La Germania ha ragione e l’Italia torto. Sei sicuro, amico mio?

images-23gettyimages-154440080farage trump

Il mio ultimo post su Draghi ha suscitato moltissime reazioni. Tra queste quella di un amico di lunga data che segue questo blog – di solito in silenzio e mi sa anche un po’ soffrendo …- il quale stavolta ha deciso di reagire. Alberto, questo il suo nome, è un interlocutore, preparato che conosce molto bene il mondo della finanza e il cui giudizio è motivato. Anziché rispondergli privatamente ho deciso di pubblicarla per esteso, e di rendere pubblica la mia replica.   Caro Marcello, dopo aver letto diversi tuoi commenti sulla situazione del nostro Paese all’interno dell’Unione Monetaria, ho […]

  

Renzi non potrà illudervi a lungo e dovrete scegliere: salvare l’Italia o salvare l’euro?

meme renzi merkel

Chi segue questo blog sa come la penso: da tempo ritengo che l’austerità e il Quantitative Easing di Mario Draghi non faranno uscire il Paese dalla trappola della pressione fiscale, del debito pubblico e della prevalenza delle logiche e degli interessi di banche e finanza. L’editorialista del Telegraph Ambrose Evans-Pritchard è dello stesso avviso e ritiene che i labilissimi effetti positivi provocati dalle misure tampone di Draghi e dal crollo del prezzo del petrolio si stiano esaurendo (qui la traduzione del suo articolo su Voci dall’estero). Per ripartire l’Italia avrebbe bisogno di riforme radicali, ma che nell’immediato producono uno shock, […]

  

Oltre la destra e la sinistra. Per non morire di euro

Avete mai sentito la voce di un amico che da mesi cerca il lavoro perso senza colpa? Un amico che non riesce più a pagare gli studi figli, che si dispera se l’auto si rompe, che per pagare la rata del mutuo stringe all’inverosimile la cinghia. E davanti a sè vede solo il baratro. Quando gli chiedi: “Come va?”. Lui ti risponde “Bene”, perchè orgoglioso ma la sua voce è ansimante anche se è seduto in poltrona e impercettibilmente tremula. E tu lo conosci troppo bene per non intuire il suo stato d’animo. Sì proprio lui che fino a 3-4 […]

  

il Blog di Marcello Foa © 2017