Che cosa vorreste chiedere a Mario Monti martedì, quando spiegherà a “Porta a porta” le misure anticrisi decise dal governo? Il presidente del Consiglio sarà intervistato da Bruno Vespa e due o tre direttori di giornali. Ma in queste occasioni rimangono sempre questioni inevase, risposte lasciate a metà o argomenti addirittura nemmeno sfiorati.

Facciamo noi l’intervista al premier. Scrivete le domande che vorreste rivolgere a Monti e i temi che, secondo voi, non devono essere ignorati. Il capo del governo non è personaggio che si concede facilmente a giornali e tv, tutt’altro: questa sua partecipazione televisiva è l’occasione perché egli abbia il polso del Paese e sappia che cosa la gente (quantomeno chi legge il Giornale) si aspetta da lui.

Io gli porrei questi due interrogativi. Ne avrei altri, ma lascio libertà ai lettori del blog.

1. Berlusconi e Tremonti sono stati criticati per manovre prive di sostegno alla crescita. C’era bisogno di un governo “tecnico” per varare aumenti di tasse, interventi sui patrimoni, restrizioni sulle pensioni, a fronte di sgravi minimi per la ripresa dell’economia?

2. Come giudica il federalismo fiscale del precedente esecutivo? Intende portare a compimento questa riforma che rivoluziona la pubblica amministrazione tagliando clientelismi e sprechi?

VN:F [1.9.3_1094]
Rating: 4.6/5 (71 votes cast)
L'intervista a Monti? Facciamola noi, 4.6 out of 5 based on 71 ratings
Share and Enjoy:
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks