Ma perché diamo ancora retta alle agenzie di rating ?

Le agenzie di rating, come noto, danno i voti a chi emette titoli di Stato e obbligazioni. Un anno fa abbiamo scoperto che erano inaffidabili. Erano finanziate dalle stesse società che poi erano chiamate a giudicare,  per anni hanno commesso errori colossali, mantenendo doppie e «triple A» a compagnie come Enron e Lehman Brothers fino al giorno del fallimento, abbiamo scoperto intrecci finanziari sconcertanti, connivenze eclatanti. Insomma, dei carrozzoni. Un anno fa le autorità americane avevano promesso che le avrebbero riformate. Standard & Poor, Moody’s, Fitch sono private e agiscono in regime di oligopolio sotto licenza degli stessi regolatori statunitensi. […]

  

Grecia, dal Fmi lacrime e sangue. Ma poi?

Manca solo il sì tedesco (e non un’incognita da poco), ma salvo rivolgimenti il quadro è delineato. La Grecia riceverà aiuti per 45 miliardi, di cui 30 dai partner Ue e 15 dal Fondo monetario internazionale. Riuscirà così a evitare il default, perlomeno a breve. Evviva, scrivono i media internazionali e i mercati respirano. Il peggio è scongiurato. Ma ne siamo proprio certi? Quel che ancora non emerge dalle cronache di questi giorni è il prezzo che i cittadini greci dovranno pagare. La Ue ha già imposto un programma per ridurre drasticamente il deficit nel 2011 e nel 2012 con […]

  

Verso un’alleanza a destra Montezemolo-Fini?

La coincidenza è sorprendente, anche se casuale: mentre Fini ufficializza la fronda a Berlusconi nel Pdl, Luca Cordero di Montezemoli lascia la presidenza della Fiat e diventa un uomo libero di esplorare nuovi orizzonti professionali. Montezemolo continua a negare di voler scendere in politica e a breve con ogni probabilità non mente. Ma a lungo? Pochi mesi fa ha lanciato una nuova fondazione, Italia futura, e quando una personalità pubblica decide iniziative del genere raramente è per spirito di servizio. La fondazione è il viatico a iniziative più importanti e alla costruzione di una rete di contatti. E’ lo stesso percorso seguito da Fini con FareFuturo, un […]

  

Il vulcano erutta, ma a sbagliare è il computer…

Scrivo questo post per scusarmi dalla mia parziale latitanza da questo blog, ma sono rimasto coinvolto dal blocco aereo provocato dal vulcano. Sarei dovuto partire per New York (con famiglia al seguito…), ma al 99% rinuncerò al viaggio. Pazienza, non mi arrabbio, né mi dispero. Questa vicenda però mi fa riflettere sulla fragilità della nostra società e, alla fine, della nostra conoscenza. L’uomo continua a pensare di poter dominare la natura e di poter prevedere tutto. Ma così non è. Il modo in cui l’emergenza è stata gestita dimostra la fallacia dei sistemi informatici da cui dipende gran parte della […]

  

Goldman Sachs sotto accusa per frode. Svolta o fuoco di paglia?

Dopo un lungo torpore, la Sec, autorità di controllo di Borsa, ha accusato Goldman Sachs per frode. Più volte su questo blog ho denunciato l’impunità dei responsabili del crack finanziario del 2008 e questa notizia è benvenuta. Tuttavia è presto per affermare che si tratta di vera svolta. In passato altre volte sono stati aperti procedimenti contro i banksters (banchieri-gangsters), che poi sono finiti nel nulla. La lobby è molto potente e ben radicata. Ed è pronta ad usare l’arma suprema ovvero a indurre un nuovo tracollo delle Borse, secondo la logica: se colpite noi viene giù tutto. D’altronde fu […]

  

Le accuse ad Emergency? Sento puzza di montatura…

Esistono due modi per affrontare la vicenda dei tre collaboratori di Emergency arrestati in Afghanistan. Il primo è quello manicheo: Strada è di sinistra dunque il lettore di destra propenderà per la sua colpevolezza. Viceversa, quello di sinistra non si chiede nemmeno se i tre possano essere colpevoli ma santifica Strada a prescindere. Il secondo analitico. Le mie idee politiche non sono certo quelle di Strada, ma non ho il paraocchi. Ho conosciuto alcuni attivisti di Emergency, apprezzando la loro dedizione, seguo le attività dell’organizzazione da tempo e ritengo Emergency meritevole di stima per il suo impegno umanitario. Non credo assolutamente che tre italiani possano essere pericolosi fiancheggiatori di Al […]

  

Le banche Usa truccano ancora i bilanci. Farsa sia, ma per tutti

Scusate se torno sul tema, ma sono rimasto uno dei pochi giornalisti, forse l’unico in Italia nei grandi giornali, a denunciare con costanza le magagne delle grandi banche americane. L’ultima è davvero grossa. Come spiego in questo articolo, i grandi istituti continuano a truccare i conti. E non di poco: abbelliscono i propri bilanci nascondendo il 42% dei propri debiti qualche ora prima della presentazione dei risultati trimestrali. Ovvero si avvalgono dello stesso trucco contabile, il “Repo 105″, usato da Lehman Brothers per nascondere la voragine nei propri conti poco prima del crack. Un comportamento indegno, scrissero tutti all’epoca. E […]

  

La nuova Ue socialista (disegnata da Monti) affosserà l’euro?

Esistono banchieri che sanno muoversi anche in altre dimensioni culturali, sociali, politiche, insomma che hanno una visione più alta della realta. Uno di loro è senza dubbio Konrad Hummler, numero uno di una banca privata elvetica, la Wegelin & Co. Lo conobbi qualche anno fa a un convegno e da allora seguo regolarmente le sue analisi. Ogni due mesi pubblica un bollettino finanziario  in cui espone il suo pensiero. L’ultimo che trovate qui è molto interessante. Hummler è uno dei pochissimi a dare rilievo a una notizia di cui non c’è praticamente traccia sui media  ma che rischia di essere decisiva per il futuro […]

  

Ma perché a destra l’omosessualità è ancora un problema?

L’altra sera ho visto il film Mine Vaganti e mi è piaciuto assai. Commedia brillante, che uguaglia in certe scene l’umorismo del Vizietto, e al contempo profonda. Ferzan Ozpetek affronta con garbo e raffinatezza  il problema dei genitori che rifiutano l’omosessualità dei figli e al contempo propone, ancora una volta, riflessioni bellissime sulla forza dell’amore, sulla necessità di affrontare la vita assecondando il proprio talento anziché seguire, come fa la maggior parte della gente, le convenzioni sociali o solo l’interesse materiale. Reputo Ozpetek un regista straordinario e dissento da chi lo considera “solo”  in quanto  gay. E’ un artista che […]

  

E negli Usa i banchieri-gangsters la fanno franca…

Lo sospettavamo e ora c’è la conferma: Bernie Madoff era un capro espiatorio. Non che le sue sue truffe fossero false, al contrario; ma il suo caso era talmente colossale che è stato usato anche  o forse innanzitutto, per placare l’opinione pubblica. Già, perché a un anno e mezzo dal tracollo della Lehman Brothers nessuno dei grandi banchieri americani è sotto processo, come spiego in questo articolo. Sia chiaro: non mi riferisco ai banchieri in genere,  ma a quei supermanager di cui sono state scoperte frodi e irregolarità da codice penale e che hanno provocato perdite ingenti e ingiustificate a […]

  

Ma gli italiani sono davvero poveri?

Ho scoperto, leggendo i dati ufficiali sui redditi degli italiani, che viviamo in un Paese povero. Tale deve essere considerata l’Italia se «circa la metà dei contribuenti dichiara non oltre 15mila euro annui e circa due terzi non più di 20mila euro». Secondo le statistiche il 52% del totale dell’imposta é pagato dal 13% dei contribuenti con redditi oltre i 35mila euro. Dunque chi guadagna più di 35 mila euro va considerato ricco. E, in fondo, un benefattore. Dalle cifre emerge un Paese schizofrenico. La Lombardia ha il reddito medio più alto, pari a 22.540 euro, ma il Lazio è […]

  

il Blog di Marcello Foa © 2017