La miancciosa ichiarazione di Draghi è stata accolta, come da programma, con un inchino dalla maggior parte dei media e dei partiti. Nulla di sorprendente, è da sempre così. Ma è scandalosa e al contempo illuminante.

Scandalosa perché non spetta al presidente di un istituto finanziario, che viene nominato e gestito secondo principi che non sono democratici, pretendere da Paesi democratici la cessione di sovranità. Non spetta in nessun caso né a Draghi né a esponenti della Bce o dell’establishment di Bruxelles pretendere un gesto assoluto che sovverte i principi delle nostre democrazie. Equivale a evocare un golpe e l’occupazione (non militare ma per il tramite forse ancor più potente della finanza) di Paesi basati sulla sovranità popolare. Questo è INACCETTABILE.

Ma come si permette il signor Draghi?

Illuminante per due ragioni. La prima, come ha titolato ilgiornale.it, Draghi e le élite a cui egli appartiene hanno gettato la maschera: la cessione definitiva e irrevocabile della sovranità nazionale è – da sempre – uno dei loro obiettivi, che fino ad oggi però non avevano mai ammesso apertamente. Ora hanno dichiarato le loro intenzioni che sono inquietanti: vogliono privare i popoli europei dei propri diritti fondamentali e sottometterli a una dittatura tecnocratica, E’ giusto? E’ accettabile? Davvero interi popoli devono chinarsi – e per di più sentendosi in colpa – di fronte a questa élite autonominatasi? O sono solo io a vedere il pericolo?

La seconda ragione è più sottile. Il discorso di Draghi, subito sottoscritto dal mirabolante premier Renzi, è il seguente, L’Italia è in questo stato perché non ha fatto i compiti, dunque oggi merita di essere punita. La verità, come spiegato benissimo da Alberto Bagnai e da altri economisti sia di destra che di sinistra, è esattamente opposta: l’Italia è in queste condizioni di declino strutturale perché da oltre un decennio ha adattato la propria economia a regole – i parametri di Maastricht – e accolto amorevoli “diktat” – ispirati dalla Troika – che sono, riguardo ai fondamentali economici, insensati e del tutto controproducenti per il tessuto economico italiano, come per quello della maggior parte dei Paesi europei tranne la Germania.

Il risultato è sotto gli occhi di tutti: la splendida e un tempo invidiata industria italiana, sta morendo per colpe non sue. L’economia reale continua a indietreggiare, i giovani non trovano lavoro, la disoccupazione esplode, il settore immobiliare crolla, il numero dei poveri aumenta. E quasi vent’anni di sacrifici per tentare di ridurre il debito pubblico non sono serviti a nulla perché il debito pubblico ha continuato a crescere a causa non di spese pubbliche fuori controllo (lo Stato italiano spende meno di quel che incassa!!!) ma dalla spirale devastante degli interessi sul debito pubblico.

Il regresso è drammatico in termini economici, civili e sociali.  E volete continuare su questa strada? In fondo al tunnel c’è la povertà assoluta, c’è la disperazione sociale, c’è l’annientamento delle regole del mercato.

Che gran risultato!

 

VN:F [1.9.3_1094]
Rating: 4.9/5 (134 votes cast)
Come si permette, Mr Draghi?, 4.9 out of 5 based on 134 ratings