Blog-auguri di Natale

Cari amici, a tutti voi faccio gli auguri di Buon Natale. Sì, proprio di Natale, non genericamente di buone feste. Ringrazio tutti per l’attenzione e la passione con cui seguite questo giovane blog, per i vostri contributi e per il fatto di accettare il confronto (dialogo è parola più impegnativa, me ne rendo conto). Grazie anche per gli auguri già ricevuti, segno di un legame che va oltre il semplice botta e risposta tra blogger. Ve li faccio a mia volta, prendendo a prestito le parole di Benedetto XVI. “La fede ha ancora in assoluto una sua possibilità di successo? […]

  

Da dove ripartire dopo l’aggressione a Berlusconi

Le mie considerazioni sull’aggressione a Silvio Berlusconi. Vorrei evitare di infilarmi nel tunnel delle accuse su “mandanti morali” e “cattivi maestri”. Non credo che dare la caccia a chi ha cominciato per primo (siano essi Di Pietro, lo stesso premier autolesionista o chi per loro), strologare su complotti, o anche soltanto ripetere come un mantra che bisogna abbassare i toni siano gli unici modi per guardare ciò che è successo. Ciò che impedisce una convivenza civile è il clima di ostilità ideologica sempre più pesante: il trionfo dell’homo homini lupus di Hobbes trascinato fino alle conseguenze più estreme, cioè alla […]

  

Il papa, i giornali e quell’invito a “guardare a partire dal cuore”

papa-ratzinger.jpg

Oggi doppio post. Ma non se ne può fare a meno. Pubblico per intero il discorso di ieri del Papa in piazza di Spagna. “Cari fratelli e sorelle, nel cuore delle città cristiane, Maria costituisce una presenza dolce e rassicurante. Con il suo stile discreto dona a tutti pace e speranza nei momenti lieti e tristi dell’esistenza. Nelle chiese, nelle cappelle, sulle pareti dei palazzi: un dipinto, un mosaico, una statua ricorda la presenza della Madre che veglia costantemente sui suoi figli. Anche qui, in Piazza di Spagna, Maria è posta in alto, quasi a vegliare su Roma. Cosa dice […]

  

Anche per i D’Alema-boys è un boomerang lo Spatuzza anti-Cav

Suggerisco la lettura di questa analisi di Fabrizio Rondolino pubblicata sul suo nuovo blog Frontpage. Rondolino è un uomo di sinistra, uno dei “D’Alema boys” nei ruggenti Anni 90 di Baffino leader e premier. “Difficile prendere sul serio Spatuzza”. “Senza prove si sputtana il Paese”. “Non è possibile che debbano passare quindici anni prima che nell’inchiesta spunti il nome di Berlusconi, e che ne debbano magari passare altri quindici prima che una qualche verità processuale giunga in Cassazione”. “Un successo per la sinistra sarebbe garantire a Berlusconi l’immunità, costringerlo a governare, e sfidarlo sulle riforme che il Paese aspetta”. Sono […]

  

Il pm Ingroia e l’insostenibile leggerezza delle prove

ingroia.jpg

In un’intervista successiva alla deposizione torinese di Gaspare Spatuzza, il pm antimafia Antonio Ingroia (nella foto) ha spiegato perché si deve credere al boss pentito. Il killer pluriergastolano ha chiamato in causa un boss, Graviano, il quale è stato convocato dalla corte per confermare le parole di Spatuzza, altrimenti prive del minimo riscontro. Graviano – ha spiegato Ingroia – verrà in aula e siccome non è pentito non confermerà la deposizione di Spatuzza, perché altrimenti violerebbe il codice d’onore di Cosa Nostra. Di conseguenza, la mancata conferma di Graviano è in realtà la conferma della deposizione di Spatuzza. Capito? Inutile […]

  

I disoccupati chiedono lavoro. Ma anche rispetto

Elevo alla dignità di post un commento di Franz che sarebbe un peccato disperdere in mezzo alle polemiche su Fini. Eccolo. “Oggi ho incontrato il 4° disoccupato sopra i 45 anni in questa settimana che chiede lavoro. Mi colpiscono che non chiedano nè a Tremonti nè a B. della loro disoccupazione. Sono disposti a sacrifici enormi pur di tornare al lavoro. Alla politica chiedono serietà e attenzione, ma sono realisti: per cambiare drasticamente la situazione mondiale, mi dicono, ci vogliono persone che abbiano chiaro l’orizzonte del bene comune. Non sono molto interessati nè a Mills, nè a Travaglio (il travaglio […]

  

I problemi di Berlusconi: Spatuzza, Tremonti o Fini?

Luigi Crespi, ex sondaggista di Berlusconi protagonista di una clamorosa rottura successiva con il Cavaliere, pubblica un sondaggio sul suo blog in cui rileva che l’80 per cento degli italiani non crede che il premier sia mafioso, ma è convinta che il problema maggiore per il governo sia la politica eccessivamente rigorosa del ministro Tremonti. Vecchia questione: gli italiani sono disposti a tirare la cinghia a scadenza. Se le difficoltà si prolungano partono le lamentele, alimentate anche da qualche ministro che invano batte cassa al Tesoro. Nel mio piccolo, non credo che il Cavaliere sia mafioso né che lo sia […]

  

Il Blog di Stefano Filippi © 2018