Dunque, ci siamo. Obama arriva oggi a Londra e domani vedrà i leader dei venti principali Paesi industrializzati; ma questo vertice, ritenuto da tutti fondamentale,  si concluderà con ogni probabilità con pochi risultati concreti, che non è difficile prevedere: un impegno generico a una nuova regolamentazione degli hedge funds, misure contro i paradisi fiscali, nuovi fondi al Fmi. Le riforme strutturali resteranno nel cassetto e lo strapotere della finanza sull’economia reale non verrà rimesso in discussione: questo espone il mondo a nuovi choc.

Una delle novità più importanti riguarda il rapporto tra l’America e l’Europa. Come ho scritto in un pezzo sul Giornale, l”‘Europa ha deciso di non seguire l’America sulla via del rilancio economico, perlomeno non secondo le modalità statunitensi. Obama, in circa due mesi, ha approvato misure, che, inclusi i salvataggi delle banche e delle industria in difficoltà, toccheranno l’astronomica cifra di 4500 miliardi di dollari, pari quasi al 30% del Pil. E per settimane l’amministrazione Obama, con il martellante sostegno della stampa, ha tentato di convincere l’Unione europea ad uniformarsi agli Usa. Ma la cancelliera tedesca Merkel, spalleggiata da Sarkozy, ha tenuto duro e ha vinto“. I consiglieri della Casa Bianca hanno annunciato che “Obama non insisterà con i leader dei venti Paesi più importanti del pianeta sulla necessità di varare la prima, grande, coordinata manovra mondiale. La bozza della risoluzione, trapelata su un giornale tedesco, esprimerà un auspicio generico, senza alcun vincolo. Come dire: ognuno faccia da sé“. L’Europa ritiene più importante salvaguardare la solidità dei conti pubblici e limitare i rischi di un’iperinflazione, l’America, invece, la cui economia è basta al 75% sui consumi, deve far ripartire ad ogni costo l’economia.

Il viaggio confermerà la straordinaria popolarità di Obama, ma sarà  inconcludente anche su altri dossier, soprattutto sull’Afghanistan: fino a poche settimane fa Washington pretendeva dagli europei l’invio di nuove truppe al fianco dei marines, ma nella Ue questa eventualità è talmente impopolare da indurre i governi a respingere le pressioni americance. E l’America è così debole da abbozzare: al vertice della Nato la questione delle nuove truppe a Kabul passerà sotto traccia.

La mia impressione è che politicamente il viaggio di Obama rischia di essere ricordato come il primo di un’America a cui il mondo non riconosce più lo status di superpotenza. Perchè dire no aall’America oggi si può, e non basta un presidente mediatico a ridare prestigio e credibiltà a un Paese a cui il mondo, all’unanimità,  rinfaccia la responsabilità della crisi.