Ci vuole l’amnistia di Togliatti

Ora ci vuole un’amnistia. Un atto di clemenza adottato dallo Stato come segno della “pacificazione” tra le forze politiche che sostengono il governo Letta. Non dovrebbe trattarsi di un semplice “salvacondotto giudiziario” per Silvio Berlusconi, anche se il Cavaliere non dovrebbe essere escluso dal provvedimento. Una decisione che dovrebbe essere propedeutica alla riforma complessiva del nostro sistema giudiziario e possa anche disinnescare l’emergenza carceraria che pure affligge cronicamente l’Italia: da questo punto di vista concordo con il ministro Mario Mauro che al Corriere della Sera ha detto “non prima la riforma e poi l’amnistia”, ma il contrario. Molti, di questi […]

  

Deficit-Pil: 20 Paesi Ue su 27 sforano i vincoli

Sapete quanti Paesi aderenti all’Unione europea sono sottoposti in questo momento a procedura d’infrazione per aver superato il limite del 3 per cento nel rapporto deficit/Pil? Quando l’ho letto su questo comunicato del Servizio stampa dell’Ue non ci volevo credere. Sono 20. Su 27. Il 75 per cento. Tre su quattro. In questo articolo per il Giornale ho raccolto alcuni dati sullo sforamento del più discusso parametro di Maastricht. Tra i 7 Paesi “virtuosi” c’è ovviamente la Germania, che però è uscita da analoga procedura alla fine del 2012, pochi mesi fa. Gli altri 6 (Estonia, Finlandia, Lussemburgo, Malta, Bulgaria, […]

  

Grillo e la scissione fantasma

Il Movimento 5 Stelle, o meglio la sua rappresentanza parlamentare, è sull’orlo della scissione. Dopo pochissimi mesi sono già venuti al pettine i nodi già evidenti in campagna elettorale: i problemi di leadership, di programma, di strategia politica. Il castello di carte sta crollando. Gli altri partiti, soprattutto a sinistra, si fregano le mani e cominciano a conteggiare quanti parlamentari grillini potrebbero trascinarsi dietro. La prospettiva è alla luce del sole, uno spettro agitato dal Pd verso Silvio Berlusconi: Pd e Sel potrebbero rimettersi assieme e con i transfughi (ma in altri tempi si sarebbero usati ben altri epiteti) del […]

  

Occhio all’Iva: un aumento nascosto c’è già stato

Le discussioni sulle riforme, i rapporti tra partiti nemici-amici, la chiusura della procedura europea per il deficit eccessivo, il flop dei grillini (qualcuno ricorda quando – in tempi non sospetti – questo blog fu ricoperto di fango per aver definito “un bluff” i risultati siciliani del M5S?) non devono allentare l’attenzione sul nostro portafogli. Il governo cerca di evitare l’aumento Iva di luglio? Ebbene, un piccolo aumento c’è già stato, e neppure troppo leggero visto che frutterà oltre 200 milioni di euro annui per finanziare il cosiddetto “bonus casa”. Questi interventi saranno infatti coperti con nuovi introiti da Iva. Non […]

  

Il Blog di Stefano Filippi © 2018