Un ricordo tra scuola, disinfettante ed epidemie

    A proposito di scuola, covid ed altre epidemie. Un ricordo particolare mi è ritornato alla mente attraverso l’odore ricorrente di amuchina di questi mesi di epidemia. Erano gli anni Sessanta. La maestra di prima elementare si chiamava Maria. Da tutti conosciuta a Camino Monferrato come “La Maestra Maria”, dove l’articolo conteneva in sè tutto il rilievo del personaggio e lo distingueva da tutta quell’altra parte delle Marie che popolavano l’alto Monferrato. I capelli bianchi e il registro di classe sotto il braccio facevano il resto. Un gran rumoreggiare di maniglia anticipava il suo arrivo nella enorme aula littoria della scuola […]

  

IL SEGRETO DI CERTI VIRUS

     Le notizie, rimbalzate in questi mesi, su un possibile incidente di laboratorio come causa scatenante dell’attuale pandemia rimandano, purtroppo, a casi storici ben noti. L’uso di virus per indebolire il nemico, si sa, è una pratica antica. La peste bubbonica, ad esempio, si affacciò in occidente nel 1347, quando i tartari, durante l’assedio dell’emporio genovese di Caffa in Crimea, lanciarono cadaveri di appestati per fermare l’avanzata mercantile occidentale. E la stessa macabra strategia di contagio fu utilizzata, nel 1763, dal comandante delle forze britanniche nel nord America, Jeffrey Amherst, che fece diffondere il vaiolo tra i nativi dell’Ohio […]

  

GERUSALEMME il sacro riapre

  Sono le 4 del mattino del 24 maggio. La notte comincia a schiarire verso le gole del Cedron, mentre i passi regolari di un uomo risuonano sul lastricato dei vicoli dì Gerusalemme. È diretto alla basilica del Santo Sepolcro, sul luogo del Golgota, dove i Vangeli pongono la morte e la resurrezione di Cristo. Là dove Elena, madre dell’imperatore Costantino, trovò il sacro legno su cui fu crocifisso il Messia; là dove riposarono le spoglie mortali di Goffredo di Buglione e dei re latini di Gerusalemme. La storia del mondo da due millenni ruota intorno a quella nuda roccia, […]

  

1918 LA GRANDE PANDEMIA

11 novembre 1918. Riuniti all’interno di un vagone ferroviario i rappresentanti delle nazioni vincitrici siglano le condizioni di pace della Grande Guerra. In quei mesi l’Europa è già stretta nella morsa di un virus influenzale che di lì a poco avrebbe scatenato una pandemia universale. Il focolaio che nel 1918 ebbe luogo nella neutrale Spagna – da cui prese il nome – dimostrò fin da subito un potere invasivo mai visto prima causando tassi di mortalità impensabili. Dalla Spagna (che contò 8 milioni di morti) il virus si diffuse subito al fronte di guerra attraverso l’invio di animali da soma […]

  

Il blog di Elena Fontanella © 2020
jQuery(document).ready(function(){ Cufon.replace('h2', { fontFamily: 'Knema' }); }); */ ?>