Il risultato di Beppe Grillo in Sicilia è un bluff che noi giornalisti stiamo enfatizzando. So di andare controcorrente ma ho i numeri dalla mia parte.
Il M5S ha preso il 15 per cento con meno della metà degli elettori al voto: significa il 7,5 per cento reale. Sarà anche il primo partito, ma non è un risultato classificabile come “clamoroso”: è frutto delle alchimie e delle divisioni altrui, non della propria forza.
Grillo non riavvicina alla politica i delusi: chi è schifato dalla politica resta a casa. Come scrive oggi Feltri in prima pagina sul Giornale, Grillo è uno sputo verso la politica, ma la gran parte degli elettori continua a risparmiare pure la saliva.
L’assenza di una speranza per la politica dal M5S è confermata dalla scelta grillina di non fare alleanze con nessuno, strategia che gli consentirà di conquistare altri sindaci in qualche ballottaggio ma non di governare una regione o tantomeno un Paese. Grillo si ritaglia il ruolo di controllore, ruolo necessario ma comodo perché giochi sempre “di rimessa”, in contropiede. Se fai programmaticamente solo il censore di scelte che non ti assumi la responsabilità di prendere (dall’alto di una presunta e indimostrata superiorità morale), lasci sempre il pallino delle decisioni ad altri per poi sputtanarli. Troppo facile.
Proprio ieri, giorno della presunta vittoria, Grillo ha diffuso il manifesto con il sistema di reclutamento delle candidature. Non c’è uno straccio di idea o ideale programmatico, ma un lungo e sgrammaticato elenco di regole per arginare il prevedibile assalto al cavallo vincente. Mossa astuta, che però lo fa trionfalmente entrare nel club degli alchimisti delle primarie.
Tralascio l’aspetto – da Repubblica delle banane – con il glossario che i grillini vorrebbero imporre ai giornalisti. La ghigliottina lessicale accompagna la rivoluzione politica. Mala tempora.
La professione di Grillo è prendere in giro la gente. Nel suo mestiere è bravo e fa molto ridere, lo riconosco. Mi auguro che non stia prendendo in giro l’intero Paese, soprattutto i milioni di persone pronte a votarlo in buona fede.
Per chi fosse interessato, ecco qui il mio articolo odierno sulla pseudo-vittoria siculo-grillica.

Share and Enjoy:
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
Tag: , , , , , ,