Il Pdl ha giocato la sua carta: riforma istituzionale sul modello del presidenzialismo francese. Silvio Berlusconi e Angelino Alfano hanno lanciato la proposta che smuove lo stagno della politica italiana. È la migliore? Non so. Per il momento è l’unica con cui misurarsi. Ed è il segno che la politica, cioè il lavoro per il bene comune, non ha ancora abdicato in questo Paese.
Come funziona questo sistema, lo si è visto poche settimane fa. I partiti non sono obbligati a stringere alleanze preventive, modello che sta alla base della nostra attuale legge elettorale. Chi ha fiato corre, e i primi due che tagliano il traguardo si misurano faccia a faccia. Chi vince governa: a Parigi l’esecutivo è già insediato a nemmeno un mese dal primo turno elettorale. Si rafforza il bipolarismo senza tagliare le gambe ai partiti minori con gli sbarramenti, e le proteste alla Le Pen o alla Grillo hanno piena cittadinanza e possibilità di misurarsi. Dopo cinque anni (in Francia sono sette) si tirano le somme, si premia o si boccia.
È una proposta coraggiosa, che spazzerebbe via molte mediazioni e tentativi di inciuci, attribuendo responsabilità e oneri precisi. E come è sempre successo in Francia, favorirebbe l’emergere di facce nuove e nuove energie. I tempi sono propizi: un accordo forte tra le forze che oggi sostengono il governo consentirebbe di arrivare a primavera con la riforma fatta, in tempo per eleggere il nuovo Parlamento e il nuovo capo dello stato. Finalmente questa maggioranza di emergenza produrrebbe qualcosa che non siano aumenti di tasse.
Ci vuole coraggio nel proporre una simile rivoluzione, ma anche nel giudicarla senza preconcetti. Per ora, mi pare che l’ardimento sia un bene scarso. Il problema è il solito: Berlusconi. Si alzeranno barricate per evitare che il Cavaliere possa insediarsi non più a Palazzo Chigi ma direttamente al Quirinale. Non credo che il quattro volte premier abbia questa intenzione. Anche a lui conviene puntare su altri, almeno così la penso io. Mi piacerebbe che se ne discutesse nel merito.

Share and Enjoy:
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
Tag: , , , , , , , ,