Pacchetto sicurezza, quando “la Repubblica” dice la verità

(nuova versione del post) Tra i tanti commenti al pacchetto sicurezza sono rimasto colpito da quello di Massimo Giannini, che nel fondo di “Repubblica” scrive: “Sappiamo bene che, qui ed ora, quel pacchetto ha un forte appeal propagandistico, più che un reale impatto politico. Si tratta di provvedimenti che se tutto va bene (perché il governo resiste) otterranno la ratifica parlamentare tra un paio d’anni. E se tutto va male (perché il governo cade) non la otterranno mai. Inserire le norme in un decreto legge avrebbe avuto tutt’altro significato, nel dibattito pubblico tra i poli e nella vita quotidiana dei […]

  

Fraintendere i diritti democratici. Un esempio significativo

“La comunità è sovrana ed a lei spetta decidere del suo destino”, ha scritto Franco Dell’Alba nella discussione sul mio post di domenica. Questa frase mi induce a rilanciare il dibattito sui Comuni come soluzione ai mali odierni, segnalandovi un episodio che ho trovato nell’ambito delle mie ricerche accademiche. Nel 1951 un giornale americano fece un test. I suoi giornalisti prepararono una petizione che sottoposero a un gruppo di cittadini appartenenti alla classe media. Il testo era il seguente: “Ogni qualvolta una qualsiasi forma di governo tenda a negare i diritti del popolo, il Popolo ha diritto a modificarla o […]

  

Ma siamo ancora un popolo sovrano? Ripartiamo dai Comuni

Forse siamo solo degli illusi. Già, illusi che lo Stato sia ancora in grado di risolvere i nostri problemi.Ma siamo ancora un popolo sovrano? Non controlliamo più la moneta, che viene coniata dalla Banca centrale europea; nè i confini, ormai aperti per via di Shenghen; nè le leggi varate dal nostro Parlamento, che soccombono sistematicamente non appena sono in contrasto con le direttive europee. Chi detiene il vero potere? Noi cittadini o la Commissione di Bruxelles, che non è stata eletta dal poplo? E siamo certi che le istituzioni comunitarie facciano davvero gli interessi degli europei? Siamo in un limbo: […]

  

Corsi per imam in Italia, il maestro è un fondamentalista

Sa oggi anche in Italia corsi per imam. Li chiedevano in tanti a destra e, in parte, anche a sinistra. Ma, purtroppo, non è una buona notizia; perchè a organizzarli è l’Ucoii , l’Unione delle comunità e delle organizzazioni islamiche in Italia, affiliata ai Fratelli musulmani, che ha affaidato le lezioni di “pensiero islamico” a Salem Shekhi, un docente di teologia islamica e, soprattutto, membro del Concilio europeo per la Fatwa e la Ricerca, noto per le sue posizioni oltranziste. E’ un centro che rivendica la superiorità della shaaria sulla democrazia e le leggi civili; inoltre nega la parità uomo-donna, […]

  

La mala romena in Italia? Si combatte con dieci poliziotti

Che cosa intende fare la Romania per arginare il fenomeno dei romeni che vegono in Italia non per lavorare ma per delinquere? Il ministro dell’Interno di Bucarest Cristian David lo ha detto chiaro e forte, dopo aver incontrato due giorni fa a Roma il suo omologo Amato e il sindaco di Roma Veltroni: “Ho dato la mia completa disponibilità a raddoppiare il numero di poliziotti romeni in Italia, se ce ne sarà la necessità e se verrà richiesto dalle autorità italiane”. Quanti? Tenetevi forte: gli agenti erano cinque, diventeranno dieci. E non è uno scherzo. Lo ha annunciato lo stesso […]

  

“Svizzera razzista”, così i media impongono il pensiero unico

Torno a occuparmi di Svizzera. I colleghi della Televisione della Svizzera italiana hanno citato ampiamente gli articoli del Giornale sulle elezioni di domenica, perché sono stati tra i rarissimi sulla stampa internazionale a descrivere il Paese senza ricorrere ai luoghi comuni (Blocher razzista, xenofobo, eccetera), come peraltro qualche lettore di questo blog aveva già notato. Ormai è da tempo che sulla stampa internazionale prevale il pensiero unico. Non appena si impone un cliché tutti si adeguano. Benedetto XVI? Un retrogrado reazionario, Berlusconi? Un dittatore. Fini? Un postfascista L’euro? Un simbolo del progresso e un bene per l’umanità. L’Europa allargata? Un […]

  

Quegli errori dietro la crisi tra la Turchia e il Pkk

Questo blog è firmato da me, ma è capito frequentemente che scrivessi dei post dietro vostri suggerimenti o segnalazioni, che sono quasi sempre molto pertinenti. Grazie a tutti voi! L’articolo di oggi è ispirato da Emanuel, che mi ha chiesto di commentare la crisi tra Turchi e i ribelli separatisti curdi del Pkk al confine con l’Irak. Mi astengo dal formulare previsioni sull’esito, ma riassumo alcune considerazioni per permettere al lettore di capire quel che sta accadendo. 1) A pagare il prezzo più alto di questa crisi sono gli Stati Uniti, che peraltro non possono addebitare ad altri. Quel che […]

  

Dalla Svizzera una lezione (anche per il centrodestra italiano)

Dopo la Francia, un’altra vittoria del centrodestra, questa volta in Svizzera (vedi l’articolo sul Giornale di oggi). Certo, Blocher è diverso da Sarkozy, meno autorevole e più sanguigno; ma tra i due leader vedo una caratteristica comune. Entrambi si sono imposti difendendo l’identità, il diritto alla sicurezza e rivendicando la necessità di arginare l’immigrazione e la criminalità d’importazione. Il loro è stato un successo improvvisato? Al contrario: hanno raccolto i risultati di un percorso iniziato diversi anni fa e caratterizzato dal desiderio di capire il malessere della società e di fornire risposte adeguate. Ritengo che le loro vittorie rappresentino una […]

  

Ma perchè i musulmani moderati non piacciono a Prodi?

Al telefono Souad Sbai, presidente dell’associazione donne marocchine in Italia, si sfoga al telefono: “In un anno e mezzo ne ho viste di tutti i colori. Va sempre peggio”. la sua amarezza è comprensibile: quando c’è di mezzo l’Islam, il governo Prodi compie quasi sempre la scelta sbagliata. Il suo interlocutore privilegiato è diventato l’Ucoii di Dachan, Piccardo e del padre spirituale Ghrewati, quello, per intenderci, che qualche tempo fa in un’intervista al Tg1 ha dichiarato: “La poligamia? Magari, permetterebbe di risolvere i problemi di migliaia, anzi di milioni di persone”. L’Ucoii, per intenderci, è l’organizzazione che difende il velo, […]

  

Allarme, il Grande Fratello Prodi vuole imbrigliare i blog

Zitto, zitto, lo scorso 12 ottobre il consiglio dei ministri ha approvato un disegno di legge che mira a imbrigliare Internet: chi ha un piccolo sito, perfino chi ha un blog personale sarà obbligato a registrarsi, facendo fronte a pratiche burocratiche e a spese impreviste. E naturalmente il progetto prevede sanzioni penali più forti in caso di diffamazione. Vedremo se il Parlamento lo approverà, ma l’intento è chiaro: intimidire chi usa la Rete, ridurre gli spazi di libertà che fino ad oggi erano, fortunatamente, quasi infiniti e che, evidentemente, a Prodi e alla sinistra italiana non piacciono. Troppi guai, combina […]

  

Così la Ue disinforma sugli immigrazione: l’Italia?Bravissima

Tre giorni fa è stato presentato a Bruxelles il Migrant Integration Policy Index, l’indice che misura le politiche per l’iintegrazione degli immigrati (regolari) nei vari Paesi europei. L’agenzia Agi ne ha parlato in questi termini: Italia promossa in materia di politica migratoria: il nostro Paese si piazza nella top ten delle nazioni europee che adottano le migliori politiche di integrazione per gli immigrati. In particolare, su 28 Stati (25 dell’Ue piu’ Norvegia, Svizzera e Canada), l’Italia si colloca al settimo posto dopo Svezia, Portogallo, Belgio, Paesi Bassi, Canada e Finlandia e prima, dunque, di Norvegia, Regno Unito, Spagna, Francia, Germania […]

  

L’Alta Corte svela le nove bugie ambientaliste di Al Gore

Su Al Gore, si è scritto molto in questi giorni. Ma ai più è sfuggita una notizia molto significativa: l’Alta Corte di Londra ha stabilito che non tutto quanto mostrato nel film “Una verità scomoda” corrisponde a verità. La sentenza è stata pronunciata in seguito al ricorso presentato da alcune organizzazioni contro la decisione del governo di proiettare la pellicola nelle scuole pubbliche britanniche. Il film, che è valso all’ex presidente il Nobel per la Pace, verrà mostrato in aula, ma sarà accompagnato da un opuscolo in cui i giudici indicano le nove affermazioni false e non provate. E ciò […]

  

il Blog di Marcello Foa © 2017