Attenti, amici bloggisti, la Cassazione ha deciso che “per i blog e i forum on-line non valgono le regole che tutelano la libertà di stampa“. La ragione? Eccola: siccome “si tratta di una semplice area di discussione dove qualsiasi utente o gli utenti registrati sono liberi  di esprimere il proprio pensiero, rendendolo visionabile a tutti gli  altri soggetti autorizzati ad accedere al forum“, spesso in forma anonima,.”Blog, forum eccetera non possono essere considerati come una testata giornalistica, ma sono equiparabili ai messaggi che potevanoe possono essere lasciati in una bacheca“. Dunque i blog hanno l’obbligo di rispettare il “buon custome” e il giudice può ordinare il sequestro di alcune pagine web.

La controversia  era nata in seguito alla decisione del Tribunale di Catania di sequestrare un forum di discussione sulla religione cattolica nel quale erano contenuti messaggi che la magistratura di Catania aveva ritenuto offensivi verso il comune sentimento religioso. Alcuni bloggisti “avevano travalicato limiti del buon costume alludendo espressamente a pratiche pedofile dei sacerdoti per diffondere il ‘sacro seme del Cattolicesimo’“.

Il tema è delicatissimo. Certe ingiurie sono indifendibili, ma temo che la sentenza della Cassazione sia esagerata e che costituisca un precedente potenzialmente pericoloso per la libertà di espressione in questo Paese. Chi stabilisce cos’è il buon costume? E chi ci garantisce che questa sentenza non venga usata per mettere a tacere opinioni scomode?