In Gran Bretagna, Nigel Farage vola nei sondaggi e alle prossime europee potrebbe risultare addirittura il primo partito. In Francia Marine Le Pen sta crescendo moltissimo. In Italia gli unici due partiti dichiaratemente anti euro, la Lega e Fratelli d’Italia, sono in ascesa mentre ancora non si capisce quale sia la posizione di Beppe Grillo. Persino in Germania  il nuovo partito Alternative für Deutschland, per non parlare della Grecia, dell’Olanda e di realtà di tanti altri Paesi europei. Sconosciute al pubblico. I media tacciono oppure se ne occupano per rimestare  la solita accusa di populismo o per ribadire i soliti luoghi comuni.

Pochi si interrogano, ad esempio, suelle ragioni che spingono il britannico Farage – a mio giudizio oggi il più brillante leader politico d’opposizione europeo – a distanziarsi dalla Le Pen. Per una ragione semplice: non conoscono né l’una né l’altra. Ecco perché ritengo meritevole l’iniziativa de ilgiornale.it – sito che ho avuto il piacere di dirigere e che ancora oggi ospita il mio blog – di mandare due inviati in giro per l’Europa a raccontare l’altra Europa, quella che i grandi media non raccontano. E di farlo chiedendo il sostegno dei lettori, attraverso il crowdfunding ovvero il finanziamento partecipativo (come potete leggere qui ), di solito usato per finanziare reportage di guerra.

Il giornalismo a cui credo è quello che si propone di capire e di spiegare prima di prendere posizione. Oggi in Europa, oltre a un deficit democratico c’è un evidente deficit informativo che i media affermati dovrebbero colmare non fosse che per dovere di cronaca e per permettere ai propri lettori di  formarsi un’opinione. Ecco perché auguro successo a questa iniziativa dei miei amici ed ex colleghi de ilgiornale.it

Dimenticavo: uno che non ha paura delle proprie opinioni è Claudio Borghi Aquilini, come dimostra in questa intervista . Leggete e poi dissentite. O assentite…

Seguimi anche su twitter: @MarcelloFoa

Tag: , , , , ,