FALCONE: GLI OBIETTIVI 'POLITICI' DELL'ATTENTATO / SPECIALE

Ora sono tutti a scandalizzarsi della commistione tra politica e magistratura, dei giochi di correnti, delle nomine decise a tavolino, dei favori, delle intercettazioni, dei processi mediatici. Come se il virus abbia infettato il mondo delle toghe soltanto adesso. Eppure, come ricorda oggi l’ex magistrato Carlo Nordio, “da sempre la politica la fa da padrona a Palazzo dei Marescialli e nell’Associazione nazionale magistrati”. Prima ancora, c’era un giudice che, dal 1982 al 1992, parlava coi suoi scritti, coi suoi interventi lontani dai riflettori mediatici, con le sue audizioni. Il suo nome era Giovanni Falcone. Basta rileggere le sue “lezioni” per […]