Istintivamente Obama mi piace: è giovane, non è invischiato con le lobbies di Washington, che rappresentano il cancro della democrazia Usa, è un oratore straordinario, capace di parlare per un’ora a braccio senza sbagliare un colpo. Sa affascinare e l’America ha una gran voglia di sognare. Ma più passa il tempo e più mi rendo conto che sappiamo ben poco delle sue idee. Che cosa pensa davvero Obama? Quali riforme propone? Le risposte per ora sono piuttosto vaghe, perchè, come accade sempre più frequentemente nei Paesi occidentali, in campagna elettorale si parla di tutto tranne che dei programmi. (anche in Italia, peraltro).

I miei dubbi sono aumentati da quando siamo venuti a conoscenza di Jeremy Wright, il suo consigliere spirituale, un estremista che ha definito nazisti gli israeliani, che denigra gli stessi Stati Uniti e che recentemente se l’è presa con gli italiani definendoli “nasi d’aglio” e sostenendo che esiste “un linciaggio all’italiana“. Ne ho parlato l’altro giorno in un articolo sul Giornale in cui osservo  che il senatore di colore “lo ha mollato, sebbene a malincuore, ma per vent’anni Wright è stato la sua fonte di ispirazione e di saggezza, l’uomo che è sempre stato al suo fianco e gli suggerì il titolo della sua fortunata autobiografia «L’audacia della speranza». Per vent’anni ha ascoltato le sue prediche intrise di fanatismo contro i bianchi, contro il mondo occidentale, contro gli stessi Stati Uniti“.

Da qui il dubbio: quante idee di Wright sono state assorbite da Obama? E soprattutto: possiamo davvero fidarci di lui? E’ davvero un moderato?  
 

Ps Ecco come parla Wright: