Papa Francesco come non lo avete mai visto

papa-Francesco-libro-2016_o_su_horizontal_fixed

E’ davvero bello il libro che Papa Francesco ha scritto con Andrea Tornielli, Il nome di Dio è Misericordia, edito da Piemme. E’ breve (poco più di 100 pagine), chiarissimo, semplice nella formulazione eppure al contempo è profondo, contemplativo e, soprattutto, rivelatore. Rivelatore, perché permette di capire chi sia il Santo Padre oltre il prisma dei media, dunque chi sia l’Uomo Francesco prima ancora del Papa, nella consapevolezza che questo Papa è così perché è quell’Uomo. E non è un gioco di parole. Non è facile rimanere fedeli a se stessi quando si è chiamati a un compito tanto alto […]

  

Che orrore il gender: confonde i diritti di tutti, anche dei gay

BVLGARI At amfAR's 21st Cinema Against AIDS Gala Presented By WORLDVIEW, BOLD FILMS, And BVLGARI

Provate a chiedere a un bambino se vuol giocare alle bambole. Nove volte su dieci risponderà di no e si ritrarrà scandalizzato. Provate a domandargli se ha una fidanzatina : spesso rispondono con un espressione di disgusto : « Io non ho una fidanzatina, a me le bambine non piacciono », urlerà. E provate a chiedere a una bambina se ama giocare al calcio, se desidera fare giochi di guerra, se vuole azzuffarsi. Vi guarderà con un’aria sconsolata. E se le domandate se preferisce trascorrere le vacanze estive con una femmina o con il figlio della vostra amica, nove volte […]

  

Rom, Sarkozy è davvero un nuovo Hitler?

Leggendo la risoluzione di condanna della Francia votata ieri dal Parlamento di Strasburgo si ha l’impressione che Sarkozy sia diventato un nuovo Hitler e la Francia un Paese crudele. Non è così, naturalmente. Infatti: – La Francia sta applicando la norma europea che vieta la permanenza in un Paese se non si dispone di lavoro e redditi regolari. – La Commissione europea si è detta soddisfatta delle garanzie fornite dal governo. Ma ancora una volta prevale la retorica.La Francia cerca di risolvere una situazione che la grande maggioranza dei cittadini giudica intollerabile. Le ragioni dei gitani sono note, ma  è […]

  

Troppi figli di papà al potere: anche l’America tiene famiglia…

Devo questo articolo a un amico, Giovanni Barone-Adesi, prestigioso economista dell’Università della Svizzera Italiana, a Lugano. Una mattina, bevendo un caffé nella mensa dell’Università (a cui collaboro anch’io), mi disse che non riconosceva più le élite americane. Erano a suo giudizio troppo nepotiste. Ne ho tratto un articolo, uscito ieri su il Giornale, che prende spunto dalla candidatura di Andrew Cuomo al posto di governatore di New York, a lungo occupato da suo padre Mario. E il suo non è un caso isolato. Quelli dei Bush e dei Clinton sono noti, meno quelli del vicepresidente Joe Biden, che  è un tipo curioso. […]

  

Ecco come si manipolano i mercati…

Sto conducendo sul Giornale un’inchiesta sui retroscena della crisi finanziaria che sta colpendo la zona euro ovvero su quei fattori che, pur essendo poco noti al grande pubblico, sono determinanti per capire cosa stia accadendo. L’inchiesta ha trovato ispirazione e linfa anche dal dibattito in corso da tempo su Il Cuore del Mondo;  sono molto grato a chi partecipa a questo blog per la qualità dei commenti, l’originalità delle fonti e delle analisi. Insomma, questa inchiesta è un po’ anche vostra… Nella prima puntata, ho spiegato i rapporti privilegiati del mondo finanziario con il governo Usa e con la Federal Reserve, evidenziando come la Banca centrale Usa sia privata e […]

  

Ma perché a destra l’omosessualità è ancora un problema?

L’altra sera ho visto il film Mine Vaganti e mi è piaciuto assai. Commedia brillante, che uguaglia in certe scene l’umorismo del Vizietto, e al contempo profonda. Ferzan Ozpetek affronta con garbo e raffinatezza  il problema dei genitori che rifiutano l’omosessualità dei figli e al contempo propone, ancora una volta, riflessioni bellissime sulla forza dell’amore, sulla necessità di affrontare la vita assecondando il proprio talento anziché seguire, come fa la maggior parte della gente, le convenzioni sociali o solo l’interesse materiale. Reputo Ozpetek un regista straordinario e dissento da chi lo considera “solo”  in quanto  gay. E’ un artista che […]

  

Città invivibili ovvero quando l’Italia pensa in piccolo…

Viva i pensatori liberi, quelli fuori dagli schemi, fuori dai giochi di potere, ma competenti, brillanti, originali. Come dovrebbe essere sempre un intellettuale. In teoria, la realtà purtroppo è ben diversa. Antonio G. Calafati appartiene a questa specie rarissima. Insegna Economia urbana alla Facoltà di Economia «Giorgio Fuà» dell’Università politecnica delle Marche, e da poco ha pubblicato un saggio – Economia in cerca di città. La questione urbana in Italia (Donzelli editore) – in cui dimostra gli errori colossali commesi dalle città italiane nel loro sviluppo urbano. Nell’intervista che mi ha concesso spiega la differenza con le atre grandi città europee, come […]

  

Internet favorisce la manipolazione dei cittadini?

Sono a Vienna per partecipare a una conferenza sul futuro del giornalismo, organizzata da Medienhaus Wien in collaborazione con Maz e l’Osservatorio europeo di giornalismo (di cui sono cofondatore). Stanno emergendo molti spunti interessanti, grazie al livello molto alto dei partecipanti. Sono rimasto colpito dalle considerazioni di Phil Meyer, lo studioso americano che per primo pronosticò il declino della carta stampata nel saggio The vanishing newspapers. Meyer oggi è preoccupato per la piega che sta prendendo l’informazione on line. A suo modo di vedere nell’era digitale lo spin, intesa come manipolazione, diventa ancora più facile e invasiva perché internet incoraggia […]

  

Quando il sindacato si comporta in modo antisindacale…

La missione di un sindacato è di difendere i lavoratori che subiscono soprusi da parte dei datori di lavoro. Dunque ci si aspetta che il sindacato sia ineccepibile quando assume dei dipendenti. Ma l’Italia è un Paese curioso e la Cgil non sempre coerente. Anzi… Qualche giorno, il mio collega Antonio Signorini ha svelato la storia di una ragazza che la Cgil ha fatto lavorare in nero nei propri uffici calabresi per anni e poi è stata allontanata senza alcun tipo di tutela. L’altro giorno, in questo articolo, ho svelato il comportamento molto disinvolto della Cgil Puglia, che ha chiuso […]

  

Ogni tanto anche i piccoli vincono…

Finalmente una buona notizia: il Senato ieri ha approvato la legge che tutela finalmente chi produce davvero in Italia nei settori tessile, calzaturiero e pelletteria, una legge che impedirà a chi fabbrica i propri capi in Cina o in Vietnam, di usare il marchio Made in Italy. Ne avevo già parlato lo scorso dicembre, in occasione del sì della Camera, ma molti di voi avevano accolto la notizia con scetticismo, temendo boicottaggi e ostruzionismi della grande industria. Che infatti ci sono stati. Le lobby sono riuscite per qualche mese a insabbiare la legge e poi a presentare ben 50 emendamenti. Ma alla […]

  

L’Italia ha rinunciato ad essere migliore?

Quando sono all’estero (come in questi giorni) riesco a seguire le vicende italiane con il dovuto distacco; non più al centro dell’arena, ma da lontano,  come un osservatore. Un distacco salutare, che però non mi induce all’ottimismo sul futuro del Paese. Ho letto dello scandalo Fastweb-Telecom- ‘ndrangheta- Di Girolamo, ho seguito il seguito della vicenda Bertolaso e degli appalti della protezione civile, ho ripensato agli scandali degli ultimi mesi, da Marrazzo ai vari episodi di corruzione che hanno toccato sia la destra che la sinistra, mi ha infastidito molto l’ipocrisia di Montezemolo e di certi leader di Confindustria che giudicano […]

  

L’Italia, una Repubblica basata sul sesso?

Sto seguendo con una certa perplessità il caso Bertolaso. Non so se sia colpevole o innocente. L’uomo mi è sempre piaciuto e nel suo mestiere ha dimostrato di essere bravo e competente, sarebbe davvero triste se si fosse lasciato tentare. In cuor mio spero di no, comunque vedremo cosa stabilirà la Giustizia. Quel che mi meraviglia, però, è l’oggetto del presunto baratto. Davvero Bertolaso si è fatto corrompere in cambio di una o più pretazioni sessuali, per quanto strepitose? Mi vien da dire: per così poco? Non può permettersi certe scappatelle da solo? Mah… La vicenda non è certo isolata. […]

  

il Blog di Marcello Foa © 2017