inghilterra per un player ancor più globale grazie alla recente acquisizione. Meno tasse per il gruppo, più utili, più capacità di investire. Non fa una piega, peccato che non sia una bella notizia per l’Italia, dove gli investimenti del gruppo diminuiranno gradualmente. Ne ho lette di tutti i colori però bisogna convincerci che in un mercato libero questo deve poter succedere e bisogna accettare la cosa vedendo la realtà da altri punti di vista. Molti opinionisti poco perspicaci hanno iniziato ad attaccare la Fiat, ricordando gli aiuti pubblici del passato. Non dimentichiamoci […]

  

Il blog di Davide Erba – Grandi Imprese © 2018