Vedo addensarsi nuove nubi sul cielo dell’economia  mondiale e in particolare di quella americana. Pochi ne parlano, perlomeno sulla stampa italiana, ma la California, ovvero l’ottava economia al mondo, è sull’orlo della bancarotta, come spiego in questo articolo e il rischio di un tracollo finanziario non è più da escludere, con ripercussioni facilmente immaginabili. Inoltre: la disoccupazione continua a crescere, il mercato immobiliare continua a crollare, i mancati pagamenti sulle carte di credito sono ai massimi storici, la fiducia dei consumatori ha ripreso a scendere. E le prospettiova di ripresa dell’economia reale sono molto più flebili del previsto.

Ma soprattutto le grandi banche d’affari sono tornate a comportarsi esattamente come prima. La liquidità iniettata dalle banche centrali non è finita all’economia reale, ma è stata usata per nuove spericolate operazioni sul mercato dei derivati, come dimostrano le violente oscillazioni delle quotazioni delle materie prima e l’andamento assurdo delle Borse. E la speculazione, naturalmente, finirà per avvantaggiare soprattutto i manager, che quest’anno incasseranno bonus strepitosi: a Goldman Sachs si profila il miglior anno di sempre.

Tra l’altro poco si è parlato dello scandalo di Steve Perkins, il trader che la settimana scorsa, da solo eludendo i controlli, ha innescato una speculazione che in un’ora ha fatto salire il prezzo del petrolio ai massimi dell’anno. Se una persona riesce a fare questo, è davvero inverosimile che alcune banche d’affari si accordino per pilotare al rialzo o al ribasso un mercato? Io dico di no.

Il recente boom di Borsa è frutto di aspettative irrealistiche alimentate dalla speculazione che, come avvenuto in passato, potrebbe cambiare rapidamente orientamento, tanto più che i bilanci delle banche sono pieni di spazzatura che i trucchi contabili non riusciranno a nascondere in eterno.

Dimenticavo: le banche americane hanno ripreso a erogare mutui subprime e a cartolarizzare debiti dal valore molti dubbio spacciandoli per obbligazioni tripla AAA…

Attenti ai predoni della finanza: quando va bene a loro, va male a noi. A quando la nuova crisi finanziaria? C’è chi teme un altro settembre di lacrime…