Il Tricolore di Salvini

FOTOGRAMMA_20190401173347_28927578

“Io rispetto tantissimo le bandiere della pace ma, se devo scegliere, alla finestra metto il Tricolore“. Se questa frase Salvini l’avesse pronunciata un decennio fa, probabilmente dalla platea degli astanti sarebbero piovute una bordata di fischi e una richiesta di Tso. Adesso, invece, il Capitano può permettersi di pronunciarla ricevendo ovazioni e applausi. Dalla secessione al patriottismo il passo è lungo ma la velocità d’esecuzione del cambiamento è stata rapidissima. L’upgrade della Lega 2.0 non conosce più la parola Nord, i ladroni non stanno più a Roma, ma sono forestieri, e il Va’ pensiero ha lasciato spazio al sottofondo musicale dell’Inno di Mameli. […]

  

Chi sono i veri sciacalli?

salvini-grillo

Populismo, demagogia, sciacallaggio. In una parola sola: destra. Il presidente del Pd Matteo Orfini da perfetto chirurgo terminologico ha cucito alla perfezione il pensiero unico della sinistra acculturata e intellettualmente superiore. Dopo le proposte del grillino Vittorio Bertola, riportate sul blog di Beppe Grillo, Orfini non ha perso tempo a etichettare il leader pentastellato col termine sciacallo invitandolo a iscriversi al club più numeroso e più rinomato degli sciacalli: cioè la Lega di Salvini. Sorveglianza dei profughi nei sistemi d’accoglienza, stretta sui permessi di soggiorno e intensificazione dei rimpatri: eccole le proposte tanto vituperate dal democratico. Non è questa la […]

  

Il blog di Domenico Ferrara © 2019