Era rossa dentro e rossa fuori, orgogliosa di sostenere Bertinotti e Rifondazione comunista e di battersi contro la destra, il capitalismo e  ovviamente Berlusconi. Ora sappiamo che qualcosa di rosso non ha: il conto. Milva in Lichtenstein custodiva sette milioni di euro ovviamente non dichiarati. Intervistata da Antonio Lodetti sul Giornale di oggi , la signora ha dichiarato di non essere preoccupata  “perché chi mi segue in queste cose mi ha assicurato che è roba vecchia, prescritta“. Se è prescritta significa che è frutto di attività comunque non lecite: forse la signora ha evaso il fisco, come un commenda qualunque? Non sta bene per un artista che si batte per la prosperità dei lavoratori. Poi, con aria svagata afferma di non essersi mai occupata di quel conto, ricordando però che “mio marito mi diceva sempre di pensare alla vecchiaia, di accantonare qualcosa magari all’estero, quando lavoravo fuori“.

Sette milioni di euro per la vecchiaia?  Niente male per una comunista. Quasi quasi divento rosso anch’io.