Facebook incoraggia l’odio contro i cristiani?

foto facebook

E’ uno dei paradossi della nostra epoca: viviamo in un mondo che assomiglia sempre di più a quello descritto da Orwell, anzi è una via di mezzo tra quello descritto da Huxley in Mondo Nuovo e quello del Grande Fratello di 1984. Una società in cui attraverso gli aspetti ludici, il divertimento, un certo esibizionismo, ogni cittadino racconta spontaneamente la propria vita “per condividerla con gli amici” su Facebook o su Instagram o su Twitter, manda email che vengono copiate dai servizi segreti americani, usa programmi informatici che violano la sua privacy, potra con sè il cellulare che implica la […]

  

Eppure la Grecia insegna: la manipolazione dei media non funziona più come prima

Nella frenesia di questi giorni sono stato sollecitato più volte per commentare i fatti greci, Claudio Messora, che da poco tempo ha riattivato il suo sito byoblu, mi ha chiesto una riflessione sul ruolo del gli spin doctor nella vicenda greca. Ho risposto nell’intervista che potete seguire qui sotto. La mia tesi è che le tecniche dello spin e della manipolazione mediatica in Grecia non hanno funzionato e, anzi, hanno prodotto l’effetto inverso in occasione del referendum. Ovvero la coscienza del popolo greco è stata più forte della propaganda terrorizzante – e di solito vincente – messa in atto dagli […]

  

Possono schiacciare la Grecia. Non possono manipolare la realtà.

foto pil usa:greco

Per una volta consentitemelo: la previsione formulata la sera del referendum (“ora vedrete cos’è davvero l’Europa“) ha trovato drammatica conferma. L’establishment europeo – e soprattutto quello tedesco – ha voluto umiliare il popolo greco per aver osato, legittimamente, opporsi alle regole dell’austerità in Europa che si traducono in un dominio ingiusto della stessa Germania. Sono logiche imperiali, del colonizzatore sul colonizzato, che perlomeno spazzano via la retorica della fratellanza europea, della solidarietà fra i popoli, dell’Unione costruita nell’interesse delle giovani generazioni. I risultati del referendum rivelano che sono stati proprio i giovani greci ad esprimere a stragrande maggioranza (85% di […]

  

Grecia-Ue: l’accordo che spazza ogni illusione

tsipras parlamento

Che cosa resterà della crisi greca, considerato che l’epilogo sembra ormai segnato, salvo sorprese dell’ultimo minuto ? Di positivo la capacità di reazione di un popolo. Il no degli elettori, lo scorso week-end, è stato un no a un’idea di Europa basata sull’austerity, sui vincoli assurdi della moneta unica, su un concetto non democratico e verticistico dell’Unione. Il fatto che oltre il 60% di un popolo si sia espresso con tanta convinzione rappresenta un segnale di malcontento profondo e non eludibile ; significa che la coscienza critica dei popoli europei non è sopita e che il Dna democratico è ancora vigoroso e […]

  

I tedeschi possono davvero giudicare i greci?

I tedeschi hanno davvero diritto di giudicare i greci? Guardate questo video di appena 9 minuti della tv tedesca zdf che compie un gesto di straordinaria onestà intellettuale. Parla di di debiti, di rispetto dei patti, di trucchi e di valutazioni morali. Dei greci e dei tedeschi. E ribalta molte visioni convenzionali. Ritagliatevi questi 9 minuti, ne vale davvero la pena. YouTube Direkt   Seguimi anche su Facebook Marcello Foa  e su twitter @MarcelloFoa

  

Che grande lezione dai greci. E ora vedrete cos’é davvero l’Europa

Referendum in Greece

Quando circa il 60% di un popolo vota no, sono superflue le solite interpretazioni. E’ un voto forte, conclamato e, a mio giudizio, colmo di speranza. Ma non del tutto sorprendente. Il popolo greco – che molti in questi anni hanno deriso – è un popolo coriaceo, orgoglioso, profondamente consapevole della propria identità. E’ un popolo che ha resistito a secoli di dominazione ottomana, che  nella Seconda Guerra Mondiale ha combattuto a viso aperto gli italiani prima (sconfiggendoli) e i tedeschi di Hitler. Quando si sente minacciato, quando si sente vittima di un’ingiustizia reagisce come ha sempre fatto nella sua […]

  

E ora sarà Putin a salvare la Grecia?

  Nell’intervista che ho rilasciato al blog di Beppe Grillo (vedi mio post) una delle domande riguardava i rapporti tra Putin e Tsipras collegati alle vicende dell’euro. Alzando lo sguardo oltre la contingenza, appare evidente che due potenze la Russia e la Cina oggi hanno interesse a salvare la Grecia, stabilendo rapporti geostrategici privilegiati e incrinando il fronte atlantista. Potete vedere il video o se, preferite, leggere la trascrizione della domanda e della risposta: Il blog di Beppe Grillo: Putin ha dichiarato la sua solidarietà nei confronti della Grecia. Che succede se Tsipras accetta e decide di uscire dall’Euro? Mia […]

  

Putin e Obama: ecco chi rischia di provocare una guerra mondiale

Non è la prima volta che il blog di Beppe Grillo mi intervista. Accetto sempre con piacere per la simpatia con cui sono accolto e soprattutto per l’estrema correttezza della redazione: domande chiare, possibilità di esprimermi liberamente senza alcuna forma di censura. Tema di questa intervista: la crisi tra Stati Uniti e Russia. In un video di 7 minuti spiego i retroscena e le responsabilità di una crisi che i nostri media non raccontano correttamente. Sette minuti in un cui non nascono la mia forte preoccupazione per quello che potrebbe essere l’esito finale di un confronto a mio giudizio inutile […]

  

Grecia, ora Tsipras è davvero un eroe. Contro la dittatura finanziaria

tsipras 2

Non sono mai stato un fan di Tsipras, però devo dire che questa volta è stato bravissimo. Un leader che ha il coraggio di pronunciare le parole che pubblico qui sotto merita rispetto: “Chiedo a voi di decidere – in nome della sovranità e della dignità che la storia greca richiede – se noi greci dobbiamo accettare un ultimatum dai fini estorsivi che impone una severa e umiliante austerità senza fine e senza la prospettiva di poter reggerci di nuovo sulle nostre gambe economicamente e socialmente. Il popolo deve decidere liberamente se accettare o no il ricatto”. Tsipras ha avuto […]

  

Il coraggio di dire no al gender

gender

Certo che l’Italia è un Paese strano. Centinaia di migliaia di persone – forse addirittura un milione – si riuniscono in piazza per dire no all’ideologia gender e la notizia viene trattata con sufficienza, alla stregua di un fatto marginale, sebbene non fosse semplicemente una manifestazione cattolica contro il matrimonio tra omosessuali, ma un evento interreligioso che – fatto rarissimo – ha unito la Chiesa, l’Imam di Centocelle e il Rabbino capo di Roma. Se così tante persone sentono il bisogno di esprimersi, proveniendo da ceti sociali che di solito non sfilano per le strade, significa che il disagio è […]

  

Perché Putin, in fondo, ha ragione

putin

Nelle relazioni internazionali bisogna saper cogliere innanzitutto il quadro generale; solo avendo ben presente la visione strategica dei Paesi coinvolti è possibile analizzare il dettaglio ovvero i singoli episodi. Riguardo alla Russia le mie idee sono da tempo piuttosto chiare. Premessa: mi sono recato a Mosca regolarmente per 18 anni, dal 1990 al 2008, in qualità di inviato speciale. Ho seguito in prima persona le fasi cruciali di questo Paese, dal crollo dell’Unione sovietica alla crisi finanziaria della fine degli anni Novanta, dall’ascesa di Putin al periodo di Medvedev, inclusi i drammi di Beslan e del teatro Dubrovka. In questi […]

  

Ma perché l’America NON vuole distruggere l’Isis?

isis

Chi osserva con disincanto le vicende in Medio Oriente lo ha capito da tempo: l’America che negli anni Duemila ha lanciato una guerra feroce – e decisamente sproporzionata – ad Al Qaida, ora appare molto svogliata contro una minaccia ben più concreta: quella dell’Isis. Come ho documentato da tempo, l’Isis un paio di anni fa è stato usato, armato e finanziato da Arabia Saudita, Emirati Arabi e dagli stessi Stati Uniti nel tentativo di abbattere il regime di Assad. Grazie anche a quei finanziamenti l’Isis si è ampliato, si è rafforzato ed è partito alla conquista di larghe parti dell’Iraq […]

  

il Blog di Marcello Foa © 2015