Barack Obama, una promessa o un’illusione?

Visto dall’America, dove sono da qualche giorno per seguire le convention democratica e repubblicana, un altro Obama. L’opinione pubblica italiana, come quella europea, subisce ancora il fascino del candidato democratico; qui invece si diffondono i dubbi. Sì , Barack è un grande parlatore ed è molto affascinante. Fino a oggi gli è bastato promettere il cambiamento e invocare la speranza, per incantare gli elettori. Ma in una campagna che dura nove mesi, l’ipnosi collettiva da sola non basta. Occorre che Obama dia contenuto e spessore al proprio programma.  Nei primi due giorni della convention questo non è avvenuto e infatti i sondaggi danno i due […]

  

L’educazione dei figli, tra utopie e piccolissime virtù

 E’ capitato, in qualche post, di parlare un tema fondamentale e delicato come quello dell’educazione dei figli. Ora un caro amico, Giovanni Scirocco, mi segnala questo brano di Natalia Ginzburg, che propongo sul blog perché offre molti spunti di riflessione: Per quanto riguarda l’educazione dei figli, penso che si debbano insegnar loro non le piccole virtù, ma le grandi. Non il risparmio, ma la generosità e l’indifferenza al denaro; non la prudenza, ma il coraggio e lo sprezzo del pericolo; non l’astuzia, ma la schiettezza e l’amore alla verità; non la diplomazia, ma l’amore al prossimo e all’abnegazione; non il […]

  

L’America è debole e il mondo ne approfitta. Per sempre?

Dopo la Russia, altre brutte notizie per l’Occidente. Il terrorismo islamico si è risvegliato: attentati in Algeria, ripresa dei kamikaze in Irak, i talebani all’offensiva in Afghanistan, dove hanno ucciso 10 soldati francesi, non sono mai stati così vicini alla capitale Kabul. Intanto, in Pakistan gli Usa perdono il fido Musharraf e mentre il mondo pensa alle Olimpiadi, la Cina prosegue la penetrazione in Africa. Come previsto l’opposizione alla Russia in Georgia è risultata sterile e Mosca continua a gestire la situazione a proprio piacimento (e infatti oggi l’Abkhazia ha chiesto l’indipendenza). L’accordo firmato dalla Rice con la Polonia per la fornitura di missili nell’ambito […]

  

Due sprechi (tutti italiani) da eliminare

Torno ad occuparmi un po’ di vicende italiane, rilanciando qualche riflessione. La prima: perché in Italia i cantieri autostradali durano in eterno? Ad esempio sulla Milano-Genova i lavori di ampliamento per la terza corsia sono in corso da molti anni. E’ un’autostrada che percorro abbastanza frequentemente in settimana, il sabato, la domenica, di giorno e la sera. Non vedo mai operai al lavoro, sembra tutto fermo. e infatti i progressi sono lentissimi. Negli altri Paesi a inizio lavori viene fissata una data per la conclusione che, salvo imprevisti e documentati motivi, viene rispettata. In Italia invece si sfora sui tempi […]

  

La guerra è finita o inizia solo adesso?

Sì, i cannoni non sparano più in Georgia, ma se esaminiamo quel che è accaduto in questi giorni da un punto di vista strategico, non c’è da stare allegri. La guerra potrebbe essere solo agli inizi. Mi spiego: 1) Dal 1989 al 2004 gli Stati Uniti hanno applicato una politica di accerchiamento della Russia, facendo cadere sotto la propria influenza molti Stati nell’Europa dell’Est e nell’Asia centrale, come spiego in questa analisi. 2) Dal 2004 Putin ha cercato di contrastare gli Stati Uniti, ottenendo qualche successo, ma non riuscendo mai a portare il colpo del Ko. In un approfondimento sostengo […]

  

Guerra nell’Ossezia del Sud: un disastro per l’Occidente?

In un’analisi pubblicata oggi sul Giornale spiego le ragioni che hanno provocato la drammatica guerra nell’Ossezia del Sud. L’Occidente sconta l’effetto Kosovo e la questione Nato: Nel febbraio 2008 Pristina si stacca dalla Serbia con la benedizione dell’Occidente. E il quadro cambia. Putin protesta veementemente per «l’amputazione della Serbia»; l’Occidente, però, lo snobba e lui rilancia annunciando la reciprocità. Se il mondo si arroga il diritto di strappare il Kosovo, Mosca si riserva di fare lo stesso con l’Ossezia del Sud e con l’altra repubblica ribelle georgiana, l’Abkhazia. Altri due mesi e al vertice di Bucarest, la Nato, pur evitando di avviare […]

  

Una buona idea per fermare i clandestini

I clandestini continuano ad arrivare a Lampedusa: siamo a quota 12500 di cui oltre tremila solo negli ultimi dieci giorni. Il 125% in più rispetto al 2007. Come spiego in un articolo pubblicato oggi, questo afflusso non è casuale, ma tollerato da Gheddafi che ha allentato i controlli sulle coste per mettere sotto pressione l’Italia e strappare accordi a lui favorevoli con il nostro governo e, più in generale, con l’Unione europea. Un gioco al rialzo che sa tanto di ricatto. Ma Tripoli ospita un’iniziativa davvero felice, di cui si parla poco e che rischia di concludersi a breve. L’Organizzazione internazionale per le […]

  

Le Olimpiadi? Boicottiamole spegnendo il televisore

Il ministro della Gioventù Giorgia Meloni teme che “cali il sipario sui Giochi senza che sia stato posto il problema dei diritti umani e civili” e invita atleti e tifosi italiani “a compiere un gesto simbolico per ricordare quali sono i diritti da rispettare: dall’indossare una maglietta al dire qualcosa quando si viene intervistati al gesto di non sfilare che non è l’unico modo, ma uno degli strumenti“. Sono d’accordo con la Meloni e con Gasparri che ha chesto misure analoghe. L’Occidente non ha potuto alzare la voce con Pechino per le ragioni note: l’America ha bisogno che i cinesi continuino […]

  

Anche in Italia chi è di centrodestra è più felice?

Negli Stati Uniti diverse inchieste sociologiche dimostrano che i conservatori sono più felici dei progressisti. Le ragioni sono diverse: il matrimonio, la fede, una visione più ottimistica della vita. Uno degli intellettuali emergenti americani Arthur C. Brooks ha analizzato il fenomeno in un libro di grande successo e ora lo stesso Brooks è stato nominato alla guida dell’American Enterprise Institute. La svolta è epocale, perché questo centro studi era il feudo dei neoconservatori, che ora invece sono spariti di scena. In America sta nascendo una nuova destra, moderata persino spirituale  che riscopre i valori della libertà e il perseguimento della felicità […]

  

il Blog di Marcello Foa © 2017