Sono rimasto molto colpito dal modo da questa foto:

Per festeggiare il gol all’Italia i giocatori dell’Egitto si sono inchinati verso la Mecca. Il loro gesto è stato visto da decine di milioni di arabi e, verrà riproposto incessantemente, nelle prossime 24 ore, considerata l’unicità dell’impresa: hanno battuto i campioni del mondo. L’Egitto non è l’Arabia Saudita ed è uno stato tendenzialmente laico. Ma se i giocatori provano l’impulso di inginocchiarsi e pregare per ringraziare Allah (anzichè Mubarak) significa che una certa concezione dell’Islam prevale sulla visione secolare della società e dell’individuo. Questa foto farà proseliti tra i ragazzini e segnerà un’epoca. Ieri formalmente ha vinto l’Egitto, ma soprattutto ha vinto l’Islam arabo e sunnita. E questo si ripercuoterà nel rapporto con l’Occidente, sia in politica estera sia, probabilmente, sull’integrazione degli immigrati nei nostri Paesi.

C’è fermento nel mondo islamico, verso la laicità in Iran, in senso opposto nel mondo arabo sunnita. Prepariamoci, ci attendono tempi nuovi…