Il Matrimonio reale, show ormai senza senso?

Sia chiaro:  con questo post non intendo certo mettere in dubbio la famiglia reale. Non essendo inglese, l’argomento non mi compete. La mia è una riflessione più ampia su eventi grandiosi come le nozze reali o la parata del 14 luglio in Francia o la cerimonia di insediamento del presidente americano. In passato, quando gli Stati erano sovrani al 100%, questi grandi eventi servivano soprattutto a cementare l’identità nazionale, fornendo, attraverso l’esaltazione dei simboli, un motivo di identificazione, capitalizzando il potere mediatico delle cerimonie.  Servivano a sancire  la grandezza del Paese, cementando il senso di appartenenza, costruendo un rapporto di […]

  

Nascita di Obama, la politica si riduce a questo?

A quanto pare la polemica sul certificato di nascita di Obama è finita. Il presidente lo ha mostrato pubblicamente. Meglio così. La questione non era marginale:  se davvero non fosse nato negli Usa non avrebbe potuto essere presidente. Andava però sollevata per tempo ovvero al momento della sua candidatura e avanzando subito sospetti fondati. Come invece accade troppo spesso nelle democrazie occidentali, questioni marginali, ma molto medicatiche, diventano centrali e quasi ossessive. Sappiamo tutto del divozio di Sarkozy e del matrimonio con la Bruni, delle amanti di Berlusconi, mentre l’America da tempo si interroga sul certificato di nascita di Obama […]

  

Nonostante tutto voto ancora per il nucleare

Nonostante Fukushima, continuo ad essere favorevole all’energia nucleare. La mia posizione è pragmatica: considerati i limiti produttivi delle energie rinnovabili, il progressivo esaurimento del petrolio, gli elevati standard di sicurezza delle nuove centrali e la necessità di sottrarsi o comunque di limitare la dipendenza dall’estero, ritengo che un Paese moderno debba coprire con l’energia nucleare una parte del proprio fabbisogno. Per sempre? No, fino a quando non verranno sviluppati metodi alternativi che consentano di produrre grandi quantità di energia con minori inquinamenti e rischi rispetto al nucleare e a petrolio-gas. Qualche tempo fa ad esempio ho visto un filmato sull’energia […]

  

Proprio sicuri che l’America non possa fallire?

Ieri i mercati sono crollati dopo che un”agenzia di rating ha abbassato l’outlook sul debito americano. In realtà non è una sorpresa per chi osserva la realtà in modo disincantato. Da tempo, con il contributo di molti bligger, su Il Cuore del Mondo, sostengo che il debito americano è insostenibile e che pertanto la tripla A di cui beneficiano i Treasury bonds Usa è molto generosa, quasi un atto dovuto nei confronti di un Paese che, nonostante tutto, resta il pilastro del sistema finanziario internazionale. Pilastro sì, ma con vistose crepe. Il rapporto debito-Pil viaggia ormai verso quota 100% ed […]

  

Riforma della Giustizia, lo scandalo è un altro

Come, immagino, la maggior parte di voi sono rimasto colpito dalla reazione della sinistra alla riforma della Giustizia. manifestazioni in piazza, popolo viola scatenato, ostruzionismo in aula, deputati che annunciano “un Vietnam dentro e fuori l’aula”. Mi sono detto: sta a vedere che questa volta Berlusconi l’ha combinata davvero grossa. E allora sono andato alla ricerca non di commenti pro o contro, ma di articoli che spiegassero i contenuti della riforma. Li ho trovati facilmente e il responso è  chiaro: le modifiche mi sembrano tutto sommato marginali. Non è certo una rivoluzione; anzi, come riforma, mi sembra tutto sommato blanda […]

  

Immigrati, una lezione sconsolante (per tutti)

Chi ha torto nella polemica sugli immigrati? Semplice: tutti. E il quadro che emerge è desolante per la nostra democrazia. Sia chiaro: il problema è molto complesso ma tutti i Paesi europei, inclusa la stessa Ue, hanno scelto la via peggiore per affrontarlo. Siamo di fronte a una classe politica che ormai sembra incapace di affrontare (e risolvere) i problemi con personalità e perseguendo politiche di alto profilo, non necessariamente popolari nel breve ma premianti nel lungo. Negli ultimi giorni invece tutti i leader politici – sottolineo tutti – hanno agito sempre considerando solo i contraccolpi elettorali con manovre di […]

  

Le amnesie di Sarkozy (e della stampa francese)

Sul fronte immigrati sembra scoppiata la pace tra Italia e Francia, meglio così anche se bisognerà verificarne l’attuazione. In questi giorni di accese polemiche mi hanno colpito due aspetti. Da un lato l’ipocrisia di Sarkozy, che lancia una guerra in Libia per difendere i diritti umani e in nome della solidarietà tra i popoli, ma al contempo fa di tutto per respingere alle frontiere decine di migliaia di immigrati che, invece, in nome dei diritti umani e della solidarietà tra i popoli dovrebbe accogliere. L’ipocrisia è doppia. I tunisini sono di cultura francofona e infatti parlano benissimo francese; è inevitabile […]

  

Che delusione lo spot, Obama a corto di idee?

Ho sempre pensato che Obama non avesse le qualità per essere un buon capo. Quando tutti si esaltavano, descrivendolo come il leader di una nuova Frontiera, di un’America migliore, cercavo di capire la psicologia e il carattere dell’uomo, perchè alla fine questo conta più di qualunque altra variabile: insomma cercavo di scansare l’abbondante schiuma della propaganda per capire chi fosse davvero Obama . Già nel 2008 scrissi, in perfetta solitudine, che Obama non era coraggioso come sembrava, che non era affatto intenzionato a rompere con le lobby, che era un uomo prudente e insicuro che rifletteva tantissimo prima di prendere […]

  

il Blog di Marcello Foa © 2017