Il top dei musei nel mondo secondo la classifica del 2015.

whitworth-manchester

E’ fine anno ed è ora di classifiche anche nell’arte a livello mondiale. Tanto per farci un’idea di quanto veniamo dicendo, in Italia nel campo dell’estroflessione, il top, ovvero l’eccellenza, va a Turi Simeti. Nel campo dei musei poi è The Art Newspaper a elencare una shortlist con i migliori musei aperti nel 2015. E, guardando ai nomi tirati in ballo, non si può che acconsentire. Certo che sì. Al primo posto, infatti, c’è il meraviglioso Whitney Museum of American Art (422 milioni di dollari) progettato da Renzo Piano e aperto lo scorso maggio al Meatpacking District e che sotto […]

  

Carlo Portelli. Pittore un po’ sfacciato fra Rosso fiorentino e il Vasari. Una mostra a Firenze lo celebra e lo riabilita.

loro-ciuffenna-21Adorazioni-dei-Pastori-o-Novità-Carlo-Portelli-Chiesa-di-San-Michele-FirenzeCarlo-Portelliportelli_carlo-the_virgin_and_child_seated_with_a_bo~OMf0c300~10000_20100429_L10030_42portelli_carlo-madonna_and_child_with_st__john_the_b~OM405300~10000_20050127_N08061_179san-fedele-165261744685_f7b44e92dfimages1

La Galleria dell’Accademia a Firenze annovera, nell’ampia rassegna della pittura fiorentina della Maniera dispiegata nella Tribuna del David, una monumentale pala con l’Immacolata Concezione di Carlo Portelli, datata 1566 e originariamente destinata alla chiesa di Ognissanti, che può, a giusto titolo, essere considerata il suo capolavoro. Il pittore, per quanto titolare di importanti commissioni e fra gli artisti attivi per le maggiori imprese medicee, non ha goduto sin qui di una grande fortuna critica. Intorno a questa tavola visionaria e neo-rossesca che scandalizzò lo storiografo Raffaello Borghini (1584) per l’esibizione sfacciata e irriverente delle nudità di Eva in primo piano, […]

  

John Armleder progetta con l’arte le vetrine della Rinascente di Milano e fa Natale.

9719997197972009719897196john-armleder-rinascentejohn-armleder

John Armleder (nato a Ginevra nel 1948) è un performance artist svizzero, pittore e scultore. Il suo lavoro si è basato sul coinvolgimento con Fluxus negli anni 1960/70, quando ha creato performance art pezzi, installazioni e attività artistiche collettive che sono stati fortemente influenzati da John Cage. E’ certo che se la posizione di Armleder in tutta la sua carriera è stata quella di evitare di associare la sua pratica artistica con qualsiasi tipo di manifesto, la liberta di progettare e creare è senza dubbio evidente ancora oggi. E lo vediamo in questi giorni a Milano. Anzi lo vediamo e […]

  

Giorgio Bevignani racconta il mondo e la vita con reti, intrecci e tessiture. Una mostra a Londra ne chiarisce l’attualità.

I'M_READY_TO_LIVE_2I'M_READY_TU_LIVE_1I'M_READY_TO_LIVE_▩▩▩_5_copia_2Giorgio-Bevignani-Jordans-Red-Water-1-2009-610-modules-terracotta-pigments-nylon-200-x-200-x-150

“I’M READY TO LIVE” sta per “Sono pronto a vivere” . Già vivere, ovvero il mestiere di vivere, come diceva Cesare Pavese negli anni Cinquanta. Oggi il bolognese Giorgio Bevignani che risulta vincitore della terza edizione del premio Spotlight 2015 espone alla Andipa Gallery di Londra il suo ultimo lavoro che non passa certo inosservato. Devo confessarvi che ho apprezzato al massimo il lavoro artistico di Bevignani perchè prima che realizzato è pensato in una sorta di lavatoio filosofico.“Sertum. Desertum. Serto. Ghirlanda. Intreccio. Corona. Deserto. Exordior. Esordio. Orda. Ordito. Trama. Tessitura. Rete”. Mi dice: “Queste sono le parole all’origine del […]

  

Pio Monti festeggia i suoi quarant’anni di galleria a Roma con la mostra “Il futuro è passato”. Uno spazio storico per un gallerista storico.

pio-monti

                           La galleria PIOMONTI arte contemporanea presenta la mostra “Il futuro è passato”; il progetto espositivo nasce dall’idea di festeggiare ironicamente l’attività di Pio Monti che aprì il suo primo spazio romano nel 1975, preceduto dalla galleria Artestudio Macerata inaugurata nel 1969. Ricordo bene, benissimo, quegli anni Settanta a Roma e cosa è stata la galleria Pio Monti, io giovane professore di storia dell’arte che con il più illustre professore  e maestro Giulio Carlo Argan di cui ero assistente, abbiamo presenziato a più inaugurazioni mentre seguivamo i nuovi svolgimenti del contemporaneo, e soprattutto dettandone gusti, cadenze, stili e storia in […]

  

La storia dell’omosessualità al Deutsches Historisches Museum di Berlino. Emarginazione e provocazione tingono l’arte del XX secolo.

PaaE_Homosexuality_ies_1PaaE_Homosexuality_ies_7PaaE_Homosexuality_ies_8PaaE_Homosexuality_ies_12

“Homosexuality ies” è la mostra presso il Deutsches Historisches Museum e Schwules Museum (stilizzata come Schwules Museo) di Berlino. L’esposizione multi-sede ripercorre la storia di omosessuali e di identità queer nel corso degli ultimi 150 anni; anzi si possono ritrovare tutti gli elementi di una storia -storica e scientifica- fino ad oggi mai raccontata. La sezione del Museo Deutsches Historisches si concentra su momenti di svolta nella liberazione gay all’interno dello stato tedesco, occupandosi dalla “Constitutio Criminalis Carolina” del 1532 che condannava al rogo i colpevoli di atti contro natura”, alla lettera del 1868 in cui per la prima volta […]

  

James Tissot esposto al Chiostro del Bramante a Roma. Le opere dell’artista francese fra costume e alta società.

too-earlywaiting-for-the-ferry-1James_Tissot_-_Hush!remembrance-ball-on-board-1summerjames-tissot-1James_Tissot_-_On_the_Thamesjourney-of-the-magiJames_Tissot_-_Octoberthe-reception-james-tissot-18851

Per la prima volta in Italia, l’attesissima mostra sul grande pittore francese James Tissot (Nantes, 1836 – Buillon 1902), al Chiostro del Bramante di Roma, aperta fino al 21 febbraio 2016, dopo le importanti esposizioni dedicategli in tutto il mondo, al Petit Palais (Parigi – 1985), Victorian Life Modern Love (Yale Center for British Art, New Haven Connecticut – Musée du Québec, Québec City, Canada – Albright-Knox Art Gallery, Buffalo, New York, tra il 1999 e il 2000), James Tissot et ses Maîtres a Nantes al Musée des Beaux-arts (2005) e infine la mostra The Life of Christ del Brooklyn […]

  

Il Bambin Gesù delle Mani, esposto a Cortina. Parte di uno scandaloso capolavoro del Pinturicchio voluto da Papa Alessandro VI Borgia.

095935171-a9dc1d92-6742-4582-80c3-708e35ca1b53gesc3b9-bambino-benedicente-pinturicchioAlexander_VI_guiliascansione0008094832141-55a42894-9f42-4b33-beba-34d5a53802a9

Tutto nasce tra i segreti delle stanze vaticane, perché esso stesso è stato un segreto -e che segreto- ,poi una donna dalla folgorante bellezza, e ancora uno dei papi più discussi della storia, infine un pittore sublime e un quadro nascosto per secoli. Ora il “ Il Bambin Gesù delle Mani” del Pinturicchio è in mostra a Cortina d’Ampezzo, Museo d’Arte Moderna Mario Rimoldi, fino al 31 gennaio 2016, con il mistero, la storia e il fascino dei tempi potrà essere finalmente ammirato. Inizialmente si pensava che fosse una leggenda, impossibile che un’opera così scandalosa potesse essere stata realizzata, ma […]

  

Le sculture di Cereda alla Costantini Art Gallery di Milano.Raccontano la nascita del mondo, della vita e i naufragi dell’uomo.

andrea-cereda-il-difetto-originale-costantini-art-gallery1448370588b40939-Installazione_La_parte_sommersa_del_s_andrea-cereda-la-parte-sommera-del-sc3a8-costantini-art-galleryandrea-cereda-work-in-progress

La Costantini Art Gallery ospita per la prima volta nei propri spazi della galleria milanese, la mostra personale di Andrea Cereda. E’ una mostra povera per l’uso di certi materiali, ma ricca per le valenze storiche e filosofiche che vi si narrano. Le sculture di Cereda sono realizzate principalmente con fil di ferro e lastre provenienti da bidoni consunti, scoloriti e arruginiti che a volte subiscono un ulteriore trattamento di combustione, che conferisce alla lamiera un aspetto brunito con insolite e imprevedibili maculazioni cromatiche. In mostra sono presenti due cicli di opere: “Metamorphosis” e “La parte sommersa del se”. Il […]

  

Una Biennale d’Arte Digitale. L’imponente “The Wrong”, sconvolge l’intero mondo dell’arte, perché impreparato.

the-wrong-biennale-online(1)Warhol_lancio

                     Se amate l’arte, se ne andate pazzi, ma non avete le risorse finanziarie per affrontare il viaggio e il pernottamento per una delle numerose esposizioni in giro per il mondo, “The Wrong” fa decisamente al caso vostro. La nuova biennale digitale è stata infatti lanciata lo scorso primo novembre dallo staff di Indiegogo, con un ineguagliabile lista di oltre 90 curatori e mille artisti divisi in 60 padiglioni digitali e 40 “ambasciate”. David Quiles Guillò, uno dei fondatori, ha ricordato che l’evento resterà in rete per tre mesi, permettendo anche agli appassionati più impegnati di visitare tutta la biennale […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2018