Devo questo post a mio figlio Leonardo (@leonardo_foa), che studia economia e che ha trovato su You Tube un intervento sull’euro, a suo giudizio degno di nota. Di chi? Ma certo, di Claudio Borghi Aquilini.

Mio figlio non ha alcuna intenzione di fare il giornalista (meno male…), però ha un certo fiuto, quasi giornalistico, per gli interventi interessanti.
E quello di Borghi merita, eccome se merita, non solo per le sue indubbie doti oratore, ma per la capacità, davvero rara, di smascherare il “frame” che permette all’establishment di perpetrare i luoghi comuni sulla moneta unica. Un “frame” fondato sul senso di colpa (“gli altri, a cominciare dai tedeschi!, sono più bravi, più capaci e più onesti di voi, dunque adeguatevi e non lamentatevi”) e soprattutto sulla paura.

Sentimento fortissimo che gli spin doctor sanno usare con frequenza e che ha un effetto paralizzante sulla coscienza dell’opinione pubblica.

Vent’anni fa i leader politici, i grandi imprenditori come Gianni Agnelli e gli economisti – a cominciare dall’immancabile Mario Monti – ammonivano che la svalutazione della lira, all’epoca ancorata al marco, avrebbe portato al “disastro”, alla “povertà”, alla “catastrofe finanziaria”, all’”inflazione”, alla “perdita di credibilità sui mercati finanziari” usando le stesse argomentazioni che oggi l’establishment usa per smontare sul nascere qualunque riflessione su una possibile uscita dall’euro.

Argomentazioni che sono per loro natura dogmatiche, fideistiche, dunque per loro natura i-n-d-i-s-c-u-t-i-b-i-l-i. A prescindere. E’ come se un cattolico mettesse in dubbio la parola della Chiesa e del Papa.

Solo che l’economia non è una religione. E nel suo straordinario intervento, Borghi dimostra – citando sempre Repubblica e gli effetti reali della svalutazione che ci fu e di cui alla fine persino Monti cantò le lodi – come il terrorismo psicologico di vent’anni fa fosse arbitrario e ingiustificato. E come – aggiunge Borghi – lo è oggi nei confronti di un’uscita dall’euro.

Sono 18 minuti, ma passano in un baleno. Che siate favorevoli o contrari guardate il filmato, non ve ne pentirete.


YouTube Direkt

Seguitemi anche su twitter: @MarcelloFoa

 

VN:F [1.9.3_1094]
Rating: 4.7/5 (51 votes cast)
Italiani, abbiate paura! O ascoltate Borghi. Poi fatevi qualche domanda, 4.7 out of 5 based on 51 ratings
Tag: , , , , ,