E’ la tesi di un famoso intellettuale francese, André Glucksmann: il Maggio francese avrebbe posto le basi per la fine del comunismo. Come spiega in un’intervista che mi ha concesso, sebbene il movimento fosse marxista “la caratteristica del Sessantotto in Francia fu di incoraggiare lo spirito libero, anticonformista, antitotalitario” e questo portò “alla fine del mito delle rivoluzioni operaie, comuniste e dunque di Marx, Lenin, Che Guevara“. Secondo Glucksmann “in altri Paesi, come l’Italia o la Germania, la militanza era più ortodossa e, per certi gruppi, estrema“, dunque l’evoluzione del Sessantotto fu più lenta e difficile, questo spiegherebbe perché da noi si sviluppò il terrorismo rosso mentre in Francia no. Glucksmann esalta la globalizzazione e pensa che l’essere “senza radici” sia un bene per gli occidentali perché li apre al mondo.

Le sue tesi sono provocatorie: il Sessantotto fu complessivamente positivo? Io penso (da anni) che il comunismo sia caduto grazie alla superiorità del sistema liberale… E poi cosa resta del movimento? Una generazione tendenzialmente egoista, arrivista e non più solidale, come sostengono alcuni?