C’è un vuoto a destra e Grillo tenta di colmarlo. Troppo tardi?

Grillo scopre Farage. Casaleggio invita i parlamentari a “sorridere di più”, il M5 stelle è in ebollizione e sembra spostarsi a destra. Da analista politico, dico: la svolta è sensata. Se aggiungiamo l’evidente smarrimento della destra moderata, fin qui riconosciutasi in Berlusconi, e consideriamo la capacità, oggettiva, di Renzi di occupare il centrosinistra e di sedurrre e al contempo rassicurare anche una parte importante dell’elettorato di centro e forzista, appare evidente che la sola area politica dove oggi ci sia da costruire è il centrodestra. E’ una prateria che molti cercheranno di occupare. Il primo a capirlo è stato Matteo […]

  

Renzi? Gli italiani ci cascano (mentre Grillo non è Farage, e si vede)

Dunque, vediamo quali insegnamenti trarre dal voto delle europee: 1) Renzi? Agli italiani piace l’affabulatore (o se, preferite, lo spin funziona). Continuo a non cambiare giudizio su Renzi: né il politico, né l’uomo mi convincono. La sua grande, innata dote è quella dell’affabulatore. Grande parlantina, faccia tosta, ambizione sfrenata. “Il bomba” lo chiamavano da bambino, nel senso di quello che le spara grosse pur di impressionare, e “bomba” è rimasto. L’uomo è intelligente e conosce la potenza dello spin. Ne ha fatto ampio uso, imitando soprattutto Tony Blair e in parte anche Silvio Berlusconi. E ha funzionato: il leader che […]

  

Grillo rompe tutto, ma NON rompe l’euro… Siatene consapevoli!

Ormai ci siamo. Domenica si vota. E ognuno deve avere bene in mente quale sia la posta in gioco. A mio giudizio la vera discriminante è l’euro. Solo due partiti, tra quelli che hanno la chance di superare lo sbarramento del 4%, sostengono l’uscita dalla moneta unica: la Lega Nord e Fratelli d’Italia. Il Pd come si sa è l’alfiere dell’establishment europeista. Berlusconi a mio giudizio ha perso una grande occasione: ogni tanto dà un colpetto all’euro ma alla fine si è allineato all’ortodossia. E poi c’è Beppe Grillo, che è destinato a un grande risultato. E che ancora una […]

  

Ecco a voi il duo Bagnai-Foa…

Per carità, nessuna candidatura politica. Solo tanto impegno civico e il desiderio di aiutare la gente a capire. Ho conosciuto poco tempo fa Alberto Bagnai e in altri tempi la nostra sarebbe stata una convergenza impossibile: lui “de sinistra”, io sin da bambino liberale di scuola montanelliana, dunque “de destra”. Convergenza impossibile. Ma i tempi cambiano e oggi la distinzione tra destra e sinistra ha sempre meno senso. Viviamo un`epoca, quella della globalizzazione, in cui il vero potere è tanto invisibile, quanto straordinariamente pervasivo in ogni campo: dall`economia al giornalismo, dalla democrazia alla giustizia. Siamo dominati da forze e meccanismi […]

  

Napolitano dà lezione di democrazia… agli svizzeri!

Il presidente italiano Giorgio Napolitano è arrivato in Svizzera. E subito si è fatto notare. Ha affermato, riferendosi alla ben nota votazione popolare del 9 febbraio scorso contro l’immigrazione di massa: “Siamo troppo amici per nascondervi lo sconcerto provato nell’apprendere un risultato che si pone in controtendenza rispetto alla consolidata politica europea della Confederazione“. E l’ha definita “una battuta d’arresto nel percorso europeo della Svizzera“, auspicando, naturalmente che “il modesto margine di vantaggio dei ‘sì’lasci ampio spazio al confronto sui possibili scenari di collaborazione su questo spinoso terreno tra Svizzera e Unione Europea“. Se ne deduce che: 1) per il […]

  

Sempre in tv, sempre in viaggio. Ma quando lavora Renzi?

Ho sempre saputo che dirigere un governo è un’impresa titanica, per quanto affascinante. Titanica soprattutto per chi non è mai stato non solo ministro ma neppure parlamentare, come Matteo Renzi, e dunque non ha familiarità con la macchina amministrativa. Logica vorrebbe che dedicasse molte ore allo studio dei dossier e a confrontarsi con i suoi più stretti collaboratori, limitando allo stretto indispensabile tutto il resto. Da circa tre anni dirigo un gruppo editoriale e vivo costantemente sotto pressione, al punto che persino i miei familiari si lamentano perché durante il giorno non riescono a raggiungermi (telefono sempre sul silenziatore). Mi […]

  

Renzi: 80 euro a tutti ma non ai poveri. Come, non lo sapevi?

Ho appena assistito a una bella conferenza di Luciano Canfora alla Biblioteca cantonale di Lugano. Eloquio brillante, grande cultura, Canfora è un pensatore libero che non lascia mai indifferenti. Ha criticato i media per il modo unilaterale, anzi “ridicolo” in cui stanno coprendo la crisi ucraina e poi si è permesso una puntata su Renzi e i suoi famosissimi 80 euro in busta paga, che vanno a tutti tranne a pensionati, partite Iva (non e’ una novità) e, parola magica, agli “incapienti”. Suona così bene… profuma di cultura, gran parolaio Matteo, già; ma si è chiesto Canfora, quanti sanno cosa […]

  

Il coraggio che manca a Renzi: dire la verità sull’Italia e sul Fiscal compact

Seguo con crescente perplessità le peripezie verbali del premier Matteo Renzi. Non che ne disconosca le capacità: Renzi è bravissimo nel comunicare. Veloce di mente, prontissimo nelle battute, accattivante nell’eloquio, furbo e ammaliatore. Come presentatore televisivo sarebbe perfetto. Anche come politico, nella nostra epoca; a condizione che oltre alle doti comunicative ci sia sostanza politica ovvero, se non qualità da statista, perlomeno capacità di analisi e un minimo di visione progettuale. E invece il pur bravo Matteo continua a mostrare soprattutto doti da giocoliere o da acrobata. Una piroetta qui, un artifizio là, tantissima presenza scenica e mediatica condita da […]

  

Svendere di nuovo l’Italia. E’ questa la vera missione di Renzi?

Un paio di mesi fa, poco dopo la nomina di Matteo Renzi a Palazzo Chigi, un amico che lavora nella finanza e che mi segue con molta simpatia ma anche con un certo scetticismo riguardo alle mie tesi, mi fa un discorso di questo tenore: “E’ già la terza volta che una grande banca d’affari parla bene della Borsa di Milano e invita a investire nei titoli italiani. Stesso approccio, stesse argomentazioni, non so cosa stia succedendo. La situazione a noi non sembra cambiata ma queste coincidenze non mi tornano. Mi sa che questa volta hai ragione tu”. Sui grandi […]

  

il Blog di Marcello Foa © 2017