Euro e manipolazione mediatica: è semplice, si fa così

Innanzitutto devo scusarmi con i lettori di questo blog: sono sparito di scena per una decina di giorni ma non per cattiva volontà. Molti impegni prima e tanta famiglia dopo (staccando completamente dalle mail, da twitter, da internet). Rieccomi a voi rigenerato. Molti mi hanno chiesto un riscontro di quanto detto al convegno di Asimmetrie a Roma il 12 aprile scorso. Grazie a Simone Curini qui sotto potete seguire il mio intervento, dal quale ripropongo alcuni punti. Le tecniche usate per influenzare l’opinione pubblica sono sofisticate. Lo scopo principale è quello di creare un “frame” ovvero una cornice mentale attraverso ...

Può andare peggio di così? Aprite gli occhi, italiani (sull’euro e non solo)

Gran giornata a Roma, quella di ieri. Il convegno sull’euro organizzato da Alberto Bagnai e dall’associazione Asimmetrie – e che avevo annunciato su questo blog – è stato, come mi aspettavo, memorabile, per la qualità degli interventi e per la loro trasversalità: l’ideologia non conta più, conta la consapevolezza di dover liberarci di una cappa, quella dell’euro, che rischia di soffocare tutta l’Europa, come ha soffocato la Grecia. Una consapevolezza che unisce economisti di qualunque orientamento politico. Vorrei scrivere non uno ma una decina di post. E mostrarvi il bellissimo, commovente, sconvolgente reportage “Il più grande successo dell’euro”, realizzato  in ...

Cari buonisti, siete crudeli (perché ingannate gli immigrati?)

Dunque Alfano annuncia il prossimo sbarco di 600’000 immigrati. Disperati, in cerca di una vita migliore o, forse, illusi dal mito, propagato dai media, dal cinema e dalle leggende metropolitane, di un’Europa Eldorardo dove tutto è facile, bello, e dove ci si può arricchire facilmente. Le ragioni dell’immigrazione sono molteplici, però alcuni dati sono incontrovertibili. La depenalizzazione del reato dell’immigrazione rappresenta uno straordinario incentivo per i trafficanti di uomini – autentici, moderni luridi schiavisti – che si arricchiscono sulle spalle di persone sovente ingenue. Complimenti vivissimi al governo Renzi. L’Unione europea continua a incoraggiare – di fatto -l’immigrazione extraeuropea, promuovendo ...

Euro, gran convegno con Bagnai, Borghi, Foa e… Chi viene a Roma?

Eh sì, dovevo aspettarmelo. Alberto Bagnai mi ha invitato a partecipare al convegno di A/simmetrie, che si svolgerà a Roma sabato 12 aprile. Tema: Un’Europa senza euro. Costi e benfici per famiglie e imprese nelle proposte di economisti e politici europei. A discuterne personaggi economisti del calibro di Bagnai, Claudio Borghi Aquilini, dell’ex commissario europeo Frits Bolkestein, di Hans-Olaf Henkel, Stefan Kawalec, Costas Lapavitsas, Peter Oppenheimer, Antoni Soy. E ci sarò anch’io, che economista non sono. Indosserò i panni, che adoro, di esperto di comunicazione e giornalismo per spiegare il ruolo dei media e dello spin nella crisi, anzi nella tragedia ...

A proposito… l’Europa non è democratica. Ma va bene così.

LAVORI IN CORSO – MARCELLO FOA E LUCIANO MONTI – 25-03-2014 Ieri ho partecipato a un dibattito sull’emittente italiana RadioRadio con il professor Luciano Monti, docente di Politica Economica Europea alla LUISS. Tema:  il dopo elezioni in Francia e l’euro. Bel dibattito, ben condotto, ricco di contenuti ma di facile comprensione anche per un pubblico generalista. (chi fosse interessato puô ascoltarlo qui sopra). Pur dissentendo su quasi tutto, ho apprezzato la correttezza e l’equilibrio del professor Monti. Mi ha colpito un aspetto delle sue riflessioni. Monti più volte ha giudicato corretti miei giudizi che, come sanno i lettori di questo ...

Italiani, abbiate paura! O ascoltate Borghi. Poi fatevi qualche domanda

Devo questo post a mio figlio Leonardo (@leonardo_foa), che studia economia e che ha trovato su You Tube un intervento sull’euro, a suo giudizio degno di nota. Di chi? Ma certo, di Claudio Borghi Aquilini. Mio figlio non ha alcuna intenzione di fare il giornalista (meno male…), però ha un certo fiuto, quasi giornalistico, per gli interventi interessanti. E quello di Borghi merita, eccome se merita, non solo per le sue indubbie doti oratore, ma per la capacità, davvero rara, di smascherare il “frame” che permette all’establishment di perpetrare i luoghi comuni sulla moneta unica. Un “frame” fondato sul senso ...

Neonazisti a Kiev? Sì ma a fin di bene (come scrivere la verità senza cambiare il « frame »)

Tra le molte reazioni alle mie analisi sull’Ucraina, molti mi hanno chiesto come fossi a essere sicuro del coinvolgimento dei neonazisti al fianco dei rivoltosi filoeuropeisti e anti Yanukovich di Piazza Maidan. Lo sono perché lo hanno scritto diversi colleghi che erano a Kiev in quei giorni o che hanno indagato i fatti, in Italia Fausto Biloslavo per ilgiornale.it, ma anche giornalisti di diverse nazionalità. L’obiezione, però, riguardava soprattutto il fatto che la grande stampa, non solo italiana, non ne ha parlato, continuando invece a esaltare l’eroica rivolta popolare contro il satrapo presidente Yanukovich. In realtà anche un giornale come ...

Lo scoop che imbarazza Obama (e che purtroppo riguarda anche te)

Insomma, cari amici americani, volete dirci perché continuate a intercettarci? La sua superagenzia di intelligence, la Nsa, ha messo sotto controllo a tappeto i nostri telefoni, i nostri computer, le nostre email, memorizzato le nostre pagine Facebook, le nostre ricerche su Google, i nostri cinguettii su Twitter ; persino – è l’ultima rivelazione ddell’eroe che risponde al nome di Snowden – persino gli innocui ma tanto divertenti giochini digitali (sì quelli che i vostri figli scaricano gioiosamente sul vostro tablet), i quali contengono un « cavallo di troia », che permette di spiare tutto quel che fate. Beh, la spiegazione ...

Il mondo alla rovescia: Beppe Grillo che intervista Marcello Foa…

Certo che il mondo è strano. Io sono un giornalista e dovrei essere io a intervistare i politici. Accade però che il mio ultimo articolo sulle vere ragioni del conflitto in Ucraina, pubblicato dapprima sul Corriere del Ticino e poi su questo blog, faccia letteralmente il giro del web. Linkato, citato, twittato decine di migliaia di volte. Alcune riprese mi hanno fatto particolarmente piacere, come quella doppia (qui e qui) di Alberto Bagnai sul suo blog Goofynomics, ma a colpirmi è la trasversalità degli apprezzamenti: centro, destra, sinistra, siti cattolici, laici, filoamericani, antiglobalisti. Tutti con un solo messaggio, che sintetizzo ...

Ucraina, il segreto che nessuno spiega (e che dovreste sapere…)

Che cosa avete capito della crisi ucraina? Verosimilmente che il popolo ucraino si è ribellato contro un presidente arrogante e autoritario, Viktor Yanukovich, il quale ha cercato di reprimere la protesta, uccidendo decine di persone, ma che alla fine è stato destituito. La Russia si è arrabbiata e per ripicca ha invaso la Crimea. Confusamente tu, lettore, avrai capito che il popolo vuole entrare nell’Unione europea, mentre Yanukovich e, soprattutto, Mosca si oppongono. Fine. La realtà, però, è un po’ diversa e assai più interessante. Per capire cosa stia succedendo davvero occorre partire da un po’ più lontano, da una ...

Oltre la destra e la sinistra. Per non morire di euro

Avete mai sentito la voce di un amico che da mesi cerca il lavoro perso senza colpa? Un amico che non riesce più a pagare gli studi figli, che si dispera se l’auto si rompe, che per pagare la rata del mutuo stringe all’inverosimile la cinghia. E davanti a sè vede solo il baratro. Quando gli chiedi: “Come va?”. Lui ti risponde “Bene”, perchè orgoglioso ma la sua voce è ansimante anche se è seduto in poltrona e impercettibilmente tremula. E tu lo conosci troppo bene per non intuire il suo stato d’animo. Sì proprio lui che fino a 3-4 ...

Macché rottamatore! Renzi è un garante, è il continuatore…

Scusate, ma dov’è la novità del Governo Renzi? Vi prego, guardate la lista dei ministri: ci sono diverse giovani comparse (ininfluenti), molti volti notissimi provenienti dal governo uscente (ben nove tra cui Franceschini, Alfano…urca, che rinnovamento!) ed esponenti dell’establishment nazionale (al Lavoro il presidente della Lega Cooperative Giuliano Poletti! niente male per un premier di dichiarata origine democristiana…) e soprattutto di quello europeista. Se non è una fotocopia del governo Letta che era l’interprete in versione democristiana della linea Monti… Qualcuno crede ancora davvero alla favoletta di Renzi rottamatore? L’ho già scritto e insisto: questo è un continuatore. E’ un ...
il Blog di Marcello Foa © 2014