Confesso che non ne  posso più di sentir parlare di Bin Laden. In questi anni ne abbiamo sentite di tutti i colori: rinchiuso nelle grotte dell’Afghnaistan, ucciso durante un’azione militare, poi di nuovo vivo, morto per problemi  di salute, di nuovo vivo. Ora salta fuori che viverebbe in Pakistan in case private protetto dai servizi segreti pakistani.

Dal 2001  abbiamo sentito la sua voce, ma non abbiamo mai la sua faccia, tranne in un video molto strano, così strano da sembrare costruito a tavolino. Da chi non si sa. L’impressione, assai sgradevole, è che ormai sia diventato un terrorista yo-yo: viene tirato fuori e poi fatto sparire a piacimento. Forse dai terroristi islamici o dai servizi segreti o da certi governi.

Con qualche sorpresa: stamane ho digitato su Google le parole “Osama Wanted” e sono finito, correttamente, sul sito dell’Fbi. Il mandato di cattura c’è (vedi qui) ma riguarda solo gli attentati in Tanzania e Kenya. Insomma, Bin Laden non é ricercato per l’11 settembre. Dall’Fbi. Dal Dipartimento di Stato invece anche sì , nell’ambito del programma Rewards for Justice, con una ricompensa di 25 milioni di dollari (vedi qui).

Delle due l’una: o sanno dov’é e non ce lo dicono. O non sanno dov’é e gli Usa rincorrono voci a caso. Possibile che non bastino nove anni per sapere che fine abbia fatto il terrorista più famoso e temuto al mondo?

In ogni caso una situazione assurda. O sbaglio?

Tag: , , , , , , ,