Due dioscuri, un cavaliere inesistente e un contratto. Non si farà molta strada …

Il governo Conte è ormai in carica da più di due mesi. È proprio in questi giorni il Presidente del Consiglio dei ministri ha dato i suoi primi veri segni di vita. Finora considerato alla stregua di un semplice notaio del “contratto di governo”, con la conferenza stampa prima della pausa estiva e il video messaggio pubblicato su Facebook ha segnato un cambio di atteggiamento rispetto all’esercizio del suo ruolo istituzionale. Anche se la volontà di assumere finalmente una dimensione visibile non trova riscontro in una concreta espressione di indirizzo politico e di governo. La conferenza stampa è stata un’imbarazzante sequenza di “vedremo”, “approfondiremo”, […]

  

Sveglia Europa! Pensa al tuo destino … e lascia perdere Trump

Nel corso di una manifestazione elettorale che si è tenuta ieri in Baviera, la Cancelliera tedesca Angela Merkel ha fatto un’affermazione importante: “I tempi in cui potevamo fare pieno affidamento sugli altri sono passati da un bel pezzo, questo l’ho capito negli ultimi giorni. Noi europei dobbiamo prendere il nostro destino nelle nostre mani“. Finalmente! Finalmente in Europa (anche se per il momento nell’Europa tedesca, che voglia il cielo non sia l’unica dei prossimi anni) ci si rende conto del fatto che è ormai giunto il tempo della maggiore età. La fine della Seconda guerra mondiale e il mondo di Yalta […]

  

La “vittoria di Pirro” del NO. E adesso?

Il referendum confermativo sulla proposta di revisione costituzionale del governo Renzi ha avuto un esito chiaro e inappellabile: quasi il sessanta per cento dei votanti si è espresso per il No, in un voto che ha visto una partecipazione elettorale molto alta (pari a poco meno del 70%). Il Presidente del Consiglio ha già detto che nel pomeriggio di oggi incontrerà il Presidente della Repubblica per rassegnare le proprie dimissioni. Si apre una crisi di governo dagli esiti profondamente incerti, che potrebbe anche portare in tempi piuttosto rapidi alla fine anticipata della Legislatura (dopo l’approvazione, in tempi molto rapidi, di una […]

  

ANPI: da “liberatori” a “talebani”

L’ANPI, Associazione Nazionale Partigiani di Italia, è ormai da diversi anni vittima di una brutta involuzione fondamentalista e – diciamolo pure – antidemocratica. Ultima dimostrazione ne sia la recente sostituzione ai vertici del Coordinamento regionale dell’Emilia Romagna di Ivano Artioli, Presidente della sezione di Ravenna, con Anna Cocchi, Presidente della sezione di Bologna. Motivazione ufficiale: la prescrizione statutaria che impone il coordinamento regionale venga affidato al Presidente della sezione del capoluogo di regione. Motivazione ufficiosa (anche se spesso a essere maliziosi ci si azzecca): il fatto che Artioli sia un sostenitore del sì alla riforma costituzionale del governo Renzi, mentre Cocchi – […]

  

Buste arancioni INPS: la rottamazione che questo governo vuole imporci?

In questi giorni sono partite le prime 150mila lettere, in busta arancione, contenenti l’estratto conto previdenziale di coloro che non hanno ancora chiesto il PIN per accedere direttamente al simulatore on line dell’INPS e farsi un’idea di quella che sarà la propria pensione. In tutto, dovrebbero essere spedite 7 milioni di buste. Si tratta di benzina sul fuoco, non vi è dubbio. Soprattutto per i più giovani, che finalmente si renderanno conto del fatto che andranno in pensione con un assegno leggero, quando non addirittura inconsistente. E per coloro che, avendo sperimentato le conseguenze del mercato del lavoro di oggi, […]

  

Per sconfiggere il terrorismo dobbiamo essere convinti che la nostra società è la migliore

In questi giorni ho concluso le lezioni del mio insegnamento di Scienza politica per il Corso di laurea in Scienze Internazionali e Istituzioni Europee dell’Università statale di Milano. E la triste coincidenza con i fatti di Bruxelles mi ha costretto a confrontarmi su di essi con i miei studenti. Mi sono giunte alcune email, all’indomani della mia ultima lezione sull’Unione Europea nel contesto internazionale, dal tenore molto simile. In particolare, convinti che gli attentati del 22 marzo fossero non solo simbolicamente un “attacco al cuore dell’Europa“, mi si chiedeva se il terrorismo non avesse già vinto, di fronte a un’Unione […]

  

Statue coperte: immagine di un’Italia senza cultura e anti-moderna

Il 24 novembre 2015, all’indomani degli attentati di Parigi del 13 novembre, i Musei Capitolini di Roma, dove nel 1957 si firmarono i Trattati di fondazione della Comunità europea, ospitarono una conferenza stampa del governo italiano, durante la quale il Presidente del Consiglio dei ministri, Matteo Renzi, affermava che la risposta al terrorismo fondamentalista islamico dovesse essere al tempo stesso di sicurezza e culturale. “Per ogni euro investito in più in sicurezza ci deve essere un euro in più investito in cultura”: era questa la risposta data dall’Italia al fatto che “i terroristi di queste ore sono cittadini europei, cresciuti nelle nostre città, diventati […]

  

Il problema di Renzi con l’Europa

La polemica fra il Presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker e il Presidente del consiglio dei ministri italiano Matteo Renzi è il fatto politico che più ha tenuto banco negli ultimi giorni, scatenando osservatori e opinion maker nella formulazione di una ridda di ipotesi circa le reali ragioni di quello scontro. Certo, l’Unione europea non è esente da limiti, che di recente si sono peraltro moltiplicati, a causa dell’incapacità che essa sta palesemente dimostrando nell’affrontare questioni cruciali per il futuro dell’Europa, come l’emergenza rifugiati, la lotta al terrorismo, la definizione di una politica economica di sviluppo in grado di condurre il vecchio […]

  

Franza o Spagna purché …

E’ noto come il celebre proverbio “o Franza o Spagna, purché se magna” venga attribuito a Francesco Guicciardini, che era stato prima come ambasciatore di Firenze in Spagna presso la corte di Ferdinando il Cattolico e poi, tornato in patria, aveva propugnato un’alleanza con i francesi per fermare lo strapotere di Carlo V e assicurare un po’ di indipendenza alla penisola italiana. Francia e Spagna erano allora, nell’immaginario collettivo del Cinquecento, due grandi potenze europee. Francia e Spagna sono oggi due paesi che segnano con il loro comportamento elettorale una tendenza destinata a farsi largo in tutta Europa. Francia e Spagna, con le recenti […]

  

Un aereo russo abbattuto dai turchi aiuta Washington a riportare Parigi nei ranghi

Fino all’altro ieri sembrava che la recente alleanza fra la Francia di Hollande e la Russia di Putin, nata all’indomani degli attacchi terroristici di Parigi, potesse rappresentare un buon viatico per la costruzione di un’ampia coalizione anti-ISIS, con la benedizione, se non addirittura la partecipazione attiva, degli Stati Uniti, che in nome di un rinnovato impegno nella lotta al terrorismo e contro il Califfato sembravano poter superare l’imbarazzo del sostegno indiretto che tale lotta avrebbe potuto fornire al regime canaglia del siriano Assad. Tutto ciò lasciava presumere la conclusione del G20 di Antalya, accompagnata dall’incontro faccia a faccia fra Barack Obama e Vladimir Putin. […]

  

Il blog di Luciano Fasano © 2018