I due stupri a Milano e a Roma hanno rilanciato la questione dell’immigrazione e della sicurezza. Tra tanti commenti  degli ultimi giorni più o meno pertinenti, ne ritengo due. Uno di Cesare Salvi, che questa mattina a Radio Anch’io quando ha dichiarato che: “effettivamente gli elettori hanno avuto l’impressione che la sinistra arcobaleno non pensasse alla sicurezza“. Mi permetto di correggere Salvi: non avevano l’impressione, ne avevano la certezza e per questo soprattutto l’hanno punita alle elezioni.

Il secondo aspetto riguarda la richiesta di Roberto Maroni, probabile nuovo ministro degli Interni, di rinegoziare la direttiva europea sulla libera circolazione dei cittadini. L’idea ha suscitato reazioni contrariate e un certo sarcasmo, ma in interviste alla Rai e al quotidiano La Stampa  il nostro commissario europeo Franco Frattini l’ha ritenuta plausibile, “perché ormai quella direttiva è superata dall’applicazione integrale degli accordi di Shengen“. Il governo Prodi peraltro non ha mai applicato la norma che consente l’espulsione per chiunque non possa dimostrare di avere i mezzi di sussistenza per vivere in modo dignitoso.  Secondo Frattini (che probabilmente diventerà il prossimo ministro degli Esteri italiano) “una verifica si può fare per vedere se non sia il caso di rafforzare alcuni principi sugli aspetti della sicurezza. C’è un consenso abbastanza ampio  tra i governi europei che la libera circolazione dei cittadini, sacrosanta, non può trasformarsi in libera circolazione dei criminali“. E il governo rumeno? “Deve farsi carico dei propri compatrioti e riprenderseli se non rispettano le leggi“.

Da qui alcune domande: aveva dunque ragione Maroni? Una correzione in sede comunitaria è doverosa considerato che proprio l’Unione europea sottovalutò gli effetti dell’allargamento (che secondo me era prematuro) a Paesi troppo arretrati come la Romania e la Bulgaria. Insomma, se oggi l’immigrazione dei rumeni è un problema in molti Stati, come l’Italia e la Spagna, la responsabilità all’origine è di Bruxelles.

Ma,  mi chiedo: basta una norma Ue per rimediare a una situazione che la maggior parte dei cittadini considera fuori controllo? E se la risposta è no, quali misure considerare?