Berlino, tutto chiarito. Anzi, no

89b9bf5ce9972d9cfac6e0beb5427e4bPolish-lorry-driver-Lukasz-Urban-and-his-truck-used-in-the-Berlin-attack-572053

Ora appare tutto chiaro: sappiamo chi ha compiuto la strage di Berlino e sappiamo che non può più nuocere, grazie alla professionalità e al sangue freddo dei poliziotti italiani. Appare ma lo è davvero? Come sapete, il mio filtro interpretativo è rappresentato dalla comunicazione: analizzando le notizie che escono sui media si possono cogliere incongruenze, buchi nella narrazione, talvolta vere e proprie contraddizioni. Anche questa volta non tutto quadra. Innanzitutto, l’eroica resistenza dell’autista polacco. Ricordate? Cito il Corriere della Sera: Una lotta fino all’ultimo respiro per evitare la strage. L’autista polacco era ancora vivo quando il tir ha investito la […]

  

Orrore a Berlino, quel “dettaglio” che non quadra

img744200

Ancora una volta l’orrore, la paura e lo smarrimento. Certezze sulla matrice dell’attentato poche, se non un indizio consistente: sembra opera di un professionista. A rivelarlo sono alcuni dettagli, uno in particolare, su cui non si è posata l’attenzione dei media: l’esecuzione dell’autista polacco. A che ora è stato ucciso? Subito, ovvero nel pomeriggio quando si sono persi i contatti con il Tir, o nell’imminenza dell’attentato? Lo chiarirà l’autopsia. In ogni caso chi ha condotto l’operazione ha agito con straordinaria freddezza. Gli scenari possibili sono tre: 1) L’autista polacco è stato ucciso nel pomeriggio, ovvero alle 16, quando sono stati […]

  

il Blog di Marcello Foa © 2017