Aereo abbattuto: sicuri che siano stati i filorussi?

Sono in vacanza e ho poco accesso a internet. La vicenda dell’aereo abbattuto sui cieli dell’Ucraina è molto importante e foriera di sviluppi geostrategici fondamentali. Sono colpito ma non sorpreso dal comportamento dei media occidentali e del presidente Obama che hanno puntato il dito contro i filorussi. Sin dai primi momenti dopo l’abbattimento dell’aereo ho visto molti indizi di spin, naturalmente invisibili al grande pubblico. Io non so quale sia la verità, ma non è ragionevole nè equo in questo momento accusare i filorussi. Il Sussidiario mi ha intervistato su questo tema, ripropongo qui il testo dell’intervista, rinnovando l’invito alla ...

Occhio, tedeschi. Vincere il mondiale porta sventura…

Diciamocelo francamente: il Mondiale è andato alla squadra migliore. E sportivamente bene così. Ma c’è un ma, un po’ scherzoso. Siamo sicuri che vincere il Mondiale  -ma, in fondo, anche gli Europei  -porti bene? Scorrendo il Palmares, il dubbio sorge legittimo. Cominciamo dagli europei: Nel 2004 vinse la Grecia. Nel 2008 e nel 2012 la Spagna. Passiamo ai mondiali: nel 2006 trionfò l’Italia, nel 2010 l’immancabile Spagna. Sono tutti Paesi che dopo aver vinto grandi trofei sportivi sono stati investiti dalla sventura economica, come ben sappiamo. Il riscontro temporale è impressionante: al momento della vittoria stavano tutti bene – Grecia, ...

My Renzi makes me cry (dalle risate)

YouTube Direkt Dai, facciamoci quattro risate. Renzi è un grande affabulatore, in italiano. Ma in inglese… In inglese ricorda il miglior Rutelli che a sua volta evocava il miglior Alberto Sordi. Giudicate voi, guardando il video qui postato. Se questo è il premier che rilancerà l’immagine dell’Italia nel mondo, siamo a posto.

  

Stavolta la Merkel ha ragione: osa denunciare il Grande Fratello Obama

Chi segue questo blog sa che di solito sono tutt’altro che tenero con la cancelliera tedesca Merkel, però questa volta ha ragione. La decisione di espellere il capo della Cia in Germania dopo aver scopero che i servizi segreti, nonostante le rassicurazioni di Obama, hanno continuato a spiare un governo amico fino a corrompere uno 007 tedesco per avere le informazioni, ebbene questa decisione è sacrosanta. E ben motivata. Sia chiaro: da sempre il compito dei servizi segreti è anche quello di raccogliere informazioni riservate e nessuno si stupisce che questo accada anche tra Paesi alleati. Ma c’è una misura ...

Chi governa davvero l’America

Mi capita spesso di pensare cosa direbbe Eisenhower se fosse ancora vivo oggi. L’Eisenhower che, con straordinario coraggio, nel 1961 denunciò il predominio « palese e occulto » del complesso militare-industria negli Stati Uniti. Temo che la situazione di oggi non gli piacerebbe affatto. Quel complesso esiste ancora e si è arricchito di un terzo protagonista : la finanza. Eisenhower mi è venuto alla mente leggendo il saggio di Gianfranco Peroncini, La nascita dell’impero americano. 1934-1936: la Commissione Nye e l’intreccio industriale, militare e politico che ha governato il mondo, edito da Mursia, che, come molti bei libri non ha ...

Tutti ai piedi di Renzi! Ma che Italia è? Perchè nessuno si oppone?

Non riesco proprio a capire come possa un’intera classe politica fare gli interessi di un uomo: Matteo Renzi. Lasciamo perdere le vicende di Sel e di Vendola: l’implosione del movimento è rapida e definitiva come già accadde con Di Pietro. Oggi in Italia solo tre formazioni possono opporsi al premier: la Lega, Forza Italia e Grillo. La Lega ha ottenuto un buon risultato alle elezioni europee e in questo momento sembra in pausa: non occupa più gli spazi anche perché ha un evidente problema di quadri. Un partito che vince grazie a un progetto politico molto forte – la campagna ...

Yara, il coraggio di non odiare

Di solito non commento i fatti di cronaca, tanto più se vengono trattati secondo le pessime consuetudini italiane ovvero con una spettacolarizzazione indecente e una costante violazione del segreto istruttorio. Ma questa volta rompo la consuetudine, colpito dal comportamento dei genitori di Yara. In queste ore in cui l’opinione pubblica schiuma rabbia nei confronti del presunto killer Massimo Giuseppe Bossetti, i signori Gambirasio, invitano il parroco a pregare per quell’uomo “perché ne ha bisogno più di noi” e per sua moglie e per i suoi figli, immaginando la pena di chi scopre il proprio marito e il proprio padre investito ...

Fermare Farage ad ogni costo

E ora tocca a Nigel Farage. Prima era considerato piu’ che altro un personaggio folcloristico, in fondo utile perchè serviva a dimostrare che il pluralismo esiste. Ma dopo il successo alle europee, l’establishment non può più permettersi di trattarlo con sufficienza. Inizia a temerlo, dunque va ostacolato. Come? Applicando lo stesso metodo usato contro altri leader fuori sistema. Alle urne? Macché, quando si andrà a votare Farage dovrà già essere stato neutralizzato. Occorre agire prima e siccome l’eliminazione fisica fortunatamente è sconsigliabile (anche se qualche anno fa, Farage è già stato vittima di un misterioso incidente aereo), si ricorre alla ...

Il coraggio del cuore: quegli italiani che riscattano l’Italia

In questo blog si parla di politica e di economia, ma ogni tanto anche di uomini e di donne che hanno il coraggio di far del bene. E sono le pagine più belle. Donne e uomini che sanno assecondare il senso della propria missione nella vita e che riescono ad essere Migliori senza bramare il successo, né la gloria, né la popolarità. Alcuni di loro restano sconosciuti, altri emergono per caso o meglio: perché così vuole il Destino o la Provvidenza. Nella mia vita ho avuto il privilegio di incontrarne alcuni e talvolta di scriverne. Uno di loro é Fra ...

C’è un vuoto a destra e Grillo tenta di colmarlo. Troppo tardi?

Grillo scopre Farage. Casaleggio invita i parlamentari a “sorridere di più”, il M5 stelle è in ebollizione e sembra spostarsi a destra. Da analista politico, dico: la svolta è sensata. Se aggiungiamo l’evidente smarrimento della destra moderata, fin qui riconosciutasi in Berlusconi, e consideriamo la capacità, oggettiva, di Renzi di occupare il centrosinistra e di sedurrre e al contempo rassicurare anche una parte importante dell’elettorato di centro e forzista, appare evidente che la sola area politica dove oggi ci sia da costruire è il centrodestra. E’ una prateria che molti cercheranno di occupare. Il primo a capirlo è stato Matteo ...

Renzi? Gli italiani ci cascano (mentre Grillo non è Farage, e si vede)

Dunque, vediamo quali insegnamenti trarre dal voto delle europee: 1) Renzi? Agli italiani piace l’affabulatore (o se, preferite, lo spin funziona). Continuo a non cambiare giudizio su Renzi: né il politico, né l’uomo mi convincono. La sua grande, innata dote è quella dell’affabulatore. Grande parlantina, faccia tosta, ambizione sfrenata. “Il bomba” lo chiamavano da bambino, nel senso di quello che le spara grosse pur di impressionare, e “bomba” è rimasto. L’uomo è intelligente e conosce la potenza dello spin. Ne ha fatto ampio uso, imitando soprattutto Tony Blair e in parte anche Silvio Berlusconi. E ha funzionato: il leader che ...

Grillo rompe tutto, ma NON rompe l’euro… Siatene consapevoli!

Ormai ci siamo. Domenica si vota. E ognuno deve avere bene in mente quale sia la posta in gioco. A mio giudizio la vera discriminante è l’euro. Solo due partiti, tra quelli che hanno la chance di superare lo sbarramento del 4%, sostengono l’uscita dalla moneta unica: la Lega Nord e Fratelli d’Italia. Il Pd come si sa è l’alfiere dell’establishment europeista. Berlusconi a mio giudizio ha perso una grande occasione: ogni tanto dà un colpetto all’euro ma alla fine si è allineato all’ortodossia. E poi c’è Beppe Grillo, che è destinato a un grande risultato. E che ancora una ...
il Blog di Marcello Foa © 2014