Dunque Alemanno sarà sindaco di Roma, un’impresa storica. Ma ora il centrodestra non ha più scuse: controlla Milano, Roma, molte regioni importanti, gode di un’ampia maggioranza in Parlamento dove, per la prima volta, non sarà intralciato dalla demagogia dell’estrema sinistra, né dalle operazioni dilatorie dei piccoli partiti ma potrà contare su un’opposizione, da parte dell’Udc e del Pd, che si annuncia moderata e costruttiva. Il quadro è ideale ma comporta dei rischi, uno in particolare: l’assunzione di responsabilità,  da cui la nostra classe politica tradizionalmente rifugge. Se il centrodestra ha davvero un progetto per il Paese e con esso una visione del futuro, se è in grado di rendere l’Italia più sicura e di moderare l’immigrazione, oggi fuori controllo, è il momento di agire, abbandonando le logiche da campagna elettorale.  Un governo credibile in un Paese più serio: è questo che si aspettano gli italiani. Da qui due domande. Secondo voi il centrodestra è pronto a gestire un potere tanto ampio? E dunque Berlusconi, Fini e Bossi saranno all’altezza di una missione ambiziosa e, comunque vada, cruciale per l’Italia?