Migranti: anche il Dalai Lama dice basta. Per il bene di tutti

dalai lama

Ho avuto il privilegio di incontrare due vole personalmente il Dalai Lama, un simbolo di pace e di conciliazione fra i popoli. Ogni volta mi ha colpito il suo buon senso. Diceva: chi nasce cattolico deve restare cattolico, idem per chi è buddista o musulmano. Nonostante la sua straordinaria popolarità in Occidente, non ha mai fatto proselitismo, privilegiando sempre la difesa della diversità culturale e religiosa rispetto all’omologazione generata dalla globalizzazione. Negli incontri era molto cauto anche sui fenomeni migratori. proprio lui, che è stato costretto a fuggire dal suo Tibet, riteneva che l’emigrazione massiccia fosse controproducente e portasse i […]

  

Immigrati, qualche scomoda verità

Solo di fronte a 700 morti le coscienze si scuotono. Settecento morti sono troppi anche per chi in questi anni ha fatto finta di non vedere. Perchè la tragedia va oltre questa cifra, ha proporzioni davvero enormi, in quello che è diventato un domino  della disperazione, che oggi ci fa dire: si stava meglio quando Saddam, Gheddafi, ovviamente Mubarak e Ben Ali. Meglio non solo noi occidentali, meglio innanzitutto decine di milioni di arabi e di africcani a fuggire dalla guerra e dalle atrocità del fondamentalismo islamico più retrivo e violento. Prima c’erano delle ingiustizie e certi regimi (Gheddafi e […]

  

Cari buonisti, siete crudeli (perché ingannate gli immigrati?)

Dunque Alfano annuncia il prossimo sbarco di 600’000 immigrati. Disperati, in cerca di una vita migliore o, forse, illusi dal mito, propagato dai media, dal cinema e dalle leggende metropolitane, di un’Europa Eldorardo dove tutto è facile, bello, e dove ci si può arricchire facilmente. Le ragioni dell’immigrazione sono molteplici, però alcuni dati sono incontrovertibili. La depenalizzazione del reato dell’immigrazione rappresenta uno straordinario incentivo per i trafficanti di uomini – autentici, moderni luridi schiavisti – che si arricchiscono sulle spalle di persone sovente ingenue. Complimenti vivissimi al governo Renzi. L’Unione europea continua a incoraggiare – di fatto -l’immigrazione extraeuropea, promuovendo […]

  

Le amnesie di Sarkozy (e della stampa francese)

Sul fronte immigrati sembra scoppiata la pace tra Italia e Francia, meglio così anche se bisognerà verificarne l’attuazione. In questi giorni di accese polemiche mi hanno colpito due aspetti. Da un lato l’ipocrisia di Sarkozy, che lancia una guerra in Libia per difendere i diritti umani e in nome della solidarietà tra i popoli, ma al contempo fa di tutto per respingere alle frontiere decine di migliaia di immigrati che, invece, in nome dei diritti umani e della solidarietà tra i popoli dovrebbe accogliere. L’ipocrisia è doppia. I tunisini sono di cultura francofona e infatti parlano benissimo francese; è inevitabile […]

  

Immigrati fuggono. Dal “nuovo” paradiso arabo

Qualche settimana fa abbiamo visto le immagini della folla tunisina che esultava per la cacciata del satrapo Ben Ali e il mondo si è commosso salutando l’inizio di una nuova era di pace, prosperità e progresso. In queste ore va in scena lo stesso film ambientato al Cairo, con una sola differenza: il satrapo si chiama Mubarak ed ha resistito al potere più del previsto. Per il resto tutto uguale, così come identica è la retorica dei media occidentali che inneggiano alla libertà, alla gioia della folla, al risveglio del mondo arabo. Eppure proprio in queste ore è ripreso lo […]

  

Basta sciocchezze sul Veneto egoista…

Per giorni la grande stampa ha ignorato la tragedia in Veneto, poi ha iniziato a occuparsene, ma svogliatamente, come se si trattasse di un dramma marginale. E da qualche giorno, a sinistra, fioccano commenti strampalati o scioccamente provocatori. Ad esempio, Michele Serra, ieri su Repubblica, ha scritto: “Se oggi viene percepito come “cosa dei veneti” un dramma che fino a pochi anni fa sarebbe stato condiviso da tutta la nazione, è anche colpa del localismo cieco e masochista che ha avvelenato il Nord. La forsennata speranza di fare da soli, di non avere bisogno degli altri, di potersi chiamare fuori […]

  

Immigrati, lo scandalo continua. E chissene…

Un collega di Avvenire, Antonio Maria Mira, ha avuto un’idea semplice e brillante: è tornato a Rosarno. Ricordate? E’ il paese calabrese dove scoppiò la rivolta degli immigrati contro l’ignobile sfruttamento a cui erano sottoposti. Ci furono polemiche e le autorità assicurarono: mai più! Ebbene, tutto è tornato come prima: gli immigrati sono pagati pochissimo, malnutriti, costretti a vivere nelle baracche. Purtroppo non possiamo nemmeno stupircene: il Paese è fatto così, con una tendenza particolarmente accentuata al sud. Ci si accorge di certi problemi quando i media ne parlano, per qualche giorno si prendono delle precauzioni, ma poi tutto torna […]

  

Obama scheda gli immigrati con l’iride. Ma, guarda caso, nessuno protesta…

In questo articolo svelo una notizia passata sotto silenzio sulla grande stampa americana e non. Barack Obama ha deciso, in via sperimentale di schedare gli immigrati usando la tecina dell’iride, che, come noto, è infallibile e immodificabile. Anzi, svelo due notizie. La stessa Amministrazione Obama applica da tempo un programma, Operation Streamline che consente di arrestare, processare ed espelle in giornata clandestini intercettati nei pressi del confine messicano. Ogni giorno 700 immigrati ricevono questo trattamento, ma Obama vorrebbe che fossero almeno mille. La misura, assimilabile a espulsioni di massa, costituisce un processo sommario che chiaramente viola la Costituzione Usa. Ma […]

  

il Blog di Marcello Foa © 2019