Obama sarà davvero un riformatore? Più passa il tempo e più sono convinto di no. Sta diventando l’uomo dell’establishment ovvero di quel mondo che in campagna elettorale aveva promesso di cambiare. “Yes we can”, (“sì, si può fare”) e “Change we can believe in” (il cambiamento in cui credere) sono più che mai slogan retorici e dunque vuoti.

E per averne conferma basta scorrere l’elenco dei ministri e dei consiglieri. Facce nuove? Pochissime, sono quasi tutti ex collaboratori di Bill Clinton e quasi tutti legati a interessi particolari, soprattutto in due campi: finanza e difesa.

Come fa Obama a riformare il sistema finanziario se affida il Tesoro a Geithner e sceglie come superconsigliere Summers ovvero due pupilli del presidente di Citigroup ed ex ministro del tesoro Rubin? Non scordiamocelo: fu Rubin ad avviare il processo di deregolamentazione dei mercati finanziari che è all’origine dell’attuale recessione. E negli ultimi mesi dietro le quinte è stato lui a manovrare con lo stesso Obama e con Bush per ottenere gli aiuti multimilardari al settore e in particolare i miliardi necessari per salvare la stessa Citigroup.

Che credibilità ha un presidente che conferma alla guida del Pentagono Robert Gates, il ministro di Bush, e, soprattutto, che nomina suo vice William Lynn? Voi direte: e chi è Lynn? E’ uno dei più noti lobbisti dell’industria delle armi e al Pentagono è stato incaricato di presiedere il comitato per… gli acquisti di armamenti. ma la gente non lo sa: perchè i grandi media americani questa notizia l’hanno data in breve o non l’hanno pubblicata affatto. E’ così che Obama intende combattere la corruzione e gli interessi particolari?

Temo che una certa Washington abbia già inghiottito Barack…. o sbaglio?