Basta pregiudizi: date fiducia al governo Lega-5 Stelle

Non lasciatevi terrorizzare dal pregiudizio che si diffonde su praticamente tutti i media. Oggi affido il mio commento, decisamente controcorrente, a un breve video commento. In due minuti vi dico: Lega e Movimento 5 Stelle stanno cercando di cambiare tutto e di ridare diamo fiducia al nuovo governo e giudichiamolo sui fatti. ‪PS Ieri mattina sono stato ospite di Oscar Giannino su Radio 24. La mia era una voce fuori dal coro sul destino e sulle prospettive del nascente governo Lega-5Stelle. Potete ascoltare il mio intervento e il civilissimo dibattito con Giannino dal minuto 42. Nessun programma (di Governo) è […]

  

Fatevene una ragione: Salvini non è la Le Pen e Di Maio non è un comunista. E ce la possono fare

imageJacques Attali

No, caro Attali, Matteo Salvini non è Marine Le Pen e Luigi Di Maio non è Jean-Luc Melenchon. E soprattutto l’Italia non è la Francia. Riepiloghiamo a beneficio del lettore: Jacques Attali è uno degli uomini più potenti di Francia (è colui, tanto per intenderci, che si vanta pubblicamente di aver creato dal nulla Macron) ed è uno dei massimi rappresentanti dell’establishment globalista. Ieri era al Salone di Torino, intervistato, ça va sans dire, dal direttore di Repubblica Mario Calabresi e, ça va sans dire, ha criticato il (spero) nascente governo Lega-5 Stelle, ricorrendo a due classici dello spin, la […]

  

Ci vediamo presto a Como, poi a Padova, poi a Locarno.

comoDcWlwfWWAAAWToR.jpg large

Diversi lettori mi chiedono aggiornamenti sulle mie conferenze sulla manipolazione dei media e di presentazione de “Gli stregoni della notizia.Atto secondo“, che da ormai sei settimane è in testa nella classifica Bestseller di IBS Libri (Società, politica e comunicazione – Argomenti d’interesse generale – Studi sui mezzi di comunicazione di massa). Lietissimo di accontentarvi. Lunedì 7 maggio sarò a Como per partecipare al dibattito sulla “Fabbrica delle fake news”, organizzato da costruiamo.org con Alessandro Nardone, diventato famoso per essere riuscito a farsi accreditare dai media come candidato alla Casa Bianca, e l’intervento conclusivo (certamente scoppiettante) di Claudio Borghi Aquilini (0re […]

  

Visto? Gli italiani premiamo la coerenza. Per questo Salvini vola

salvini

Mi verrebbe da dire: visto? Gli italiani chiedono davvero una politica diversa. Dieci giorni fa, prima del voto in Molise, osservavo in un post che il vento nel Paese era cambiato, che gli elettori attribuivano particolare importanza alla coerenza dei leader politici, soprattutto a quelli della protesta contro l’establishment (M5Stelle, Lega, in primis) e che non avrebbero accettato di essere traditi un’altra volta. Questa era la ragione per cui la popolarità di Salvini continuava a salire e quella di Di Maio a scendere. E mi chiedevo: il capo pentastellato saprà ascoltare questo messaggio? La risposta è arrivata chiara e forte […]

  

Ci siamo: la UE crea una rete di censori. La libertà d’opinione è in pericolo!

censura 22

E’ da un anno e mezzo che l’Unione europea e gli Stati Uniti preparano il terreno. E ora ci siamo: tra non molto avremo una rete di fact-checkers, naturalmente indipendenti, naturalmente rispettosi di un rigoroso codice etico e naturalmente dediti alla causa suprema: la lotta alle fake news ovvero del mostro che agita i sonni dell’establishment. Tutto questo, in realtà, come ripeto da tempo, ha un solo scopo: legittimare l’introduzione della censura, limitare l’impatto e la diffusione di idee non mainstream, naturalmente negando che di censura si tratti. Ma così sarà: non c’è vera democrazia quando qualcuno si arroga il […]

  

Quella voglia degli italiani di cambiare davvero il Paese. E di non essere ancora una volta traditi

Sala gremita a Roma per la presentazione de gli Stregoni della noitizia. Atto secondoAlberto Bagnai, Marcello Foa, Vladimiro Giacché sabato a RomaSchermata 2018-04-22 alle 17.56.57

Qualcosa sta cambiando in Italia e in bene. Mentre fino ad alcuni mesi fa ogni volta che avevo l’opportunità di partecipare a incontri pubblici, percepivo soprattutto rabbia e in certi casi addirittura rassegnazione, ora sento voglia di reagire, di combattere, di sperare. Non che i problemi di fondo siano stati risolti: la lievissima crescita economica ha semplicemente mitigato i problemi, arrestandone la caduta. La disoccupazione resta su livelli inaccettabili, l’imposizione fiscale è proibitiva e recessiva, le preoccupazioni per le pensioni e la tenuta del sistema sociale immutate. L’altro giorno un amico commercialista mi ha detto: nemmeno al Nord si creano […]

  

Cara Botteri, sulla Siria sbagli e ti spiego perché

Foa e Botteri a Tg3 Linea Notte

Il mio intervento di giovedì scorso a TG 3 Linea notte è diventato virale sui social media. Decine di migliaia di condivisioni per aver detto – in un estratto di due minuti – che, come dimostra la Siria e come già avvenuto in Iraq, i giornalisti abboccano troppo facilmente alla propaganda e non imparano dai propri errori. In collegamento, purtroppo solo nei minuti finali, c’era da New York Giovanna Botteri, corrispondente dalla Rai, che naturalmente, dalla mimica facciale, pareva non essere molto d’accordo con me. Diversi lettori mi hanno chiesto: ma com’è andata a finire? Cos’ha detto la Botteri? Potete […]

  

Le prove non ci sono, ma Trump spara lo stesso: orrore!

images-35

L’attacco di questa notte rappresenta un grave errore e una svolta nella politica estera americana. E’ un gesto di intimidazione nei confronti del regime di Assad, ma anche – e forse soprattutto – nei confronti della Russia e dell’Iran. Non ci sono prove sull’uso di armi chimiche alla Douma. Giovedì Macron assicurava di avere riscontri sulle responsabilità di Assad, riscontri che però non ha esibito. Infatti nelle stesse ore il segretario alla Difesa degli Usa James Mattis, in audizione al Congresso, dichiarava che non ci sono vere prove ma solamente indizi forniti da media e social media.  Ciò nonostante l’attacco […]

  

La Siria come Skripal: inganno e follia. Fermate la mano di Trump!

attacco

Attenzione: la situazione in Siria non è mai stata tanto critica. Nel giro di pochi giorni siamo passati dall’annuncio di un possibile ritiro dei soldati americani a quello di un possibile e devastante attacco con i missili su Damasco. Ieri sera Eurocontrol, l’ente che controlla il traffico aereo, ha allertato le compagnie aeree che operano nel Mediterraneo orientale di “possibili attacchi aerei entro 72 ore”. E Mosca ha avvertito Washington e Parigi che risponderà militarmente se quella che considera “la linea rossa sarà superata”. Il rischio di una spirale, e dunque di una guerra, è concreto. E tutto questo su […]

  

Metti una sera con Bagnai e Giacché a parlar di media…

Schermata 2018-04-08 alle 10.57.00

A prendere l’iniziativa sono stati Sebastiano Caputo e Lorenzo Vitelli, che animano un sito fuori dagli schemi come l’Intellettuale dissidente    ed è assai promettente. Già, perché se chiami Alberto Bagnai, Vladimiro Giacché e il sottoscritto a parlare di informazione e di fake news, certamente non si ascolteranno banalità, né verranno rilanciate le solite visioni mainstream  sul ruolo della stampa. Al contrario: si andrà in profondità e con una capacità critica fuori dagli schemi. L’incontro è previsto sabato 21 aprile a Roma, ore 17 , alla Piazza San Salvatore in Lauro e sarà l’occasione per presentare nella capitale il mio […]

  

“Grazie Foa, hai cambiato il mio modo di fare giornalismo”. Belle emozioni a Belgrado

Intervista al primo canale della tv pubblica serbaL'edizione serba de Gli stregoni della notiziaL'intervista al quotidiano Blic

Ho appena trascorso un paio di intensi giorni a Belgrado, dove mi sono recato per presentare l’edizione in serbo del mio saggio “Gli stregoni della notizia”, tradotto magnificamente da Marin Pavic e pubblicato dalla casa editrice Clio, diretta da un uomo intenso, Zoran Hamovic. Intensi e bellissimi perché la Serbia è uno dei Paesi che ha vissuto in prima persona e drammaticamente gli effetti dello spin più estremo, ai tempi della guerra nell’ex Jugoslavia. E da giornalista fa effetto vedere le rovine di un’ala della Tv pubblica che alla fine degli anni Novanta fu bombardata pesantemente dalla Nato. Ma sulla […]

  

Putin è davvero colpevole? Qualcosa proprio non torna nel caso Skripal

caso skripal

Siamo proprio sicuri che ad avvelenare l’ex spia Skripal e sua figlia siano stati i russi? Permettetemi di avanzare più di un dubbio esaminando con attenzione le notizie uscite finora. I punti che non tornano sono questi: Primo. Qual è il movente? Quale l’interesse per Putin? Mi spiego: tutti riconoscono al presidente russo grande sagacia nel calibrare le sue mosse. Eccelle sia nella strategia che nella tattica. Da tempo sappiamo che gli Stati Uniti (i quali trainano l’Europa) sono impegnati in un’operazione di logoramento del Cremlino volto a ottenerne un riallinamento su posizioni filoamericane, che potrà essere ottenuto con certezza […]

  

il Blog di Marcello Foa © 2018