Ivan Zanoni un campione dell’arte alla Salomon di Milano, con sculture in ferro battuto ispirate a La Fontaine

Ivan_Zanoni_bracco_partic31x52x13_2009Zanoni_Luciano-018.rawZanoni_Ivan_2015_Testuggine_(delle_Anatre)_ferro_battuto_es._unico_cm_l_34_x_h_16_x_p16__Zanoni_Ivan_2015_Anatra_ferro_battuto_es._unico_cm_l_54_x_h_32_x_p_78_1274434370bbassa_Tartaruga_e_anatre_insieme_grande_a_piena_pagina_

Padre e figlio, o meglio una famiglia all’insegna dell’eccellenza dell’arte scultorea, del cesello, del ferro battuto. Pensate che l’opera degli Zanoni è nella collezione Bill Gates– che ha commissionato un albero d’Ulivo di quattro metri per la casa di Seattle- ed è apprezzata da critici internazionali legati al figurale, all’immagine, tra cui anche il collega Jean Clair -membro dell’Acadèmie Francaise ed ex direttore del Museo Pompidou-, che hanno colto e individuato la capacità di coniugare virtuosismo tecnico nel loro mezzo espressivo a uno sguardo contemporaneo. In Italia i due scultori sono rappresentati dalla Salamon&C.che per festeggiare i dieci anni di […]

  

Goncalo Mabunda e la guerra del trono. L’artista nel mirino di chi non sa leggere l’arte contemporanea.

tron-war-mabunda

L’opera, e che opera, si chiama “War Throne”, la guerra del trono, ed è realizzata, assemblata, interamente con armi dismesse. L’artista è Goncalo Mabunda, nato in Mozambico, che ha all’attivo mostre anche al MoMA e al Pompidou, e che da questa primavera vede, purtroppo, bloccato il suo lavoro ovvero un’opera di forte lettura, all’aeroporto di Philadelphia, dove i doganieri del Bureau of Alcohol, Tobacco and Firearms (ATF) stanno detenendo il lavoro perché accusato di essere una sorta di copertura per l’importazione di armi da fuoco. Ed è infatti quello “il genere” che il collezionista Adam Solow (che ha acquistato l’opera […]

  

Il lombardo Arturo Tosi in mostra a Firenze-Palazzo Pitti. Paesaggi e frutti della terra di un grande artista del Novecento.

thCAON94DTth2thCAWFOIAQth3thCAXCD0VMthCANUC9LHthCAUH5DQOthCANSWI1PthCAHDZOK2thCAEW44WIthCABW6VENth

                      La Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti, in linea con l’Esposizione universale che si tiene a Milano e che ha per tema “Nutrire il pianeta, Energia per la vita”, dedica un evento al pittore lombardo Arturo Tosi illustre artista che ha fatto del paesaggio e dei frutti della terra generoso tema esistenziale, con opere pittoriche che esaltano madre terra attraverso la bellezza, la poesia, la storia del paesaggio italiano e lombardo e il sentimento della natura generante. La mostra dal titolo “I frutti della terra. Arturo Tosi e altri […]

  

L’ultima creazione di Wim Tellier. Il fotografo belga si cimenta in tutto il mondo con gigantografie.

imagesgranchioWim-tellier-foto

Sembrerebbe una scultura nel centro di una piazza, ma anche un centro tavola. Tutto molto strano, forsanche urticante, per nulla piacevole. Ecco invece trattarsi di una delle mega creazioni del fotografo belga Wim Tellier, il quale pare divertirsi a disseminare alcuni luoghi, in questo caso una spiaggia a Knokke-Heist, cittadina nella provincia fiamminga delle Fiandre Occidentali, con le sue gigantesche fotografie; che arrivano a misurare fino a 1000 metri quadrati e oltre. In questo caso è un granchio. La più famosa realizzazione fotografica, e anche la più discussa, è quella realizzata anni fa al Polo Sud, composta di sei mega […]

  

Con Jeff Koons a Firenze si offuscano capolavori rinascimentali. La politica fiorentina oltraggia la cultura e l’arte italiana.

113907471-fb7e164e-e72e-4939-8bde-15de34cebb17Jeff-Koons-Pluto-and-Proserpina-480x560Jeff-Koons-Gazing-Ball-Barberini-Faun-480x639foto-4koons-gazing-balls-E.C.

Evento, quello di Jeff Koons a Firenze, che fino a qualche tempo fa qualsiasi Sovrintendenza italiana avrebbe bocciato. Oggi, se è stato messo in piedi, qualche motivo c’è. Forse, perché presidente del Consiglio è Renzi; eppoi perché a giorni debutta la Biennale Internazionale dell’Antiquariato, e Jeff Koons e il suo Plutone e Proserpina (2010-2013), davanti a Palazzo Vecchio, possono portare nuova luce a una fiera che si sta spegnendo. Tanto che il “Neue Zürcher Zeitung”, ha scritto che la nomina di Fabrizio Moretti, antiquario ed esperto di arte medievale con gallerie a Londra e New York, come direttore della più […]

  

L’artista Bruno Mangiaterra fra poesia e filosofia. Espone a Milano grandi opere concettuali che raccontano il mondo e la vita.

2-X_COMUN.4-X_COMUN.3-X_COMUN.1-X_COMUN.

La mostra dal titolo “Nel sofisma della visione” allestita dall’artista Bruno Mangiaterra (Loreto-Ancona 1952) con sue opere per lo più grandi hanno trasformato l’Artestudio 26 di Milano, offrendone una visione di ricerca assoluta, o meglio dando compiutamente l’idea di un sistema dell’arte che abbraccia il mondo intero. Qualche tempo fa scrivendo dell’artista marchigiano porgevo il lavoro dell’artista in quell’area di postclassicismo che assorbe, specie in Italia oggi, dinamiche concettuali. Non dimentichiamo che nella filosofia di Platone la “mimesi”designa il rapporto tra le cose sensibili e le idee. Le opere più recenti, e quelle in mostra a Milano per Expo 2015, […]

  

L’arte privata diventa pubblica nella cattedrale di Sheffield(Regno Unito). Uno schiaffo al sacro.

Chapman-Brothers-Sheffield13691165512UxRHM8BL._SX331_BO1,204,203,200_ea94cc1c-b6df-450a-aea1-4ead80354b10-2060x1236

                            Un progetto di arte d’avanguardia è partito a Sheffield, portando le opere provenienti dalle collezioni di quattro collezionisti privati internazionali nelle gallerie e negli spazi pubblici in tutta la città. La mostra sparsa in tutta la città, dal titolo “Going Public”, ha visto raramente pezzi di artisti quali Marcel Duchamp, i fratelli Chapman e Sol LeWitt, tutti appartenenti a collezionisti europei, esposti nelle università, in biblioteche, gallerie e anche nella cattedrale di Sheffield. Il progetto è il primo del suo genere nel Regno Unito, e si pone su come difendere la filantropia e come essa può lavorare con il […]

  

Giotto, il padre dell’arte moderna italiana. Una mostra a Palazzo Reale a Milano, celebra il ruolo rivoluzionario del pittore fiorentino.

thumb_23573_default_bigthumb_22385_default_bigthumb_22388_default_bigthumb_22389_default_bigthumb_22390_default_bigthumb_23572_cover_mediumthumb_22386_default_bigGiotto-lItalia-Palazzo-Reale-Milano-Polittico-Stefaneschi-particolare-250x382

Giotto è, senza dubbio, il padre dell’arte moderna italiana. Nell’anno di Expo 2015, Milano gli dedica una mostra che espone 13 capolavori assoluti, mai riuniti tutti insieme. “Giotto. L’Italia”, è una mostra assolutamente da visitare ed aperta fino al 16 gennaio 2016 a Palazzo Reale, evidenzia il ruolo rivoluzionario del pittore fiorentino, chiamato da cardinali, ordini religiosi e banchieri in diverse città della penisola. Ovunque abbia lavorato, Giotto ha avuto la capacità di influenzare le scuole e gli artisti locali, cambiando i connotati del linguaggio figurativo italiano. Le opere esposte – prevalentemente su tavola – mettono in luce il percorso […]

  

BORSINO DELL’ARTE. I dieci artisti italiani al top nel primo semestre 2015. Ricerca, bellezza e investimento sicuro.

05-2015-1-8105-2015-1-528indexb5597f04-795b-471e-b60b-731ea614acdct-simeti-cinque-ovali-color-sabbia-2008-acrilico-su-tela-sagomata-100x120Catalogo1019788401-2015-1-802412669_comp._di_formaggi_-_05_-_ol_tl_50x70_Cmimmo-rotella-omaggio-a-marilyn_pag.22_1images

E’ vero che fino agli anni Novanta del Novecento l’arte è stata un veicolo d’investimento con prezzi in continua crescita. Nel 1987 suscitò forte clamore in tutto il mondo la vendita del “Vaso con quindici girasoli” di Vincent van Gogh per circa 40 milioni di dollari, mentre nel 2004 per il “Ragazzo con pipa” di Picasso è stato sborsato per la prima volta un importo superiore a 100 milioni di dollari. E nel record delle opere più care mai vendute rientra anche Francis Bacon battuto all’asta per l’esorbitante cifra di 142,4 milioni di dollari. Ora, in pieno 2015 il mercato […]

  

Ecco i vincitori del Deutsche Börse Fotografia Premio 2015.

02_Press-Image-l-DBPP15-l-Mikhael-Subotzky-_-Patrick-Waterhouse-l-Looking-up-the-Core_-Ponte-City_-Johannesburg_-200803_Press-Image-l-DBPP15-l-Mikhael-Subotzky-_-Patrick-Waterhouse-l-Untitled-3_-Ponte-City_-Johannesburg_-200811_Press-Image-l-DBPP15-l-Viviane-Sassen-l-Lemogang_-201306_Press-Image-l-DBPP15-l-Mikhael-Subotzky-_-Patrick-Waterhouse-l-Untitled-4_-Ponte-City_-Johannesburg_-2008

Mikhael Subotzky (1981, Sud Africa) e Patrick Waterhouse (1981, Regno Unito) hanno ottenuto il Deutsche Börse Fotografia Premio 2015. Gli artisti hanno vinto per la loro pubblicazione Ponte City (Steidl, 2014), che traccia tra sociale e politico la storia di un condominio di 54 piani a Johannesburg. E ‘stato costruito sotto l’apartheid nel 1976 ed è stato originariamente concepito come un centro di vita aspirazionale per una élite bianca. Il premio £ 30.000 è stato presentato dall’artista e premio precedente Oliver Chanarin. Gli altri artisti finalisti per la Deutsche Börse Fotografia Premio 2015, cui sono stati assegnati ad ognuno £ […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2018