Certo che il mondo è strano. Io sono un giornalista e dovrei essere io a intervistare i politici. Accade però che il mio ultimo articolo sulle vere ragioni del conflitto in Ucraina, pubblicato dapprima sul Corriere del Ticino e poi su questo blog, faccia letteralmente il giro del web. Linkato, citato, twittato decine di migliaia di volte.

Alcune riprese mi hanno fatto particolarmente piacere, come quella doppia (qui e qui) di Alberto Bagnai sul suo blog Goofynomics, ma a colpirmi è la trasversalità degli apprezzamenti: centro, destra, sinistra, siti cattolici, laici, filoamericani, antiglobalisti. Tutti con un solo messaggio, che sintetizzo così, con un po’ di pudore: grazie per averci aperto gli occhi.

Finché, l’altro giorno, persino il blog di Beppe Grillo si è manifestato. Lui, leader di un partito politico voleva intervistare il sottoscritto, sì proprio io che appartengo alla razza “maledetta” dei giornalisti e che non sono certo un “grillino”.

Ne è uscita l’intervista che trovate qui, registata in libertà e nello stesso spirito del mio post sull’Ucraina ovvero dedicata a chi vuole capire il mondo oltre l’ideologia, oltre i partiti, oltre una visione schematica e per questo fuorviante della realtà.

Grazie a tutti voi.

PS Qualcuno mi ha scritto chiedendomi lumi sull’intervista che in realtà appare senza contraddittorio. Mistero presto svelato: mi sono state formulate delle domande prima della registrazione e io ho risposto in maniera sequenziale. Siccome la qualità della registrazione via Skype non era – e purtroppo non è ottimale – sono stati registrati nuovamente alcuni passaggi che poi sono stati montati seguendo la scaletta dell’intervista. La mia narrazione è risultata consequenziale, rendendo superflua la pubblicazione delle domande.

Seguimi anche su twitter: @MarcelloFoa

VN:F [1.9.3_1094]
Rating: 4.6/5 (47 votes cast)
Il mondo alla rovescia: Beppe Grillo che intervista Marcello Foa..., 4.6 out of 5 based on 47 ratings