Dietrofront sul prelievo sui bonifici esteri

Ne avevo parlato due giorni fa qui e molti di voi mi avevano espresso le loro paure e perplessità. Adesso non preoccupatevi: la tassa-vergogna, la ritenuta del 20% sui bonifici provenienti dall’estero è stata sospesa. Il Tesoro ha fatto dietrofront dopo le polemiche scaturite e dopo essere finito nel mirino della Commissione Europea. Un provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate, emanato su richiesta del Ministro dell’Economia, “sospende l’operatività della ritenuta del 20% sui redditi derivanti da investimenti esteri e dalle attività estere di natura finanziaria applicata automaticamente dagli intermediari finanziari”, si legge nella nota. Se avete già subìto l’assurdo prelievo, […]

  

La tassa-vergogna sui bonifici esteri

Siamo tutti evasori. Fino a prova contraria. E quella prova dobbiamo fornirla noi. A chi? Alle banche e agli agenti del Fisco. L’ultima tassa dell’ex governo Letta e di Saccomanni non ha un nome preciso, ma è già operativa dall’1 febbraio. Di che parlo? Della ritenuta del 20% che le banche sono obbligate ad applicare su tutti i bonifici esteri che arrivano sui conti correnti italiani. Motivo? Trattasi di reddito finanziario o presunto tale. Differenza di non poco conto, ma chissenefrega. Sarà la persona fisica, l’ente non commerciale o la società semplice a sbrogliare la matassa. Facciamo un esempio. Se […]

  

Renzi, ci pensi tu all’Irap?

“Se ho dieci dipendenti e ne licenzio cinque, pagherò la metà dell’Irap rispetto a chi ha dieci dipendenti e non ne licenzia nessuno (ovviamente io faccio parte di questo secondo gruppo). Vi pare normale? Anziché aiutare le aziende che proteggono i posti di lavoro e che evitano di creare disoccupazione lo Stato che fa? Le tassa”. Paolo Federici, imprenditore nel settore della logistica e dei trasporti, attivissimo col suo blog nell’esporre le grane che attanagliano le aziende, mi esterna così la sua indignazione. Ma non è il solo. Perché se chiedi a un piccolo imprenditore cosa pensa dell’Irap, ti risponde […]

  

Il blog di Domenico Ferrara © 2019