L’altro giorno, leggendo sul Manifesto, le trascrizioni delle telefonate tra Nicola Porro e il portavoce della Marcegaglia Rinaldo Arpisella, sono rimasto colpito da una frase di quest’ultimo, che a un certo punto dice: «…Ci sono sovrastrutture che passano sopra la mia testa, la tua testa…». E più avanti: «…Ma tu non sai che c… c’è altro in giro, ti parlo da amico cioè…è un’ottica corta cioè.. è allora il cerchio sovrastrutturale va oltre me,, va oltre Feltri, va oltre Berlusconi, va oltre…»

Le frasi sono inquietanti e meriterebbero qualche spiegazione da parte del signor Arpisella e della Confindustria; possibilmente anche un’indagine da parte della magistratura, anche se credo che ciò  non accadrà. Quella frase, citata dal Manifesto (bravi!), è stata ignorata dagli altri giornali, che invece hanno riportato tanti altri dettagli non sempre pertinenti e certo assai meno importanti.

L’allusione è pesante e significativa proprio perché formulata da una fonte eccellente e insospettabile.

Mi chiedo e vi chiedo: chi comanda davvero in Italia? Da chi è composta questa “sovrastruttura”?

Qualcosa mi dice che se si scavasse davvero si scoprirebbero altri particolari interessanti.  In Italia, ma non solo. In fondo l’Italia è solo una pedina…

O sbaglio?

AGGIORNAMENTO . 1) Vedo ora, aprendo il Giornale,  che il mio collega Gabriele Villa affronta lo stesso tema in questo articolo nel quale pone cinque domande a Confindustria.

2) Arpisella, lunedì mattina, ha precisato: «Trattasi di un’elucubrazione del tutto personale, con cui né Confindustria e né i suoi vertici istituzionali hanno ovviamente a che fare». Chi l’avrebbe detto?

Tag: , , , , ,