Quattro anni fa ho scritto, per primo, di un clamoroso scandalo che coinvolge la regione Emilia-Romagna, che diede un milione di euro alla cooperativa agricola Terremerse senza controllare le opere eseguite, che si sono rivelate abusive, e anzi attestando il falso. La coop era presieduta da Giovanni Errani, fratello di Vasco, il governatore regionale stretto collaboratore di Pierluigi Bersani. Chi volesse ripercorrere le tappe della vicenda può leggere l’inchiesta: qui la prima puntata, qui le dimissioni di Giovanni Errani, e qui il proscioglimento di Vasco Errani dall’accusa di falso ideologico. Nel blog ce ne siamo già occupati.

Di quegli articoli si è interessata la procura della repubblica di Bologna, che ha indagato i fratelli Errani, alcuni funzionari della regione e i tecnici che fecero eseguire i lavori abusivi e irregolari. Il governatore, come detto, è stato prosciolto dal gup Bruno Giangiacomo, uno dei leader nazionali di Magistratura democratica. La questione ruotava attorno a una serie di documenti falsi prodotti dalla regione: il sospetto era che Errani volesse coprire le malefatte del fratello.

L’altro giorno è stato condannato un funzionario della regione, Aurelio Selva Casadei, addetto al servizio Aiuti alle imprese, il quale firmò il verbale in cui si attestava (falsamente, secondo il giudice) che i lavori finanziati erano regolari. La condanna (un anno e due mesi più l’interdizione dai pubblici uffici) è arrivata dopo un processo con il rito abbreviato. Giovanni Errani invece sarà processato con rito ordinario; per lui l’accusa è di truffa aggravata e falso.

Dunque, la giustizia ha riconosciuto che nella vicenda Terremerse ci furono falsi e abusi. Ma Errani junior non sapeva. Ignorava che il fratello maggiore faceva il furbetto con un milioncino di euro avuto dalla regione (senza averne diritto) e che i funzionari della regione falsificavano la realtà. Egli poteva non sapere. Che cosa sarebbe successo se, invece che un governatore rosso, uno scandalo simile fosse scoppiato in un’amministrazione guidata dal centrodestra? A pensar male si fa peccato, diceva Andreotti, ma ci s’indovina.

Share and Enjoy:
  • Print
  • Digg
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Yahoo! Buzz
  • Twitter
  • Google Bookmarks
Tag: , ,