Dunque anche Bulgari è stata ceduta ai francesi. Mi ha colpito una frase del fondatore, che in un’intervista a Repubblica ha dichiarato:

Perché avete venduto ai francesi?
Perché non c’è stato un italiano disposto ad allearsi con noi! E non sa quanto mi spiace. Per cinque anni abbiamo cercato partner tricolori, pronti anche ad andare in minoranza. Ci hanno risposto tutti picche. Certo rimane un po’ d’amarezza per questo Paese…“.

In che senso?
C’è una totale disattenzione all’eccellenza. Mi tolgo un sassolino dalla scarpa: noi diamo lavoro a tanta gente in Italia, siamo un gruppo trasparente che non ha mai avuto bisogno della politica. Mi immaginavo che alla mostra per i nostri 125 anni a Roma venisse a trovarci qualche istituzione”.

E invece?
Non è venuto nessuno. Quando abbiamo replicato in Francia al Grand Palais l’anno scorso c’erano 5mila persone con tutta la Parigi che conta”.

Non conosco da vicino il gruppo Bulgari, però è assurco che un gruppo di queste dimensioni e così bene avviato non trovi un partner italiano, nemmeno sollecitandolo. Assurdo, ma non sorprendente: l’Italia continua ad essere quella dei Comuni, con le sue virtù - il Rinascimento partì da piccoli – ma soprattutto con i suoi difetti, che si traducono in un campanilismo esasperato e in una rivalità tra piccoli che, storicamente, finisce per agevolare i grandi. Venezia, Genova, Pisa, Firenze, Mantova, Parma hanno tutte scritto pagine magnifiche ma l’incapacità di pensare in grande e di superare le rivalità le ha portate, alla lunga, alla rovina o comunque a finire sotto una potenza più grande.

Lo stesso sta avvenendo oggi in economia. In questo articolo, Andrea Indini, ricorda quante società sono finite in mano straniere ooltre a Bulgari: Gucci, Safilo, Valentino, Motta, Buitoni, Perugina… Sempre lo stesso film. Da qualche tempo a fare schopping di aziende sono soprattutto i francesi e il governo inizia a preoccuparsi (vedi l’articolo di Zacché).

Mi chiedo: l’Italia morirà colonizzata? Perché ripetiamo sempre gli stessi errori, dimostrandoci incapaci di pensare e di agire in grande?

Tag: , , , , , ,