Italia, un bel paese oggi irriconoscibile. Quattro libri ne raccontano sia tesori e capolavori, che miserie e distruzioni.

untitledcop25clt1fabroimagesCAKQ4BE5INT03F10BIS_3301722F1_14245_20130221194438_HE10_20130222-k57C-U431806501032355gF-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443untitled1

Cosa sia stata l’Italia nei secoli scorsi lo hanno ampiamente chiariti i viaggi che gli europei hanno compiuto nella nostra penisola, soprattutto con il “grand tour” del Settecento, per via dell’interesse per l’archeologia e la riscoperta della classicità. Il nostro Belpaese, divenne così la loro meta preferita, per quell’ enorme patrimonio culturale e la bellezza che racchiudeva fin d’allora la nostra Penisola. Viaggi culturali e di vita videro scendere in Italia personaggi illustri come John Milton, Laurence Sterne, George Byron, Johann Wolfgang Goethe, Wolfgang Amadeus Mozart, Michel de Montaigne, Montesquieu, compresi molti polacchi: Giovanni III di Polonia, Stanislao Augusto Poniatowski […]

  

Sculture di Mitoraj nell’area archeologica di Pompei. E’ lo spettacolo della vita che trionfa sulla morte.

A Pompei l'ultimo sogno del grande Mitoraj'Mitoraj in Pompeii', exhibition opens'Mitoraj in Pompeii', exhibition opensA Pompei l'ultimo sogno del grande MitorajA Pompei l'ultimo sogno del grande Mitoraj'Mitoraj in Pompeii', exhibition opensA Pompei l'ultimo sogno del grande Mitoraj

Trenta monumentali sculture dell’artista Igor Mitoraj hanno trovato collocazione nell’area archeologica di Pompei. E’ lo spettacolo della vita che trionfa sulla morte. Unire passato e presente, antico e contemporaneo è stata cosa ammirevole, e ciò è occasione da non perdere assolutamente. La straordinaria mostra postuma dell’artista polacco -ma italiano d’adozione- resterà visibile fino a gennaio 2017. Le maestose sculture in bronzo sono state collocate in diversi settori degli scavi, sotto la direzione artistica di Luca Pizzi dell’Atelier Mitoraj. Dal Tempio di Venere alla Basilica e al Foro, da Via dell’Abbondanza alle Terme Stabiane, dal Foro Triangolare fino al Quadriportico dei […]

  

Picasso e le arti e tradizioni popolari in mostra al Mucem di Marsiglia.

picasso-sorrento-villa-fiorentino03jpg-620x4461-img735718images9imagesimages3

Ancora pochi giorni per non perdere la mostra “Un genio senza piedistallo”, titolo della grande esposizione organizzata al museo MuCem di Marsiglia fino al 29 agosto, dedicata a Picasso e alle sue ossessioni infantili: il circo, la tauromachia, la ceramica, la colombofilia, temi che hanno alimentato la sua produzione artistica. Il Museo della civiltà dell’Europa e del Mediterraneo (MuCem) offre un’ esposizione sintomatica del talento prometeico di Picasso. I curatori, Joséphine Matamoros, del museo di Céret e di Collioure e Bruno Gaudichon, del museo di Roubaix, si sono concentrati sui rapporti del maestro con le arti popolari. Questo aspetto, utile […]

  

Le donne volanti di Lorenzo Cicconi Massi al Museo Nori de’ Nobili di Ripe-Ancona.

52131-20160331-lorenzo-cicconi-massi52431-dalla-serie-LE-DONNE-VOLANTI-2016-_7_52427-dalla-serie-LE-DONNE-VOLANTI-2016-_5_52421-dalla-serie-LE-DONNE-VOLANTI-2011-_3_52423-dalla-serie-LE-DONNE-VOLANTI-2015-_4_52429-dalla-serie-LE-DONNE-VOLANTI-2016-_6_

               Il senigalliese Lorenzo Cicconi Massi da sempre lavora con insistenza sulla bellezza femminile, mai tralasciando quella locale, specie quando affronta capitoli in cui gli scatti sorprendono le ragazze della sua provincia, prestate al ruolo di modelle, e in cui sono esaltati i ruoli del femminile. Il progetto è stato presentato per la prima volta in assoluto nelle stanze del Centro Studi sulla Donna nelle Arti Visive Contemporanee. L’artista da sempre prende di mira la bellezza fotografando figure femminili che, innalzandosi in volo, sono protagoniste indiscusse di immagini realizzate esclusivamente in bianco e nero. Corpi carichi di grazia, che con […]

  

Le stanze segrete di Sgarbi in mostra a Osimo. La collezione del critico, esempio unico di bellezza, di storia, di raffinatezza, di vera cultura.

13335653_1649135868742002_418742229506697786_n13335802_1646803388975250_6209944145457404886_n13521868_1662405887415000_1568986280018596581_n13237592_1637351413253781_7328094273640453801_n13659134_1670846126570976_4786221476126520231_n13537790_1662981580690764_7407980291799237945_n13775889_1676049496050639_5757579657640336943_n13934893_1684039901918265_8744433576246858406_nsafe_image

In un antico casale, calato come una sorta di paradiso terrestre nella Pianura Padana, si è negli anni portata a compimento una collezione   di eccezionale valore. E’ da questo capitale di bellezza ed economico che nasce la mostra che ha per titolo le “stanze segrete” di Vittorio Sgarbi, evento unico, mirabile, preziosissimo, partita proprio da qui, dai  27 ambienti dove il collega critico Sgarbi conserva la sua immensa e bellissima collezione d’arte: oltre 4 mila opere, una raccolta mai mostrata al pubblico italiano e nota soltanto agli estimatori d’arte suoi amici di casa. Ora immaginate un po’ cosa sono i […]

  

Lorenzo de Carris e i pittori eccentrici nelle Marche del primo Cinquecento. Al Museo Piersanti di Matelica una esposizione singolare.

03-Baldo-de-Sarofini-Musiculturaonline-253x30057d51b5612eb1d4524e8b07a40648bfa4091751clorenzo-de-carris-madonna-bambino201604261530182892ai4u4181ok02-Luca-Signorelli-Musiculturaonline-225x30005-Venanzio-da-Camerino-e-Piergentile-da-Matelica-Musiculturaonline-200x300

Attraverso la selezione accurata di pitture e sculture che vanno dal 1490 alla metà del Cinquecento, la mostra racconta l’arte nelle Marche del Rinascimento maturo e si snoda lungo un percorso cronologico e stilistico che accosta le opere di Lorenzo de Carris a quelle dei suoi contemporanei coma Luca Signorelli, Cola dell’Amatrice e Vincenzo Pagani. Lorenzo di Giovanni, che dal 1502 viene chiamato anche il Giuda (Matelica 1465/66- Macerata 1555 ca.)., era di origine slava e nacque a Matelica tra il 1465 e il 1466, la sua prima opera è una pala d’altare commissionata per la famiglia Turelli e destinata […]

  

“Leoni e tori. Dall’Antica Persia ad Aquileia”. L’eredità del mondo con statue, opere e reperti in mostra al Museo di Aquileia.

2c1f2f862f3a23a79e71b90814544a67a42e2438af3181fa853453340c86cbe16548f668d540e7d3373365a2e837b0c37af4ced3a2464b4c5140a94d6b148dd53beb30ac42586059b8d1aeaf339fb8b6e0e5cab5d5974b7080757513f2ed6ac2fb6c

La grande Persepoli, il centro urbano più grande e più bello del mondo quando Alessandro Magno arrivò davanti alle sue mura nel 330 a.C. Ma un incendio  tre mesi dopo, voluto o causato dallo stesso Alessandro, distrusse la più grandiosa città che l’uomo avesse costruito; difatti crollarono muri, statue e colonne; si fusero le lamine d’oro che ancora ricoprivano le statue e il trono, e di Persepoli restarono solo le rovine che ancora oggi resistono e si lasciano vedere a 50 chilometri dalla città di Shiraz, in Iran. Aquileia, uno dei più grandi e floridi centri politici, amministrativi e commerciali dell’Impero […]

  

Giacinto Gigante e i figli del re. A Napoli, alla Certosa e Museo di San Martino, una mostra del famoso paesaggista napoletano artefice della scuola di Posillipo.

downloadf0dd63ca9e6547b1e6fae5950b95ac4e993fe55images (3)images (5)images (4)download (1)

La mostra “Gigante e i figli del re”, a cura di Luisa Martorelli, organizzata in collaborazione con l’Associazione Culturale Wine & Thecity, è aperta ala Certosa al Museo di San Martino di Napoli. L’ esposizione è stata realizzata in occasione della nuova acquisizione di un acquerello di Giacinto Gigante dal titolo “Veduta della costiera amalfitana”, donato al Museo da Philip Athill collezionista londinese; l’opera fa parte di un album costituito da 57 acquerelli  appartenuto a Maria Pia di Borbone.  L’iniziativa vuole raccontare il procedimento adottato dal maestro nell’insegnamento della pittura di paesaggio.  L’acquerello “Veduta della costiera amalfitana” è firmato col monogramma […]

  

L’Arte insulta il Capo di Leuca. Sbarcata a Gagliano del Capo l’installazione di Shilpa Gupta, scambiata per una marca di pubblicità.

shilpa-gupta-gaglianoPalazzo_Ciardo_c1985920b9ad132cd76ec24585bc2f9dPROCESSIONE_SAN_ROCCO_b0f9db2064f352b8340bdc23871d99f3_77e59a2f02cbbb509dda1ff71bc3d351street-art-trenotreno797px-Chiesa_di_san_Rocco_Confessore_Gagliano_del_Capo_51bf3a791cc78408e7d1ad4c5445b652_a8cc88c95393c078e4385b8f882f4035street-art-treno-gagliano

Basta essere curatori di mostre per mettere in piedi un’esposizione o una installazione? Certamente no! Ogni manifestazione o installazione di opera d’arte va rapportata al luogo, al paesaggio, al territorio, alle architetture che la accolgono. C’è chi pensa, vista l’ascesa politica e la chiamata al Pac da parte di un assessore della giunta Pisapia, di andare al Sud, anzi nel Sud-Est, ovvero nel Salento perché adesso va di moda, senza aver letto prima “Contadini del Sud” di Rocco Scotellaro. Aggiungo, senza conoscere il territorio, né usi, costumi, tradizioni, senza sapere che il Sud Est d’Italia è quello cantato e decantato […]

  

L’avanguardia dei “Macchiaioli” in mostra a Roma. Riappaiono capolavori mai visti in pubblico prima d’ora.

Macchiaioli_Borrani_Cucitrici-698x2985299b92531e24594edf33ba7b7b26aea46cb3d8fMacchiaioli_DAncona_Lezione_di_pianoforteMacchiaioli_Fattori1Macchiaioli_Signorini_Non-potendo-aspettare

Dopo cinquant’anni dalla grande mostra della Galleria d’arte moderna ecco nuovamente a Roma “I Macchiaioli”, il movimento che si affermò per la pittura d’avanguardia del XIX secolo. La mostra è aperta a Chiostro del Bramante a Roma. L’esposizione ci offre oltre 110 opere che rappresentano la punta di diamante di ricchissime raccolte di grandi mecenati dell’epoca, personaggi di straordinario interesse, accomunati dalla passione per la pittura, imprenditori e uomini d’affari innamorati della bellezza, senza i quali oggi non avremmo potuto ammirare questi capolavori. Talvolta donate dagli autori stessi e più spesso acquistate per sostenere gli amici pittori in difficili momenti, […]

  

Il blog di Carlo Franza © 2018